TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

WA Football nomina la Squadra Italiana del Secolo

WA Football nomina la Squadra Italiana del Secolo

Pasta, pizza, panatella, pesto, limoncello, gelato, profumo di basilico fresco, Fiat, Ferrari… e footy.

L'Italia è conosciuta per molti dei grandi piaceri e delle imprese della vita, ma il paese europeo ha un ricco rapporto sportivo con il gioco aborigeno australiano, le cui radici serpeggiano come un cipresso toscano.

Nel 2007, l'AFL ha nominato la squadra italiana del secolo, con solo tre giocatori dell'Australia occidentale – Alec Ippes e i fratelli Peter e Phil Mattera – in formazione.

L'Australia Occidentale onorerà ora la sua Squadra Italiana del Secolo durante una cena di gala il 16 maggio, i cui proventi andranno a Telethon.

Una giuria composta da stelle del calcio dell'Australia occidentale – Tony Mical, Ron Alexander, George Michalczyk e il leggendario commentatore Dennis Cometti, insieme agli storici Sean Cowan, John Townsend e Greg Wardell Johnson – selezionerà 18 giocatori (incluso il capitano) nei Centri , cinque giocatori dell'Interchange e un allenatore di una rosa di 50 persone sono già stati selezionati tra 152 candidati.

La selezione è aperta agli italiani di prima o seconda generazione che abbiano giocato almeno 35 partite WAFL o VFL/AFL. Questa è stata la parte facile. La parte difficile è stata scuotere l'olivo e determinare le proporzioni.

Il presidente di WA ITOTC, Peter Gangemi, ha affermato che questo riconoscimento era atteso da tempo.

Icona della fotocameraGli sport. I finalisti per la squadra italiana del secolo dell'Australia Occidentale sono Stephen Coniglio, Michael Mitchell e Belle Valley. credito: Jackson Flindell/Australia Occidentale

“Negli ultimi 100 anni, il contributo che gli italiani nell’Australia occidentale hanno dato ai livelli d’élite del football australiano è straordinario”, ha affermato.

READ  Bhui prova a portare Gideti in AIK: 'Ho fatto di tutto'

“Più scavi, più trovi.

“Come Michael Mitchell, il cui cognome materno è Belotti e la cui cugina di primo grado è Laurie Belotti. Michael Mitchell ha vinto Goal e Mark of the Year nel 1990 e solo altri due giocatori lo hanno fatto nella storia dell'AFL e dell'AFL. Per inciso, loro provenivano entrambi dall'Australia occidentale (l'altro era Peter Busisto (1981)).

Tra i 50 finalisti ci sono Peter Mattera, Alan Johnson, Marc Zanotti, Dom Cassisi e Peter Sartori, che viaggeranno dagli Stati Uniti per partecipare all'evento. Anche i fratelli di Peter, Phil e Wally, fondarono i 50, insieme al figlio di Wally, Brandon.

La famiglia Matera ha origini italiane e Noongar. La loro madre è di origine Noongar e il padre è di Grassano, nel sud Italia, una città in provincia di Matera e nella regione Basilicata, apparsa nel film di James Bond No Time to Die. La prima scena dell'inseguimento in macchina è stata girata a Matera.

La madre del veterano di West Perth, Aaron Black, era di Franceschini e la famiglia era emigrata da un piccolo villaggio fuori Lucca in Toscana. Aveva nonni dalla parte di Diletty che possedevano e coltivavano vigneti dalla cima di Amelia Street a Balcatta e in altre parti di Stirling. I suoi cugini da parte di Franceschini possiedono e vivono ancora in una bellissima pensione sulle colline toscane.

“Alan Johnson, non pensi che sia italiano, ma è al fianco di sua madre”, ha detto Gangemi.

Poi ci sono quelli con cognomi italiani, ma senza ascendenza.

Tra i cinquanta in lizza c'è Pietro Mattera.
Icona della fotocameraTra i cinquanta in lizza c'è Pietro Mattera. credito: Immagini dell'SPG/Foto AFL/SPG

Cyril, Daniel, Dean, Maurice e Willie Rioli appartengono al clan Tippakalipa, un nome di famiglia preso da loro quando il loro patriarca Cyril divenne parte della Stolen Generation e fu messo in una missione cattolica e cresciuto da suore.

READ  Mack Horton si è improvvisamente ritirato dal nuoto prima delle Olimpiadi del 2024

Due di queste suore erano suore Rioli e Vigona, donne italiane che furono inviate nell'entroterra australiano come parte della loro vocazione.

Hanno dato innocentemente i loro nomi a due orfani, producendo re del calcio. Il nome di Rioli è uno dei più iconici del calcio, mentre Benny Vigona era un giocatore leggendario del South Fremantle e del WA.

Cyril Rioli Sr. è tornato in parte al cognome della sua famiglia, cambiandolo in Cyril Calleba, un decennio prima della sua morte nel 2016.

L'attuale centrocampista del GWS Stephen Coniglio e i campioni di West Perth, Subiaco, Collingwood ed Essendon Belle Valley sono altri che hanno forti ragioni per l'inclusione.

L'evento, che sarà co-ospitato dalla leggenda del Carlton Brendan Fevola, è supportato dal governo WA, dallo sponsor del vice premier e tesoriere Rita Saffioti, dalla WA Football Commission ed è supportato da tutti i club WAFL.

I candidati includono quattro medaglie Sandover (Sonny Maffina, Mick Grasso, Aidan Tropiano e Black), cinque All-Australians (Peter e Phil Mattera, Gary Malarkey, Mitchell e Brian Cicutusto) e cinque West Australian Football Hall of Famers (Darryl Panizza, Johnson , Malarkey, Peter Matera, Mitchell) e più di 20 giocatori con 200 presenze.

I West Coast Eagles hanno 10 candidati, mentre South Fremantle e West Perth ne hanno nove ciascuno.

Ci sono ancora tavoli disponibili per l'evento, che si svolgerà all'Optus Stadium dalle ore 19:00 di giovedì 16 maggio.

I biglietti possono essere acquistati tramite il link “What's On” sul sito del club italiano. Per i dettagli vedere il codice QR allegato.

Il ricavato della serata sarà devoluto a Telethon.