TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Cercare è più facile e divertente quando incontri i pazienti”

“Cercare è più facile e divertente quando incontri i pazienti”

La ricerca sul morbo di Alzheimer presso l’Università di Lund ha una collaborazione internazionale e nazionale e Sebastian Palmqvist sottolinea l’importanza della collaborazione. “È una questione di grande sforzo da parte dell’intero gruppo di ricerca”, afferma, ed è soddisfatto del successo nella produzione di farmaci che possono rallentare la progressione del morbo di Alzheimer. Foto: Emily Gidburg

Attraverso la loro ricerca sull’Alzheimer, Sebastian Palmqvist e il suo gruppo di ricerca hanno ottenuto un grande successo negli ultimi anni. Ora è un nuovo docente presso l’Università di Lund.

Cosa significa per te diventare docente?

– così divertente! È quasi sicuro come un ricercatore clinico, in quanto non deve richiedere costantemente tutti i soldi per lo spazio per fare ricerca, ma invece essere assunto in modo permanente e ottenere un po’ di sostegno dall’università.

Raccontaci la tua ricerca – Perché ti sei interessato al morbo di Alzheimer?

Da studente di medicina, mi sono interessato alla cognizione e alla misurazione delle funzioni cognitive nel cervello. È diventato un progetto di laurea in cui ho esaminato i test cognitivi, e poi anche una tesi, quando ho sviluppato il mio interesse per il morbo di Alzheimer. Mi ha preso quando ho incontrato pazienti e parenti alla clinica della memoria e non c’era un trattamento curativo o lento.

Nel gruppo di ricerca, abbiamo esaminato come i test diagnostici possono essere utilizzati per migliorare la prognosi, ma la grande svolta è arrivata con il nostro studio su come gli esami del sangue possono diagnosticare precocemente l’Alzheimer con un tasso di accuratezza del 90%. Il plasma dell’analisi del sangue P-tau può stabilire la presenza della malattia di Alzheimer nel cervello e aumentare in risposta all’accumulo di beta-amiloide e tau. Il test è molto specifico per il morbo di Alzheimer e sale solo in questo e non ci sono altri tipi di demenza. Ora stiamo lavorando per implementarlo nei centri sanitari, il che potrebbe significare che gli anziani con problemi di memoria possono facilmente ottenere una valutazione iniziale presso il loro centro sanitario per quanto riguarda il rischio di Alzheimer. Parallelamente alla diagnosi, il campo è ben avanzato per quanto riguarda i farmaci imminenti per rallentare la malattia, come il lekanemab, poiché abbiamo recentemente ricevuto i risultati di un ampio studio di fase III. Questo trattamento con anticorpi modificanti la malattia ha prodotto risultati positivi su tutte le variabili di esito primarie e secondarie, rimuovendo l’amiloide-beta dal cervello e rallentando la progressione clinica del morbo di Alzheimer del 27%. Quando questo trattamento sarà disponibile in uno o due anni, la necessità di test diagnostici semplici e migliorati come la P-tau plasmatica sarà ancora maggiore.

READ  Scania settentrionale | È necessario un piano di assistenza equilibrato

Negli ultimi anni hai ricevuto numerosi premi e riconoscimenti per la tua ricerca. che cosa significa?

– È molto divertente, ma premi personali come questo a volte possono essere fuorvianti perché non stai guardando da solo nella tua stanza. C’è una grande cooperazione e impegno nei gruppi, in cui vengono generate molte idee sagge. Non voglio prendermi il merito, ma è chiaramente un fiore all’occhiello!

Volevi diventare un ricercatore all’inizio?

– Sì, forse c’era un tale desiderio già all’asilo, ma non è per questo che ho iniziato a studiare per diventare medico – l’idea era di lavorare clinicamente, cosa che faccio ancora part-time.

È importante vedere i pazienti?

– Sì, questo è importante per me per diversi motivi. La ricerca sembra più facile e divertente quando incontri i pazienti e vedi il vantaggio, che la ricerca e tutti gli algoritmi significano qualcosa! Intervistare i pazienti aiuta anche a ottenere domande clinicamente rilevanti e, quando si vedono i bisogni, è più facile pensare a ciò di cui abbiamo bisogno nell’assistenza.

Quali sfide affronterai in futuro nel gruppo di ricerca?

Con l’annuncio che presto avremo un farmaco per rallentare il morbo di Alzheimer, la sfida è trovare le persone il prima possibile e portare il farmaco nella pratica clinica. Un’altra domanda è chi trattare: si tratta di farmaci costosi che vengono somministrati per iniezione o infusione.

– È un tale piacere che il mondo abbia ricevuto il primo farmaco anti-Alzheimer e un ulteriore piacere è la licanmap sviluppata in Svezia!

Leggi di più! https://lakartidningen.se/aktuellt/nyheter/2022/09/svensk-lakemedelskandidat-bromsade-forsamring-vid-alzheimers/

Sebastian Palmqvist

professione: medico senior presso la Memory Clinic, Skåne University Hospital; Docente e docente presso l’Unità di Ricerca sulla Memoria Clinica, Università di Lund.

READ  Mondo: cinque miliardi di zanzare per proteggere 70 milioni di persone

età: 41 anni.

famiglia: La signora Emilie Gedeborg, psichiatra, e le figlie Ella e Maja, di 9 e 6 anni.

Vita: boschetto.

Flusso: Nuovo docente all’Università di Lund. Recentemente è stata insignita dell’Inga Sandeborg Award dalla Medical Association. Il premio viene assegnato ogni due anni “alla persona o alle persone che hanno conseguito il maggior merito attraverso attività scientifiche relative alla malattia di Alzheimer o ad altre malattie degenerative del sistema nervoso centrale”.

Giornale medico 40/2022

Lakartidningen.se