TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La malattia mentale si manifesta negli esami del sangue –

Non ci sono misure oggettive di diagnosi psichiatrica. Ma la ricerca è in corso in diversi modi. I più vicini sono gli esami del sangue per la sindrome da stanchezza e i test psicologici che consentono un trattamento personalizzato.

Oggi la diagnosi psichiatrica si basa su ciò che il paziente dice dei suoi problemi. Un paziente depresso può dire, ad esempio: “Non ho appetito, dormo male, ho molta ansia e sento che tutto è privo di significato”.

Il medico controlla anche il linguaggio del corpo del paziente, ad esempio che cammina, parla lentamente e appiattisce le espressioni facciali. Le scale di valutazione vengono talvolta utilizzate anche quando a un paziente è consentito indicare tramite un numero la gravità dei sintomi, in modo che il medico possa valutare la gravità della malattia. Anche le informazioni dei parenti possono essere utili nella valutazione.

La diagnosi psichiatrica si basa su una valutazione del comportamento. Il paziente, i suoi parenti e lo psichiatra. Foto: Nicolas Lobos, Unsplash

Ma non ci sono esami di laboratorio o radiografie che possano aiutare a fare una diagnosi, così come la glicemia alta nel diabete o le radiografie anormali nelle fratture ossee.

“Le diagnosi psichiatriche che abbiamo si basano sul consenso internazionale su ciò che chiamiamo depressione, schizofrenia e così via, un dibattito che va avanti da 100 anni”, afferma Lars Vardy, MD, professore di psichiatria al Karolinska Institutet.

Nell’assistenza sanitaria svedese, la classificazione diagnostica ICD-10 è utilizzata oggi in parallelo con il DSM-5, Vedi la casella dei fatti.

La schizofrenia può essere costituita da diverse malattie

Nel lavorare con i pazienti, biomarcatori misurabili sarebbero di grande aiuto per fare la diagnosi corretta e distinguere le diverse malattie mentali l’una dall’altra. È del tutto possibile, ad esempio, che quella che oggi chiamiamo schizofrenia possa trasformarsi in una serie di malattie con sintomi simili ma per ragioni diverse. In questo modo, gli stessi biomarcatori possono fornire indizi cruciali per identificare in definitiva le cause delle malattie, afferma Lars Vardy.

La tomografia a emissione di positroni, PET, è stata utilizzata per 40 anni per cercare di scoprire le basi biologiche della schizofrenia. Attualmente, la diagnosi, come altre diagnosi psichiatriche, si basa sul fatto che il paziente abbia un numero sufficiente di sintomi concordati da applicare alla diagnosi.

Immagini del cervello dal lato e dal retro

Immagini trasversali del cervello dalla risonanza magnetica.

Una telecamera PET mostra il cervello in 3D

Una sostanza contrassegnata da una radioattività di breve durata viene iniettata nel sangue e si fa strada
Nel cervello si lega a vari recettori per i neurotrasmettitori. Con una telecamera PET, la radioattività viene registrata, in modo da ottenere un’immagine 3D di come i recettori sono distribuiti nel cervello e puoi seguire i cambiamenti nel tempo.

La telecamera magnetica mostra la rete cerebrale

In una risonanza magnetica, una risonanza magnetica, una telecamera magnetica viene utilizzata per creare immagini in sezione trasversale del cervello. La risonanza magnetica funzionale misura i cambiamenti nel contenuto di ossigeno in diverse parti del cervello, poiché il cervello viene attivato dalla persona che esegue vari test.

READ  Nuovo studio: l'allenamento della forza riduce il rischio di morte prematura

Negli studi in cui gruppi di pazienti schizofrenici sono stati confrontati con gruppi di controlli sani, è stato osservato un maggiore rilascio del neurotrasmettitore dopamina nei pazienti rispetto ai pazienti sani. I pazienti hanno anche una maggiore capacità di convertire il precursore della L-dopa in dopamina. Ma i livelli differiscono notevolmente in entrambi i gruppi e c’è una sovrapposizione tra il paziente e il sano. Pertanto la PET non può ancora essere utilizzata nella diagnosi clinica.

Forse perché la schizofrenia è un gruppo di malattie che hanno sintomi simili ma cause diverse. Alcuni pazienti sperimentano dopamina iperattiva e altri no. Quindi non possiamo aspettarci di trovare un segnale diagnostico utile per tutti.

Meno serotonina nella depressione

È stato anche osservato a livello di gruppo che uno dei recettori per il neurotrasmettitore serotonina è presente in quantità inferiori nelle persone depresse rispetto alle persone sane, ma il problema è lo stesso qui: l’interferenza con le persone sane significa che il test non può essere utilizzato nella diagnosi.

– L’ultima ricerca sulla PET esplora le connessioni e le sinapsi tra i diversi neuroni
parti del cervello. Due studi preliminari suggeriscono una diminuzione della densità sinaptica nella schizofrenia. Lars Vardy afferma che molti studi sono in corso in tutto il mondo.

Differenze nel modo in cui il cervello comunica internamente

Predrag Petrovich è uno psichiatra e ricercatore presso il Karolinska Institutet. Attualmente sta collaborando con i ricercatori dell’Università di Oxford a studi su come le diverse parti del cervello comunicano tra loro, ciò che viene chiamato comunicazione. C’è una gerarchia: non tutte le parti comunicano con tutti e vedono le differenze tra persone sane e malate.

Un esempio è che maggiore è il rischio di sviluppare il disturbo bipolare, più distante è l’area davanti al cervello che è un importante centro di comunicazione, e quindi il paziente ha una scarsa comunicazione con il resto del cervello. La zona è importante anche per l’esperienza personale.

L’ipotesi è che una funzione compromessa in quest’area significhi che il cervello non segnala che si sta comportando in modo diverso dal normale. Ma come per la ricerca sulla PET, il problema è la sovrapposizione con la salute. Ma a lungo termine saremo in grado di vedere schemi individuali nel modo in cui le parti comunicano tra loro e quindi come funziona la persona.

Foto: Cassidy Dickens, Unsplash

L’IA impara a riconoscere la schizofrenia

Un’altra area calda della ricerca è l’apprendimento automatico, ovvero un tipo di intelligenza artificiale. Quando vengono inseriti i dati del cervello, un computer può imparare che aspetto ha il cervello di una persona con schizofrenia e quindi cercare lo stesso schema nei nuovi pazienti. Può quindi prevedere, con un’alta probabilità, se una persona ha la schizofrenia.

READ  Il controllo del glucosio riduce il rischio di...

– Ma non è stato ancora utilizzato clinicamente. L’accuratezza è molto scarsa e le nostre diagnosi sono molto imprecise. Le malattie non sono, ma una scala graduata da pochi sintomi a malattia estesa. Ma l’apprendimento automatico entrerà anche nel lavoro clinico.

I test cognitivi possono mostrare problemi

Ma la cosa che davvero è ci sono test psicologici per descrivere il profilo cognitivo, il che significa un’indagine su quanto sei abile in varie abilità mentali come la risoluzione dei problemi, l’adattamento dinamico e la regolazione delle emozioni. Puoi essere bravo in alcune di queste abilità, mediocre in alcune e pessimo in altre.

Tutte le persone hanno profili cognitivi diversi. I test esistono, ma clinicamente usano pochissimo. Ad esempio, nell’ADHD, i test possono mostrare se l’individuo ha principalmente problemi nella regolazione dell’attenzione o delle emozioni, in modo che possiamo aiutarlo in modo più accurato.

Test dell’udito nelle indagini su ADHD e autismo

La psichiatra infantile Emma Clasdotter Knutson ritiene che le indagini sulla psichiatria infantile a volte siano troppo soggettive, portando a una diagnosi eccessiva di autismo e ADHD. Quindi ho esplorato il metodo dell’audiometria del tronco cerebrale, ABR, che può essere utilizzato come complemento nelle indagini.

I giovani che hanno presentato domanda per un BUP sono stati sottoposti sia all’audiometria del tronco cerebrale che al consueto esame BUP con test neuropsicologici. Tutti i bambini con ADHD presentavano tre anomalie nell’ABR rispetto al gruppo di controllo. I pazienti nello spettro autistico hanno un’aberrazione.

Lo studio ha mostrato che l’ABR distingue il gruppo ADHD e autismo dal gruppo di controllo normale. Poiché abbiamo esaminato le differenze a livello di gruppo, non possiamo trarre conclusioni sull’individuo. Emma Clasdotter Knutson afferma che sono necessarie ulteriori ricerche.

Vengono utilizzati kit di test dell'udito per neonati

Un ulteriore sviluppo dei test dell’udito per i neonati potrebbe essere utile nelle indagini sull’ADHD e sull’autismo.

Audiometria nel tronco cerebrale

Sono utilizzati, tra l’altro, per testare l’udito dei neonati. Con gli elettrodi sulla fronte e dietro le orecchie, viene misurata la risposta automatica del cervello a un clic, mentre gli impulsi sonori viaggiano dal timpano verso il centro dell’udito nella corteccia cerebrale. La deviazione rispetto alla curva standard mostra la posizione del cambiamento nella reazione del tronco cerebrale. Nella ricerca su ADHD e autismo, è stato utilizzato un ulteriore sviluppo di questo metodo.

La sindrome da stanchezza si manifesta negli esami del sangue

Marie Osberg è professoressa emerita di psichiatria al Karolinska Institutet. Il suo gruppo di ricerca ha dimostrato che i pazienti con sindrome da stanchezza avevano frammenti nel sangue di astrociti, un tipo di cellula di supporto che si trova solo nel cervello. Avevano anche livelli elevati della proteina acquaporina 4 correlata al cervello.

READ  Il numero di nuovi casi di coronavirus è diminuito settimanalmente a Halland

– È molto interessante, perché parla degli effetti del cervello. Questi due segni vitali distinguono chiaramente tra esausto, depresso e sano. Può essere utilizzato clinicamente, ma costa denaro e devi sapere e credere che sia meglio di una valutazione clinica.

L’ultimo studio del gruppo ha mostrato che il test neuropsicologico MapCog, che misura la capacità di mantenere e spostare rapidamente l’attenzione, distingue anche molto chiaramente tra sindrome da stanchezza e controlli sani. Il test viene eseguito su un tablet e può essere eseguito da un assistente infermieristico presso il centro sanitario.

Il rischio di suicidio aumenta nel liquido cerebrospinale

Ci sono anche studi su pazienti con depressione maggiore che hanno dimostrato che bassi livelli di 5-HIAA nel liquido spinale, un prodotto di degradazione della serotonina, sono associati a un aumentato rischio di suicidio. Tuttavia, il test non viene utilizzato clinicamente perché richiede che il paziente sia libero da farmaci. I farmaci antidepressivi abbassano i livelli di 5-HIAA.

Cosa significano misure oggettive per i pazienti?

– Penso che sarà importante per molti. Tra l’altro, saranno più rispettati di prima
ambiente, piuttosto che ascoltare “questo è solo psicologico” e altri giudizi radicali e degradanti, afferma Lars Vardy.

Mary Esbjerg è d’accordo.

– Molti pazienti hanno pensieri come “Cosa c’è che non va in me, sono una persona cattiva?”. Temiamo l’ignoto. La diagnosi è un modello esplicativo che riduce l’ansia. Dice che finché non ce l’abbiamo, il cervello cerca di capire.

ICD-10 e DSM

ICD-10E Classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi di salute correlati È stato sviluppato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ed elenca tutte le diagnosi di malattia. Esistono più di 100 diagnosi psichiatriche, suddivise in dieci gruppi principali, come schizofrenia, altre psicosi, disturbi dell’umore (es. depressione e disturbo bipolare) e disturbi comportamentali (es. disturbi di iperattività). L’ICD è ampiamente utilizzato nell’assistenza sanitaria svedese e ogni diagnosi ha un codice che viene inserito in contesti diversi.

Classificazione DSME Manuale diagnostico e statistico del disturbo mentale s, è stato sviluppato dall’American Psychiatric Association ed era inizialmente destinato alla ricerca. L’idea era che se uno studio sulla schizofrenia dovesse essere pubblicato negli Stati Uniti, i criteri dovessero essere gli stessi di Svezia o Giappone, cosa che non avveniva negli anni ’60 e ’70. Il DSM è stato gradualmente aggiornato e oggi viene utilizzata la quinta versione del DSM-5.

I due sistemi si sovrappongono E c’è stata interazione nel corso degli anni.
Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali descrive i vari sintomi che la malattia può causare. Un paziente ha bisogno di un certo numero di loro per ottenere una diagnosi. Ad esempio, per la depressione, sono elencati nove diversi sintomi e il paziente ne ha bisogno cinque per soddisfare i criteri per la depressione.
Molti psichiatri svedesi formulano la diagnosi secondo il DSM e poi la “traducono” nell’ICD in modo che si adatti al sistema amministrativo del sistema sanitario.
Fonte: Lars Vardy

Testo: Inna Sevelius per conto di forskning.se