TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Xi Jinping vuole vendere la Cina in modo più simpatico

In un incontro con il potente Politburo questa settimana, il leader cinese Xi Jinping ha invitato i portavoce del paese a diventare più umili e simpatici nella loro lingua, secondo l’agenzia di stampa Xinhua. In questo modo, secondo Xi Jinping, la Cina vincerà più persone nella “battaglia globale” per l’opinione pubblica e farà più amicizie.

“È necessario fare amicizia, unirsi, conquistare la maggioranza ed espandere costantemente la cerchia degli amici nell’opinione internazionale”, ha affermato, secondo Xinhua.

Secondo Xi Jinping, si tratta di Portare la voce della Cina a livello internazionale in linea con la sua posizione globale e rendere visibile al mondo la “vera” Cina.

“Dovremmo rafforzare la propaganda e l’interpretazione del Partito comunista e della Cina e aiutare gli stranieri a capire che il Partito comunista cinese cerca di rendere felice il popolo cinese”, ha affermato Xi Jinping.

È difficile sapere esattamente cosa significhi Xi Jinping e molti osservatori dubitano che la Cina fermerà il confronto. Ma la sua affermazione potrebbe indicare uno spostamento da lui La diplomazia della guerra dei lupi per cui la Cina è stata famosa negli ultimi anni. Questi sono gli ambasciatori ei portavoce della politica estera che hanno reagito duramente contro i critici.

Hanno chiamato dissidenti Tutto, dai cani ai cattivi, in un linguaggio che trascende i confini della diplomazia. Hanno preso il nome da un film in cui un soldato cinese in stile Rambo combatte tutti i suoi nemici. Il film ha attirato un vasto pubblico ed ha evocato sentimenti patriottici, proprio come facevano i guerrieri lupo.

Ma la lingua non ha conquistato amici a livello internazionale. I sondaggi di opinione hanno mostrato che il sospetto nei confronti della Cina è invece aumentato in molte parti del mondo negli ultimi anni. Inoltre, le relazioni della Cina con molti paesi stanno diventando sempre più tese. La Cina ha profondi conflitti, tra gli altri, con Stati Uniti, Australia, Unione Europea, India e Filippine.

READ  Singapore si sta dirigendo verso un nuovo blocco

Ma la domanda è se uno è cambiato La retorica allenta le tensioni. La lingua non è la ragione principale dietro le relazioni più tese. Invece, le polemiche ruotano intorno alla vera politica.

Come le democrazie in Occidente che criticano il Partito Comunista per aver soppresso la minoranza musulmana nello Xinjiang, erodendo le libertà a Hong Kong e rendendo difficile per il Paese indagare adeguatamente su come è emerso il COVID-19.

Pertanto, il modo più amorevole di esprimersi, senza un cambiamento nella politica, non è sufficiente per creare relazioni migliori.

Leggi di più: Marianne Björklund: vietata la veglia di Hong Kong per il massacro di piazza Tiananmen