TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vendere “partite pirata” – quando i club vengono multati

Le partite vietate vengono vendute pubblicamente nell’hockey su ghiaccio

Pubblicato il 2023-12-03 10.20

Nel calcio le partite dei pirati vengono organizzate in segreto.

Nell’hockey su ghiaccio vengono venduti apertamente.

– Stefan Holm, direttore del Malaro Hockey Club, dice che sono molti i genitori che dedicano i propri figli a queste attività.

Il calcio svedese sta attualmente discutendo su come affrontare il problema delle “partite pirata”, in cui i bambini giocano le partite nel formato sbagliato. Forse l’hockey su ghiaccio può dare un’idea di dove sono diretti.

– È possibile che ci sia qualcosa di simile nel mondo del calcio, ma sfortunatamente l’hockey sembra essere il leader di questo sviluppo, dice Stefan Holm, direttore del club della Mallaro Hockey Association.

Il 15 settembre 2023, Mallaro verrà multato di 8.050 corone svedesi dalla Stockholm Ice Hockey Association. Il motivo è che l’Al-Ittihad ha giocato un’intera partita a livello under 13 con oltre l’80% dei giocatori minorenni.

Secondo il club, dopo aver mancato la rosa del 2011, ha dovuto sostituirlo con ragazzi nati nel 2012 per non dover ritirare la candidatura alla coppa. Bambini a cui è ancora vietato giocare le partite in campo.

L’organizzatore del torneo ha accettato le dimissioni di Mallaro, ma il club è stato informato e licenziato dalla federazione.

– Noi, come federazione, dobbiamo seguire le norme applicabili, e in questo caso non lo abbiamo fatto, ma dobbiamo sopportare la nostra punizione e imparare da essa, dice Stefan Holm.

Questa storia avrebbe potuto finire lì, se non fosse stato per il fatto che le normative ora minacciano di allontanare i bambini dagli sport di squadra e di trasferirli in squadre aziendali private.

Stefano Holm.

Considerato il discorso di vendita

Nell’hockey su ghiaccio è diventato molto diffuso il “select business” – dove le aziende vendono allenamenti, partite e trofei. Stefan Holm sottolinea di ritenere che esistano aziende che riescono a gestire molto bene questa situazione e che possono aggiungere valore agli sport di club.

-Utilizziamo allenatori individuali che allenano giocatori e dirigenti.

Ma ciò che rende ancora più interessante le forme di gioco è che i regolamenti hanno dato alle aziende un nuovo punto di vendita pratico.

Su un sito web aziendale, nei primi tre paragrafi del testo pubblicitario venivano menzionati i “giochi a tutto campo” volti ad invogliare i genitori ad acquistare servizi di hockey per i propri figli. Qui si afferma tra l’altro che l’azienda è specializzata in giochi a tutto campo, che i suoi allenatori sono esperti in giochi a tutto campo e che i bambini vengono sfidati su scala più ampia.

READ  Ovviamente volevo che finisse in modo diverso.

Pertanto, ciò che è vietato fare alle associazioni svedesi è diventato un punto di vendita per le aziende private attraverso lo stesso divieto. Attirando il gioco anticipato a livello completo, possono riunire i bambini per ritiri, coppe e partite all’estero a pagamento.

Alcuni giocatori, o forse soprattutto i genitori, credono che questo sia così importante per lo sviluppo dei loro figli che preferirebbero andare a quegli allenamenti, partite e coppe piuttosto che giocare per le squadre delle rispettive federazioni, dice Holm.

– Allo stesso tempo, come associazione, dobbiamo anche guardarci allo specchio con le nostre attività se si tratta di bambini e genitori che scelgono un’altra formazione prima della nostra.

Bambini di dieci anni al cinema

Su Facebook ci sono video di bambini di 10 anni associati ad aziende che giocano su tutto il campo. Bambini che, secondo i moduli di gioco dell’associazione, dovrebbero occupare un quarto della pista.

Il direttore del Mallaro Club racconta come i genitori dei ragazzi delle fasce d’età più giovani vedono i giochi a tutto livello come un percorso verso, tra l’altro, il TV Disc Game, il prestigioso torneo per quindicenni trasmesso dalla televisione svedese ed è generalmente guardato. Come punto di partenza per il successivo hockey delle scuole superiori.

– Per alcune federazioni, questa sarà una vera sfida nelle loro attività con allenamenti e partite, anche se non siamo ancora stati colpiti come federazione, dice Stefan Holm e continua:

– Ci sarà anche molta preoccupazione da parte dei genitori riguardo al fatto di frequentare più campi con squadre diverse, il che sarà difficile per i bambini sapere finalmente dove giocare.

READ  Hermann Lev sta seguendo le orme di padre Stefan - di nuovo in nazionale

Ma la federazione dovrebbe poter offrire anche giochi inclusivi? No, questo non è il punto di vista di Stefan Holm.

– Abbiamo una serie di regolamenti decisi dalle federazioni, quindi penso che tu debba rispettarli. Ma ora c’è un gruppo che non rientra nei regolamenti e sembra che gli sia permesso di fare quello che vogliono. Non sarà però una situazione agonistica sana e c’è voglia tra i giovani di giocare a tutto campo. Ma perché non lo so.


Ne sai di più? Suggerimento al giornalista Patrick Brenning.