TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bolgheri: un paese delle meraviglie del vino tra i ristoranti Michelin della Toscana italiana

Permise anche al cognato e vicino di casa Niccolò Antinori di degustare il vino. Alla degustazione era presente anche il giovane figlio di Niccolò, Piero Antinori, che ne è rimasto incuriosito. Chiese se poteva lavorare e fare vino. Ce l’ha fatta e sarà un successo.

Da quando Nel 1971, l’antico frutto di Sasigaya arrivò sul mercato e sempre più coltivatori iniziarono a mostrare interesse per la regione. Polgari ha improvvisamente trovato la sua strada sulla mappa del vino del mondo e ha affrontato la concorrenza con regioni vinicole come Bordeaux e la California.

– Creato dalle famiglie Polgari. Non ci sono cooperative qui, ma aziende familiari di varie dimensioni che lavorano tutte per lo stesso obiettivo, afferma Albira Antinori.

Padre Giovanni ha avviato la premiata azienda agricola Chiappini nel 1978. Qui con le figlie Martina e Lisa. Foto: Alberto Blazetti

La famiglia ChiappiniL’uomo che ha contribuito al successo di Bolkheri ha una storia completamente diversa.

– La mia famiglia è venuta qui negli anni ’50. Durante una grande riforma agraria, le tasse furono aumentate e le grandi fattorie decisero di vendere la terra. I contadini toscani scelsero di trasferirsi nelle città e di allontanarsi dall’agricoltura. La campagna toscana era più o meno vuota di popolazione, dice Martina Chiappini.

Lei è il padre Giovanni è venuto in Toscana da bambino dalle Marche, una zona della costa adriatica, con tutto il suo paese.

– Circa 60 famiglie povere hanno cercato di farsi una vita migliore. Martina dice che si stabilirono intorno a Bolkheri dove ottennero la terra e iniziarono a coltivare ortaggi nel terreno sabbioso vicino al mare. Ma padre Giovanni voleva di più. Nel 1978 ha l’opportunità di acquistare un terreno vicino alle montagne, a poca distanza dal mare, e decide di piantare la vite al posto degli ortaggi.

READ  Chiama la risposta di Halfverson alla critica di Devon Kershaw