TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno studio svedese offre speranza per il trattamento dell’apnea notturna

I farmaci, che sono già utilizzati in altri contesti, possono aiutare a curare l’apnea notturna acuta. Appare un nuovo studio svedese. La scoperta offre speranza per alternative per i pazienti con apnea che scoprono che una maschera facciale o un tutore sono scomodi.

Lo studio ha utilizzato un farmaco attualmente somministrato a pazienti con un certo tipo di epilessia. Contiene una sostanza che aiuta a controllare uno degli enzimi più importanti nell’organismo, l’anidrasi carbonica, che mantiene un equilibrio tra l’anidride carbonica e il pH dell’organismo.

Il risultato è stato promettente. L’incidenza dell’apnea ostruttiva del sonno è stata ridotta in media del 40 per cento in 59 pazienti con apnea notturna moderata o grave.

Probabilmente possiamo raggiungere il 60 percento dell’effetto in alcuni individui, afferma Jan Hedner, professore senior presso l’Accademia Sahlgrenska di Göteborg.

Leggi di più: Studio: i pazienti con sclerosi laterale amiotrofica possono scrivere grazie agli impianti cerebrali

C’erano precedenti indicazioni nella scienza medica che il farmaco, ora in fase di sperimentazione, potesse essere utile per l’apnea ostruttiva del sonno.

Pensavamo di poter vedere un effetto influenzando il sistema enzimatico, afferma Jan Hedner, che da 40 anni studia l’apnea notturna.

Il passo successivo è uno studio più ampio che coinvolge ricercatori di diversi paesi europei.

maschera doppia faccia

I trattamenti più comuni per l’apnea notturna oggi sono i ventilatori o le stecche. Ma si può dire che la maschera, chiamata CPAP, ha due facce.

La maschera risolve tutto tecnicamente. È come una sedia a rotelle per respirare. Ma l’utente deve essere in grado di tollerare una maschera facciale con un tubo che fornisce il flusso d’aria alle vie respiratorie, descrive Jan Hedner.

READ  Pertanto, la maggior parte dei picchi ama i dolci - ma non i cuculi -

Molte persone che hanno un dispositivo CPAP non lo usano sempre. Hedner dice che c’è molto interesse per le alternative.

Si ritiene che la conoscenza dell’apnea notturna si sia sviluppata negli ultimi anni.

In passato, l’apnea notturna veniva trattata come una singola malattia, indipendentemente dai diversi sottogruppi. Ora ci siamo resi conto che ci sono da tre a quattro diversi modelli in cui gli arresti respiratori hanno cause diverse, dice Hedner.

È stato riferito che circa due terzi dei pazienti sono in sovrappeso. Gli ultimi terzi non sono in sovrappeso, ma hanno ancora una grave apnea notturna.

problema comune

Da quali gruppi possono ottenere più aiuto o da quali farmaci, si spera che il prossimo studio risponda.

– E forse puoi combinare farmaci e terapia meccanica? Questo è uno studio che mi piacerebbe fare, dice Jan Hedner.

Circa 600.000 adulti svedesi soffrono della forma più comune di apnea notturna, secondo l’Accademia Sahlgrenska.

Lo studio presentato è ora finanziato da un’azienda farmaceutica tedesca. I risultati sono stati pubblicati sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.

Fatti: apnea notturna

Apnea notturna che dura più di dieci secondi.

Se una persona ha più di cinque arresti respiratori all’ora, allora sta parlando della sindrome dell’apnea notturna.

Ci sono diversi gradi. Più di 40 arresti respiratori all’ora sono considerati apnea notturna grave.

L’interruzione della respirazione porta a una diminuzione del contenuto di ossigeno nel sangue e a un deterioramento del sonno, che fa sentire una persona stanca durante il giorno.

L’apnea notturna è spesso associata al russare. Per alcuni malati, russare è il problema più grande.

READ  Critiche contro la continua mancanza di uso di droghe off-label nelle linee guida sulla SM

La forma più comune di apnea notturna si verifica quando le vie aeree sono in qualche modo ostruite, ad esempio a causa di tonsille ingrossate. Si chiama apnea ostruttiva del sonno.

Una forma meno comune, chiamata apnea notturna centrale, è dovuta all’incapacità del cervello di controllare la respirazione.

L’apnea notturna aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e ipertensione.

Fonti: NE e Accademia Sahlgrenska