TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Avvertimento: metà della popolazione cinese scompare  il mondo

Avvertimento: metà della popolazione cinese scompare il mondo

Chuang Tsung-hsien, 36 anni, vive con i genitori e non ha figli: “Non ho trovato un partner adatto”.

Foto: Joji Olsson

Le aspettative indicano che la Cina si sta dirigendo verso il dimezzamento della sua popolazione.

Foto: Wang Anqi/Shutterstock

Grandi città come Tokyo, Shanghai e Seul ricordano un flusso costante di folla. Ma a vagare per le strade affollate dell’Asia orientale c’è una popolazione che invecchia e diminuisce.

L’anno scorso c’erano 830.000 giapponesi in meno. Dopo aver raggiunto un picco di poco più di 128 milioni di persone, dal 2010 la popolazione è diminuita ogni anno, per un totale di oltre cinque milioni di persone. Secondo un istituto di ricerca governativo, la popolazione rischia di diminuire di un altro terzo entro il 2070.

L’anno scorso sono nati nove milioni di cinesi: il numero più basso dalla fondazione della Repubblica popolare cinese nel 1949 e la metà rispetto al 2016. L’anno scorso la popolazione è diminuita di due milioni e i ricercatori locali mettono in guardia dalla deriva demografica al punto che potrebbe dimezzarsi in poco più di quattro decenni.

La Corea del Sud ha ora il tasso di fertilità più basso al mondo, pari a 0,72 nascite previste per donna. Questo è ben al di sotto del 2,1 necessario per mantenere la dimensione della popolazione. La banca centrale del paese adduce come ragioni gli orari di lavoro lunghi, gli alloggi costosi e l'assistenza all'infanzia al di sotto degli standard.

Il problema dell’Asia orientale

Taiwan aveva il tasso di natalità più basso del mondo. Dal 2020 la popolazione è diminuita e ogni donna dà alla luce 0,87 bambini nel corso della sua vita.

Chuang Tsung-hsien, 36 anni, è uno dei tanti taiwanesi senza figli. Dice che questa non è stata una scelta consapevole:

-Ho sempre fantasticato di avere figli, ma non ho mai trovato il partner giusto con cui farlo.

Descrive la sua generazione come quella più riluttante a rinunciare al comfort materiale e alla libertà di cui i suoi genitori non hanno mai goduto. Lei stessa lavora come guida turistica e viaggia all'estero quasi ogni mese.

READ  Shock a Kongsberg: "È molto irrealistico"

Chuang Tsung-hsin cita i prezzi delle case come un fattore alla base dello sviluppo.

Foto: Joji Olsson

Chuang Tsung-hsien vive con i suoi genitori e crede che i prezzi delle case rendano i giovani riluttanti a sposarsi. Il salario minimo a Taiwan è di circa 9.000 corone svedesi, mentre la rapida e diffusa urbanizzazione ha fatto salire i prezzi delle case.

Dei circa 51 milioni di abitanti della Corea del Sud, la metà vive nell'affollata area metropolitana di Seul, il che contribuisce a far scendere il tasso di fertilità del paese allo 0,55. In Giappone, il tasso di urbanizzazione è del 92% e, secondo le autorità, più della metà dei 1.700 comuni del paese rischiano di “scomparire” entro il 2040.

Stigma fuori dal matrimonio

Meno del 5% di tutte le nascite nell’Asia orientale avviene al di fuori del matrimonio; In Europa e negli Stati Uniti la percentuale è pari a circa il 40%. Avere figli fuori dal matrimonio può comportare stigma sociale e svantaggi legali.

Nel frattempo, il numero di matrimoni in Cina lo scorso anno è stato di 7,7 milioni rispetto ai 13,5 milioni di dieci anni fa nel 2013. Anche in Giappone, il numero di persone che si sono sposate lo scorso anno è stato inferiore rispetto a qualsiasi altro anno dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. ma i divorzi non sono ancora più alti rispetto all'anno precedente.

Tasso di natalità e fertilità

Il tasso di natalità è il numero di nascite ogni mille persone in un paese o in un'altra area geografica. Viene spesso confuso con il più importante tasso di fertilità o TFR, che indica il numero di nascite previste per donna.

Secondo le Nazioni Unite, per mantenere stabile la popolazione è necessario un tasso di fertilità pari a 2,1.

Secondo le Nazioni Unite, il Niger ha attualmente i tassi più alti, con un tasso di fertilità pari a 6,6. La Corea del Sud è il più basso del mondo con 0,72. Il tasso di fertilità della Svezia ha raggiunto l'1,5 lo scorso anno, il livello più basso mai misurato.

READ  L'Europa acquista più armi, la Russia ne vende di meno

Il calo della fertilità diventa più difficile da invertire quanto più a lungo continua questa tendenza. L’Accademia delle Scienze Sociali di Shanghai ha avvertito quest’anno che entro la fine di questo secolo ci saranno solo circa 525 milioni di cinesi, con 1,37 pensionati per ogni lavoratore.

Chuang Tsung-hsien ritiene che i giovani di oggi siano diventati più “selettivi” nella scelta del compagno di vita e che vivere da soli non sia più speciale:

Dice: non sento alcuna pressione da casa per sposarmi o avere figli, ma aggiunge che i suoi cugini e zii hanno cercato di farla sposare con potenziali mariti.

Un freddo appetito per la migrazione

In Occidente, l’immigrazione è importante per raggiungere l’equilibrio demografico. Ma i ricercatori giapponesi sostengono che gli elettori non vogliono vedere la migrazione dei richiedenti asilo, quindi i politici del paese non stanno spingendo la questione. Nel 2022, il Giappone ha accettato 202 rifugiati dopo aver respinto il 98% di tutte le richieste.

Taiwan non ha alcuna legge sui rifugiati. Come il Giappone, fa affidamento su lavoratori temporanei provenienti principalmente dal Sud-Est asiatico. Più di mezzo milione di indonesiani, vietnamiti e filippini lavorano a Taiwan, tra le altre cose, come lavoratori domestici e industriali.

Mezzo miliardo di cinesi avranno 60 anni o più nel 2050. Foto da Shanghai.

Immagine: Shutterstock

Tuttavia, il percorso verso la cittadinanza nella regione è quasi impossibile. Nel 2017 Taiwan ha introdotto un’esenzione per i lavoratori “qualificati”, determinando l’assunzione di poco più di 250 nuovi cittadini. I bambini nati da genitori stranieri a Taiwan devono, da adulti, richiedere il permesso di soggiorno anche se cresciuti qui.

In Cina l’immigrazione si oppone al nazionalismo e al welfare inesistente. La percentuale di residenti nati all'estero è considerata la più bassa della regione e del mondo nel suo insieme, inferiore allo 0,1%.

Non ci sono soluzioni facili

Invece dell’immigrazione, la Corea del Sud ha speso 270 miliardi di dollari dal 2006 in misure come sovvenzioni in blocco per nascita e assistenza infantile sovvenzionata. Anche il Giappone sta investendo ingenti somme e cercando di ridurre l’orario di lavoro e persino di equalizzare le differenze di genere. Il primo ministro Kishida Fumio descrive il periodo fino al 2030 come “l’ultima possibilità” per invertire questa tendenza.

READ  Putin è l’Hitler dei nostri tempi, quindi perché lesinare? | David Lagercrantz

In Cina, la propaganda tramite poster e app insegna ormai che due bambini sono meglio di uno, ma tre è meglio di tutti. Un programma pilota è stato lanciato in 20 città per creare una “nuova era culturale per il matrimonio e la gravidanza”.

Tuttavia, aumentare la procreazione con la forza è molto più difficile di quanto lo fosse quando venne bloccata durante la politica del figlio unico, che dal 1979 ha impedito quasi 400 milioni di nascite e creato un surplus di 30 milioni di uomini.

Inoltre, la Cina, a differenza del Giappone, rischia di invecchiare prima di arricchirsi. Un welfare sociale inadeguato costringe i giovani cinesi a pagare l’istruzione dei propri figli, nonché i costi dell’assistenza sanitaria dei genitori. Pertanto, il tasso di fertilità ha continuato a scendere da 1,8 quando la politica del figlio unico è stata completamente abolita nel 2016, fino al minimo di 1,0 lo scorso anno.

Conseguenze serie

Secondo Zhang Jun, preside della Facoltà di Economia dell’Università Fudan di Shanghai, mezzo miliardo di cinesi avrà 60 anni o più entro il 2050, rispetto ai circa 280 milioni di oggi. In Giappone, si stima che nel 2070 il 40% della popolazione avrà più di 65 anni. Ciò incide sulla produttività e sui consumi, con una conseguente minore crescita economica.

La Cina sta già perdendo tra i cinque e i dieci milioni di lavoratori ogni anno, e il numero dei pensionati aumenta più o meno allo stesso ritmo. Si rischia di aumentare la spesa per l’assistenza agli anziani e di tagliare il budget per la ricerca, l’istruzione e le forze armate.

Nel frattempo, l’immigrazione e un tasso di fertilità di 1,6 indicano che si prevede che la popolazione statunitense aumenterà del 30% entro il 2050, e neanche l’invecchiamento è così pericoloso. Pertanto, non è più chiaro se Pechino abbia il tempo dalla sua parte nella lotta geopolitica con gli Stati Uniti.