TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alves Cagnazzo: il calcio italiano “morirà” dopo che la Lega italiana ha concordato un nuovo accordo per i diritti televisivi fino al 2029, secondo il presidente del Napoli.

Alves Cagnazzo: il calcio italiano “morirà” dopo che la Lega italiana ha concordato un nuovo accordo per i diritti televisivi fino al 2029, secondo il presidente del Napoli.

  • La Serie A ha raggiunto un nuovo accordo sui diritti tv con Sky e DAZN fino al 2029.
  • Il presidente del Napoli ha però fatto sapere che il calcio italiano “morirà” con l'accordo
  • Ascolta l'ultimo episodio del podcast Mail Sport “Tutto inizia!”

DAZN e Sky manterranno i diritti di trasmettere in diretta le partite di Serie A in Italia per le prossime cinque stagioni dopo che i club italiani hanno votato a favore della proposta.

La riunione di campionato si è conclusa con una maggioranza di 17 voti, con una squadra che si è astenuta dal voto e due squadre che si sono rifiutate. Successivamente il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha espresso francamente il timore di perdere competitività del calcio italiano rispetto a quelli europei.

Le sue parole sono citate La Gazzetta dello SportÈ stato molto critico. Ha detto: “È una sconfitta per il calcio italiano. Con questo sacrificio il calcio morirà”. Per me il tifoso è il patrimonio assoluto della società di calcio.

“Il mio rapporto dovrebbe essere diretto con i tifosi, non direttamente con Sky e DAZN. Il valore del calcio italiano nasce dagli investimenti. Sky e DAZN non investono.

Negli ultimi tre anni, la Serie A ha generato circa 927,5 milioni di euro (809 milioni di sterline) a stagione dalla vendita dei diritti televisivi in ​​Italia, con DAZN che mantiene ancora una volta la quota di maggioranza.

DAZN e Sky manterranno i diritti di trasmettere le partite di Serie A in Italia per le prossime cinque stagioni
Sebbene 17 club abbiano votato a favore dell’accordo, sono state sollevate alcune preoccupazioni

Tuttavia, il nuovo contratto avrà una durata di cinque anni e probabilmente fermerà qualsiasi crescita finanziaria per la Serie A.

In base al nuovo accordo, la Serie A riceverà circa 900 milioni di euro a stagione.

READ  Rögle ha battuto Brynäs, proprio davanti agli occhi di Rolf Lassgård

DAZN continuerà a trasmettere tutte e 10 le partite del Campionato nella settimana del match, con sette partite in esclusiva e le ultime tre trasmesse da Sky in associazione esclusiva con DAZN.

L'idea della serie o del canale televisivo è stata un fallimento

Se i club non avessero accettato la proposta al ribasso di DAZN e Sky, sarebbe stato necessario aprire le sei buste contenenti le proposte per creare un canale unico di Serie A per poi rivenderle in blocco alle singole emittenti.

Questo perché sei diversi partner – Carlyle, Beave, Advent, Oaktree e altre due piattaforme underground – si sono resi disponibili a presentare offerte su questo fronte ma evidentemente l'idea, come sostiene il quotidiano Open di Enrico Mentana, non era allettante e molto probabilmente non ha funzionato. Salvo alzare il prezzo finale.

Sei società si sono offerte di aiutare a creare un unico canale per la massima serie, nel tentativo di aumentare le entrate

De Laurentiis teme la capacità del campionato italiano di competere sul mercato

Secondo il presidente del Napoli De Laurentiis, pochissime persone temono che il declino finanziario della Serie A indebolisca significativamente la forza economica dei club del campionato, aumentando così il divario tra la Serie A e la Premier League inglese.

Nel quinquennio a partire dal 2024 sono attesi ulteriori pagamenti da parte di DAZN, che però per De Laurentiis non bastano a coprire il margine di crescita del club sul mercato.

I dati dell'ultima sessione di calciomercato parlano del crollo degli investimenti tra i club del campionato italiano e dell'aumento delle cessioni dei top player all'estero.

La Lega italiana compra solo quando riceve soldi dalla Premier League inglese o dalla Lega francese. Il mercato dei player in Italia è un sistema chiuso, che raramente attira investimenti da altre parti d’Europa.

READ  Selezione della squadra per IBU BMW World Cup 4, Oberhof e IBU Cup 4, Martello-Val Martello

Le squadre della Saudi Professional League hanno speso la cifra esorbitante di 854,6 milioni di euro (785 milioni di sterline) e hanno portato Sergej Milinković-Savic, il miglior centrocampista del campionato italiano, lontano dalla Serie A.

A livello mondiale il campionato italiano ha scavalcato la Premier League inglese, la lega francese e la Saudi Professional League, investendo molti soldi per portare in Arabia Saudita Marcelo Brozovic e tanti altri top player del circuito europeo.

Come riportato dai media finanziari italiani, nel 2023, la Premier League ha investito 2,8 miliardi di euro (2,4 miliardi di sterline), la Serie A 854,6 milioni di euro (785 milioni di sterline) e la Bundesliga ha speso 747 milioni di euro (651 milioni di sterline).

Il campionato spagnolo si colloca al sesto posto con investimenti pari a 439 milioni di euro (382 milioni di sterline).

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha espresso preoccupazione per l'aspetto finanziario dell'operazione

Juventus, Inter, Milan e Napoli spendono meno di una squadra inglese di serie inferiore

Nella finestra di mercato dell'estate 2023, l'unico acquisto della Juventus è arrivato sotto forma di Timothy Weah dal Lille per 12 milioni di euro (10 milioni di sterline).

L'Inter ha portato a parametro zero negli ultimi anni Matteo Darmian, Hakan Calhanoglu, Henrikh Mkhitaryan e Marcus Thuram, mentre il Milan è stato costretto a vendere Sandro Tonali per 60 milioni di euro (52 milioni di sterline) per rafforzarsi.

Allo stesso modo, il Napoli ha scelto di sacrificare Kim Min Jae al Bayern Monaco prima di ingaggiare Nathan e Jesper Lindstrom. È servita a confermare che anche un club capace di vincere uno scudetto deve contenere le proprie spese.

I ricavi delle trasmissioni televisive rappresentano circa l’80% dei ricavi fissi dei club per stagione e, senza aumenti, gli investimenti nel mercato dei trasferimenti non aumenteranno.

READ  Twisted Track di Danielson: "Era un po' una soluzione di emergenza"

Senza elevati ricavi fissi derivanti da accordi televisivi e senza la proprietà dei propri stadi, è difficile per i club di Serie A mantenere la concorrenza con il resto d’Europa.

Sorprendentemente, le squadre di medio e basso livello in Inghilterra hanno speso più della Juventus negli ultimi anni e, in un modo o nell'altro, hanno capacità economiche superiori rispetto a tutte le squadre italiane.

L'Everton, ad esempio, ha acquistato Beto dall'Udinese per 25 milioni di sterline, una cifra che sarebbe stata troppo alta per molti club italiani. Il risultato è la partenza di un altro giocatore molto apprezzato in Serie A, ma che deve ancora mettersi alla prova nella Premier League inglese.

L'Everton ha completato la firma dell'attaccante portoghese Beto con un contratto da 25 milioni di sterline dall'Udinese

Tutto inizia!

It's All Kicking Off è un nuovo entusiasmante podcast di Mail Sport che promette uno sguardo diverso al calcio della Premier League.

È disponibile su MailOnline, e+, Youtube, Musica di mele un'anatra Spotify.