TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bonus influenza aviaria: il conto è brillante

– Non escludo – a seconda di come si evolve il problema – che potremmo aver bisogno di contribuire con fondi aggiuntivi, afferma il ministro degli Affari rurali Jenny Nelson (S) a TT.

“Questo è straordinario.”

In totale, poco più di 2,4 milioni di uccelli sono stati uccisi in Svezia dallo scorso autunno, quando la prima epidemia di influenza aviaria ha colpito un allevamento di tacchini a Skåne.

Da allora, molti equipaggi sono stati infettati, a Skåne e in altre province. Tra le altre cose, il più grande produttore di uova della Svezia a Münsteräs, nella contea di Kalmar, è stato duramente colpito dall’infezione, che in precedenza aveva causato l’interruzione della produzione.

L’infezione si sta rivelando più grave e mortale di prima. È un virus aerodisperso che può diffondersi dagli uccelli selvatici attraverso la ventilazione e l’infezione può essere trasmessa, ad esempio, tra le fattorie collegando uccelli, veicoli, strumenti, mangime, polvere e piume. Oltre alla Svezia, molti paesi in Europa sono stati duramente colpiti.

Hakan Henriksson, capo veterinario del Consiglio svedese dell’agricoltura, descrive la situazione come “eccezionale”.

Non abbiamo visto un’epidemia su larga scala come ha fatto durante la stagione 2020-2021. Non l’avevamo mai visto prima, ha detto a TT

Il conto sta ticchettando

Le mandrie colpite, che possono richiedere un risarcimento allo stato, tra le altre cose, costringendole a uccidere animali, ora ammontano a 24. Håkan Henrikson afferma che per lo stato, tutti lavorano con l’influenza aviaria ora significa un costo di almeno 460 milioni di SEK .

– Ma penso che potrebbe non essere l’ultima osservazione.

Il costo include il lavoro veterinario e gli sforzi effettivi delle forze armate svedesi, tra gli altri, per quanto riguarda l’epidemia, nonché un risarcimento per i proprietari di animali.

READ  The Lancet: uno studio sociale in Israele mostra che la doppia dose di vaccino Pfizer fornisce una protezione del 95% | Straniero

– Il valore dell’animale, il lavoro di cura e tutto ciò viene compensato al 100 percento – e possiamo rivederlo molto bene. Ma poi ci sarà una compensazione della perdita di produzione del 50% e sarà contrassegnata fino a quando non sarà di nuovo pienamente operativo.

Quindi il sussidio annuale originale di 133 milioni di dollari, che il Consiglio svedese per l’agricoltura riceveva in precedenza per lavorare con malattie infettive degli animali, non è più sufficiente.

Viene aggiunto più denaro

Ora, per quanto riguarda il budget di modifica della primavera 2021, il governo ha concordato con le parti cooperanti di spingere per ulteriori fondi per lavorare con le malattie infettive degli animali. 200 milioni di corone svedesi vanno a lavorare con malattie come l’influenza aviaria, oltre a ulteriori 60 milioni di corone svedesi per la produzione di visoni, che è costretta a fare una pausa a causa dell’epidemia.

Quando l’infezione regredisce negli uccelli è difficile da prevedere.

Quindi, ovviamente, è importante garantire di avere buoni strumenti con cui lavorare – sia dalle autorità, ma anche che l’industria riceva un risarcimento per la necessità di abbattere molti uccelli.

Trinidad e Tobago: lo Swedish Board of Agriculture prevede che il costo dell’influenza aviaria sarà di oltre 400 milioni – e non si ferma qui. Sono 200 milioni esattamente in quel momento?

Lo vedremo, ovviamente, come dice Jenny Nelson.

Abbiamo contato 200 milioni sulla richiesta avanzata dal Consiglio svedese dell’agricoltura di collaborare con noi al bilancio per il cambiamento di primavera per il momento.

Anna Carolina Erickson / TT

Gli uccelli selvatici (principalmente anatre) sono il serbatoio naturale per i virus influenzali H5N1 e H5N8.

READ  Alla polizia è vietato prendere il vaccino rimanente

Negli uccelli selvatici di tutto il mondo, una grande varietà di virus dell’influenza A circola senza causare gravi malattie negli uccelli. I focolai causati dai virus dell’influenza nei volatili selvatici si verificano principalmente nel pollame.

Altre specie animali possono anche essere infettate da alcuni tipi di virus dell’influenza A dagli uccelli – direttamente, attraverso il pollame – o da altre specie animali.

Non è raro che le persone vengano infettate. In alcuni casi, il virus può anche adattarsi per mutazione mentre altre specie continuano a diffondersi. Ad esempio, maiali, cavalli e esseri umani hanno sviluppato i propri ceppi di virus influenzali.

Fonte: Agenzia svedese per la sanità pubblica