TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Approfitta del talento - indipendentemente dal background - SN

Approfitta del talento – indipendentemente dal background – SN

“Talento ma scarso: dagli un’uguale possibilità”, chiamava un poster della SSU Youth Union per la campagna elettorale nel 1948. La foto ritrae un ragazzo in corsa che lancia uno sguardo condiscendente a tre studenti felici, catturando come non fosse chiaro per il i giovani ad avere accesso High in Svezia negli anni Quaranta. Appena uscito dal liceo aveva una personalità elitaria: alla fine degli anni ’40 uno dei venti 20 anni prendendo studente. Una gran parte di tutti i dotati e i poveri non ha avuto un’opportunità in nessuna delle istituzioni educative o università.

Una tale società – dove non tutti i talenti vengono sfruttati – deve essere riformata in modo che non si veda sul tavolo. La crescente posizione della Cina come potenza economica, politica e militare ha dimostrato che non esiste un chiaro legame tra prosperità e democrazia. Tuttavia, è tra la prosperità e il merito, vale a dire, il talento e il successo – non il contesto familiare – dovrebbero essere cruciali per il proprio progresso nella vita lavorativa.

Sopra uno studio degli economisti Bruno Pellegrino e Luigi Zingales mostra chiaramente il rapporto tra meritocrazia e prosperità. Usano i dati di un sondaggio che pone domande come “I dirigenti senior vengono assunti in base a legami familiari o qualifiche?” e “I manager vengono premiati e promossi in base alla produttività?”. Nel loro studio, la Svezia è stata classificata come il paese più efficiente, mentre l’Italia è arrivata in fondo alla classifica.

Questa è una spiegazione importante per il fatto che l’economia svedese è cresciuta molto più velocemente di quella italiana negli ultimi decenni. Con l’inizio della rivoluzione delle tecnologie dell’informazione e del decollo della globalizzazione negli anni ’90, la pressione competitiva sulle aziende di tutto il mondo è aumentata. Secondo Pellegrino e Zingalis, dal 1995 l’Italia ha perso tra i 13 ei 16 punti percentuali di crescita della produttività a causa della sua attività “fidelizzata”. Allo stesso tempo, la Svezia ha ottenuto un miracolo nel campo della tecnologia dell’informazione. In una comunità meno degna, imprenditori come il fondatore di Spotify Daniel Ek (che è cresciuto con una madre single) o il fondatore di Klarna Sebastian Siemiatkowski (figlio di due immigrati polacchi) potrebbero non avere le stesse opportunità di realizzare le loro idee imprenditoriali.

READ  Naturalmente, le chiese dovrebbero essere aperte - oggi

Nonostante gli ovvi benefici del meritocratico, oggi l’idea è sotto attacco sia da sinistra che da destra. D’altra parte, ci sono teorici che credono che la meritocrazia sia un mito e che i gruppi privilegiati stiano ancora cercando di raccogliere i benefici per se stessi e le loro famiglie. Questo approccio permea, per esempio Black Lives Matter Movementmovimento. D’altra parte, alcuni, come il filosofo Michael Sandel, sostengono che la meritocrazia porta a una società a sangue freddo che condanna chiunque non eccelle accademicamente come un fallimento.

Come scrive il giornalista Adrian Wooldridge nel nuovo libro aristocrazia del talento Tuttavia, le soluzioni a questi problemi risiedono nella riforma del merito, non nel suo rifiuto. D’altra parte, bisogna cercare il talento nell’intera popolazione fin dalla tenera età, e alcune scuole devono poter essere più selettive dal punto di vista accademico. Allo stesso tempo, la formazione pratica dovrebbe essere valutata in modo che non vengano premiate solo le capacità cognitive. Come con la democrazia, la meritocrazia non è priva di difetti, ma ciò non significa che dobbiamo abbandonare l’idea di base. Per parafrasare Winston Churchill, il sistema del merito sembra essere il peggior sistema di ricompensa, a parte tutti gli altri sistemi provati nel corso dei secoli.