TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Anticorpi inaspettati forniscono una potente protezione contro gli omicroni

Anticorpi inaspettati forniscono una potente protezione contro gli omicroni

Hälsoliv è ora incluso in Expressen Premium. Qui troverai tutti i nostri materiali premium

E secondo l’Agenzia di sanità pubblica, sta continuando Diminuzione del numero di casi confermati di coronavirus – Ora la valutazione complessiva dell’organismo: la diffusione dell’infezione è in calo.

Durante la terza settimana, dal 16 al 22 gennaio, un totale di 17.518 persone sono state testate per covid-19 in Svezia. Si tratta di una diminuzione del 27% rispetto alla settimana precedente. Il maggior numero di persone campionate per 100.000 abitanti era nella fascia di età superiore agli 80 anni, seguita da persone di età compresa tra 70 e 79 anni.

Il 14 percento dei campioni è risultato positivo al covid-19 nella settimana 3, una diminuzione rispetto alla settimana precedente.

Tra il 16 e il 22 gennaio sono stati segnalati in totale 1.951 casi confermati di COVID-19, con un calo del 48% rispetto alla seconda settimana. aumentato del 53% rispetto alla settimana precedente. Delle persone che ricevono assistenza domiciliare, sono stati segnalati 241 casi confermati, il 55% in meno rispetto alla settimana precedente.

Epidemiologo governativo: “Pochi casi di XBB.1.5”

Soprattutto, circolano ancora le sottovarianti dell’omicron, BA.2 e BA.5.

La variante XBB.1.5 più contagiosa – chiamata anche “kraken” – finora era disponibile solo rilevato in un numero minore di risposte dal campione sequenziale in Svezia.

Anders Lindblom, epidemiologo statale presso l’Agenzia per la sanità pubblica. Foto: Agenzia di sanità pubblica

– Ci sono ancora alcuni casi di XBB.1.5 in Svezia. Quando ci sono pochi casi come adesso, è difficile dire qualcosa sullo spread se non che è a un livello basso. Ora è pari all’1,6% di tutti i casi sequenziati. ECDCLa valutazione dell’azienda è che ci vorranno uno o due mesi prima che prenda piede in Europa, se così sarà. XBB.1.5 rimane a livelli bassi in tutti i paesi europei, anche se ci sono differenze nazionali, afferma Anders Lindblom, epidemiologo governativo presso l’Agenzia per la sanità pubblica.

READ  Soffre di emicrania ogni giorno: gli antidolorifici hanno peggiorato la situazione

La protezione anticorpale nelle membrane mucose offre una nuova speranza

Allo stesso tempo, i risultati di uno studio svedese danno nuova speranza che la protezione degli anticorpi nelle mucose proteggerà da una nuova infezione da virus Corona.

Secondo i ricercatori in Karolinska Institutet E Danderyd Hospital, alti livelli di anticorpi nella mucosa nasale da una precedente infezione con la variante Omicron, anche se lieve, è probabile che forniscano una protezione di lunga durata – almeno otto mesi – contro la reinfezione con la stessa variante.

I risultati della ricerca sono pubblicati in bisturi Malattie infettive.

Lo studio è iniziato nella primavera del 2020 raccogliendo campioni regolari da un totale di 2.149 dipendenti del Danderyd Hospital e all’inizio dello scorso anno sono stati esaminati 338 membri del personale, tutti con tre dosi del vaccino Covid-19 nel corpo. per l’infezione da SARS-CoV-2. Foto: tilialucida/Shutterstock

Esperto: “Questo di per sé non è sorprendente”.

Ulrika Marking, assistente capo medico, dottoranda e autrice senior dello studio. Secondo il sito KI.seDice:

I risultati hanno mostrato che è possibile aumentare i livelli di anticorpi protettivi e permanenti nella mucosa nasale e che il numero di casi di esposizione al virus influisce sulla forza della risposta. Non sorprendente di per sé, ma importante da mappare, ad esempio, prima che venissero sviluppati i vaccini intranasali.

per me ki. se Lo studio è iniziato alla fine della primavera 2020 raccogliendo campioni regolari da un totale di 2.149 dipendenti del Danderyd Hospital, e all’inizio dello scorso anno sono stati esaminati 338 dipendenti, tutti con tre dosi di vaccino contro il Covid-19 in i loro corpi. per l’infezione da SARS-CoV-2.

READ  Sette nuovi infortuni nel governatorato: ecco come si presenta nei comuni

Questo rende i risultati più interessanti

Quando è iniziato lo screening, la maggior parte dei campioni aveva alti livelli di anticorpi nel sangue. Tuttavia, poco più della metà – il 62% – aveva anticorpi respiratori misurabili. Secondo lo studio, quelli con i più alti livelli di anticorpi respiratori avevano la metà del rischio di infezione a causa della variante Omicron.

Ciò che rende i risultati ancora più interessanti è che il gruppo di ricerca, quando ha seguito i partecipanti, è stato in grado di dimostrare che la protezione anticorpale dura per almeno otto mesi.

Il polline nasale emana una risposta immunitaria

Inoltre, i risultati hanno mostrato che coloro che erano stati infettati dalle prime varianti di omicron – all’inizio del 2022 – avevano un rischio inferiore del 90% di successiva infezione da BA.5 – la variante che circola ancora nella comunità.

I vaccini nasali possono fornire protezione nel tratto respiratorio

Charlotte Thalin, assistente capo medico e professore associato presso il Dipartimento di Scienze Cliniche, Danderyd Hospital, Karolinska Institutet, che ha condotto lo studio, secondo KI.se:

– Gli anticorpi nel sangue ci proteggono da malattie gravi, ma se vogliamo proteggerci dall’infezione, dalla diffusione dell’infezione e dallo sviluppo di nuove varianti virali, dobbiamo aumentare la risposta immunitaria del sistema respiratorio, dove affrontiamo il virus . Non lo otteniamo dagli attuali vaccini, che vengono somministrati attraverso i muscoli. Forse i futuri vaccini nasali potrebbero generare una risposta immunitaria nelle vie aeree, simile a quella che vediamo dopo l’infezione, e quindi rallentare l’epidemia.

READ  Nuovo studio: malattia di Alzheimer - Quattro sottotipi distinti