TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuovo studio: malattia di Alzheimer – Quattro sottotipi distinti

La malattia di Alzheimer è caratterizzata da un’anormale proliferazione e accumulo della proteina tau nel cervello. Uno studio internazionale ora mostra come la tau si diffonde secondo quattro modelli distinti che portano a sintomi diversi con aspettative diverse per gli individui affetti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Medicine.

Contrariamente a come abbiamo finora interpretato la prevalenza della tau nel cervello, i risultati di questo studio mostrano che la patologia della tau nel cervello varia secondo quattro diversi modelli. Ciò significa che la malattia di Alzheimer è una malattia più eterogenea di quanto si pensasse in precedenza, il che ci dà motivo di riesaminare il concetto di tipica malattia di Alzheimer e a lungo termine anche i metodi che utilizziamo oggi per valutare Progressione della malattiaE il L’autore principale dello studio, afferma Jacob Vogel della McGill University.

La proliferazione di Tau nella corteccia cerebrale è un importante marker della malattia di Alzheimer. Negli ultimi anni è diventato possibile monitorare lo stoccaggio di proteine ​​nocive nel cervello delle persone viventi con l’aiuto della PET, una tecnologia avanzata di imaging medico.

Negli ultimi trent’anni molti I ricercatori descrivono lo sviluppo della patologia Tau nella malattia di Alzheimer utilizzando un modello, nonostante i casi ripetuti di pazienti che non si adattano al modello. Tuttavia, i risultati attuali spiegano perché diversi tipi di patina hanno sintomi diversi.

– Poiché le diverse regioni del cervello sono influenzate in modo diverso nei quattro sottogruppi, i pazienti hanno sintomi diversi e hanno anche aspettative diverse. Questa conoscenza è importante per i medici che indagano sui malati di Alzheimer e apre nuove ricerche per studiare se i quattro diversi sottogruppi della malattia di Alzheimer possono rispondere in modo diverso ai diversi trattamenti. Oscar Hanson, capo medico presso l’ospedale universitario di Skåne e professore di neuroscienze presso l’Università di Lund e l’area di ricerca strategica MultiPark, che ha guidato lo studio, afferma.

READ  Studio: il vaccino HPV riduce il rischio di cancro cervicale

Il quadro clinico completo della malattia di Alzheimer

L’attuale studio è una collaborazione tra ricercatori in Svezia, Canada, Stati Uniti e Corea. Insieme, i ricercatori hanno esaminato la popolazione più ampia e diversificata al mondo fino ad oggi utilizzando la PET tau che copre il quadro clinico completo della malattia di Alzheimer. Lo studio includeva partecipanti che non avevano ancora avuto il tempo di sviluppare alcun sintomo, la cosiddetta malattia di Alzheimer prima dei sintomi, partecipanti con lievi difficoltà di memoria e partecipanti con demenza di Alzheimer completamente avanzata.

Nel primo campione, i dati a lungo termine di 1.612 individui sono stati raggruppati in cinque studi multicentrici indipendenti. Tra questi, i ricercatori hanno identificato un totale di 1.143 individui che erano cognitivi normali o individui che hanno sviluppato la malattia di Alzheimer in diversi stadi.

I dati contenenti le immagini Tau PET di 1.143 individui sono stati inseriti in un computer ei ricercatori hanno applicato un algoritmo di dati, chiamato SuStaIne (sottotipo e inferenza di staging). Il materiale è stato elaborato dai ricercatori utilizzando l’apprendimento automatico in un processo automatizzato, al fine di poter distinguere tra sottogruppi e diversi modelli in modo il più neutro possibile.

Come previsto, diversi individui non hanno mostrato alcun segnale PET tau anormale e quindi sono stati automaticamente assegnati al gruppo tau negativo. Convalidando le immagini PET tau con una sesta coorte indipendente e seguendo gli individui per circa due anni, i ricercatori sono stati in grado di sviluppare quattro modelli che rappresentano meglio i dati degli individui rimanenti. Sebbene il numero di sottogruppi differisse per gli individui, tutti erano rappresentati in tutte le coorti.

Abbiamo identificato quattro distinti percorsi della patologia Tau che hanno caratterizzato nel tempo in cui la prevalenza di diversi sottogruppi variava tra il 18 e il 30 percento, il che significa che tutte queste varianti della malattia di Alzheimer sono in realtà molto comuni e nessuno domina così bene come avevamo precedentemente pensato, Oscar Hanson.

READ  Come faccio a perdere peso durante la menopausa

I ricercatori ritengono che sia importante capire meglio perché le differenze sono diverse per gli individui con malattia di Alzheimer. Nello studio, descrivono sistematicamente come le quattro diverse varianti della malattia di Alzheimer differiscono da anni in termini di come si diffonde la tau e quali sintomi si verificano.

  • La prima alternativa: La tau è principalmente diffusa Entro Il lobo temporale colpisce principalmente la memoria. La prima alternativa si è verificata nel 33% di tutti i casi.
  • La seconda alternativa: A differenza della prima variante, questa variante si diffonde in tutto il resto della corteccia cerebrale. L’individuo soffre di minori problemi di memoria rispetto alla variabile, nonostante le maggiori difficoltà nelle funzioni / abilità esecutive, ovvero la capacità di agire che riguarda il pensiero, la pianificazione e lo svolgimento di un’azione. La seconda opzione si è verificata nel 18% di tutti i casi.
  • La terza alternativa: La tau è immagazzinata nella parte posteriore del cervello nella corteccia visiva, cioè nella parte posteriore del cervello dove vengono elaborate e classificate le informazioni dal nervo ottico. L’elaborazione visivo-spaziale nel cervello è influenzata dalle impressioni percettive in individui con questo schema di distribuzione che hanno difficoltà, ad esempio, a orientarsi, distinguendo forme e linee, distanza, movimento e luogo degli oggetti in relazione tra loro. La terza variante si è verificata nel 30 percento di tutti i casi.
  • Quarta alternativa: La tau si diffonde in modo asimmetrico nell’emisfero sinistro e influisce principalmente sulla capacità linguistica dell’individuo. La quarta variante si è verificata nel 19% di tutti i casi.

L’ampia e diversificata base di tau-PET che esiste oggi, insieme ai metodi di apprendimento automatico di nuova concezione che possono essere applicati a grandi quantità di dati, ci ha permesso di rilevare e distinguere questi quattro sottogruppi del morbo di Alzheimer, tuttavia, noi Sarà necessario un follow-up più lungo di cinque-dieci anni in modo da poter confermare meglio i quattro modelli di trasmissione della patologia del Tau, dice Oscar Hanson.

READ  Nuove conoscenze dettagliate sulle proteine ​​dannose possono essere utili nella lotta contro il morbo di Alzheimer

I ricercatori ritengono che la Tau possa descrivere al meglio la malattia di Alzheimer attraverso un modello computerizzato che include modelli spaziotemporali, ovvero vede modelli nel tempo e nello spazio. Credono che le loro scoperte siano importanti per rivalutare la malattia e che questa nuova conoscenza in futuro potrebbe fornire ai pazienti modalità di trattamento più individualizzate.Per ulteriori informazioni sullo studio, contattare:
Oscar Hanson, Professore di Neuroscienze presso l’Unità di Ricerca sulla Memoria Clinica presso l’Università di Lund e Primario presso lo Skien University Hospital, [email protected], 0722-26 77 45.

Pubblicazione
Quattro percorsi distinti per determinare la deposizione di tauè essereEd nella malattia di Alzheimer
Natural Medicine 29 aprile 2021. https://www.nature.com/nm/

—————–
Contatta la stampa alla Lund University School of Medicine
: Katrin Ståhl, 046-222 01 31, 0725-27 97 97, [email protected]

La Lund University è stata fondata nel 1666 ed è stata più volte classificata come una delle 100 migliori università del mondo. Ci sono 40.000 studenti e oltre 8.000 dipendenti a Lund, Helsingborg e Malmö. Siamo uniti nel nostro sforzo di comprendere, spiegare e migliorare il nostro mondo e le condizioni umane.

Leggi altre notizie su Inserisci media | Università di Lunds Sentiti libero di iscriverti alla nostra newsletter A proposito di questo argomento! Alcuni degli oltre 5.000 ricercatori dell’università commentano gli eventi sociali attuali. Sul sito lu.se. è presente anche una sintesi delle ultime novità.