TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una nuova chiusura per tutti o solo per i non vaccinati?

Il fatto che l’infezione si stia diffondendo nonostante il fatto che gran parte della popolazione venga vaccinata pone i leader europei di fronte a un difficile dilemma.

Dovrebbero reintrodurre rigide restrizioni o imporre indirettamente la vaccinazione sull’ultimo 20-30 percento?

La Svezia è in calo come al solito, ma potrebbe trovarsi presto nella stessa situazione.

I rapporti sono vicini a battere i record nella diffusione dell’infezione in tutta Europa. Germania È stato il numero più alto durante l’intera pandemia della scorsa settimana. 300 feriti ogni 100.000 abitanti.

L’aumento è stato registrato a una velocità record. Modelli simili sono stati riportati, tra gli altri paesi, dal Regno Unito, dall’Austria e dalla Danimarca.

È una battuta d’arresto difficile per i governi che pensavano che un vaccino da solo sarebbe stato sufficiente per sconfiggere il COVID-19 e per le tante persone che hanno deciso che ora dovrebbero poter vivere di nuovo come al solito.

Unità di terapia intensiva per pazienti COVID-19 a Lipsia, in Germania. La scorsa settimana, il Paese ha registrato il maggior numero di contagi durante l’intera epidemia. 300 feriti ogni 100.000 abitanti.

Molti sembrano aver ottenuto la vittoria in anticipo. Ora arriva la sbornia.
I Paesi Bassi hanno lanciato un nuovo lockdown che durerà tre settimane, in cui bar e ristoranti devono chiudere alle 19 e chi può lavorare da casa.

L’Austria ha scelto una strada diversa. Lì, i non vaccinati saranno costretti a rimanere a casa per le prossime settimane. Possono uscire solo per esercitare o fare acquisti necessari. Un modo per il governo di fare pressione su chi non è stato ancora vaccinato perché si rimbocchi le maniche.

READ  Sindrome cardiaca post-vaccino più comune del previsto

Le diverse scelte di percorso dei Paesi Bassi e dell’Austria riassumono il dilemma di fronte ai leader mondiali. Soprattutto l’Europa, che l’Organizzazione mondiale della sanità ha definito ancora una volta l’epicentro dell’epidemia. Questo, a sua volta, è probabilmente il risultato del fatto che molti paesi hanno revocato la maggior parte delle restrizioni all’inizio dell’autunno e che l’inverno sta arrivando, il che significa che trascorriamo più tempo al chiuso.

La variante delta è così contagiosa che non sembra che sia sufficiente vaccinare il 65-70% della popolazione per creare un’immunità di gregge tanto attesa ma persistentemente sfuggente.

Centinaia di migliaia sono stati uccisi

I leader devono ora decidere come affrontare la crescente diffusione dell’infezione. Sebbene il rischio di morte e di malattie gravi sia inferiore nei soggetti vaccinati contro il virus COVID-19, l’assistenza sanitaria è comunque sovraccaricata dalla nuova diffusione dell’infezione. È tutt’altro che innocuo.

Un sondaggio nella regione di Stoccolma indica che altri 5.400 svedesi rischiano di morire nel peggiore dei casi. L’Agenzia europea per il controllo delle infezioni (ECDC) ha avvertito di centinaia di migliaia di morti nel continente a partire da febbraio.
La pressione sui leader europei affinché agiscano aumenta di giorno in giorno.

Dovrebbero reimporre le restrizioni a tutti per evitare un collasso sanitario, o dovrebbero essere messi al loro posto i non vaccinati?

Sembra che sempre più paesi si stiano orientando verso quest’ultimo.

La Danimarca ha reintrodotto l’obbligo del passaporto Corona per andare in un ristorante, un parrucchiere e simili.

Questa è la logica di chi difende la linea danese-austriaca:

Coloro che sono stati vaccinati si sono assunti la responsabilità. Non dovrebbero essere penalizzati per il 20-30 percento della popolazione, varia tra i diversi paesi all’interno io A maggior ragione all’estero, scegliendo attivamente di non vaccinare. A quel tempo, i vaccini venivano offerti a tutti nel mondo ricco.

READ  Protesta australiana contro l'avvertimento delle Nazioni Unite sulla barriera

Limitare la libertà di movimento dei non vaccinatori è un buon modo per motivarli a prendere la siringa e aumentare così il tasso di vaccinazione.

Molte persone probabilmente firmeranno la dichiarazione di Alexander Schallenberg, il nuovo cancelliere dell’Austria.

Perché la loro libertà dovrebbe essere limitata a due terzi della popolazione solo perché un terzo di loro viene ingannato sui vaccini?

Evita la coercizione

Chi segue l’esempio dei Paesi Bassi vuole evitare l’uso della forza. Limitare tutti è visto come più efficace e si spera che i non vaccinati alla fine saranno motivati ​​a farsi vaccinare.

Ma i nuovi lockdown significano che c’è il rischio che la ripresa economica si rompa e i cittadini a cui è stato detto che tutto tornerà alla normalità solo se vaccinati non saranno soddisfatti.

La Svezia ha finora avuto uno dei tassi di infezione più bassi d’Europa. La posizione dell’Agenzia per la sanità pubblica è di aspettare e vedere prima di imporre nuove restrizioni. La logica è che la libertà umana non dovrebbe essere limitata a meno che non sia realmente necessaria.

Anders Tegnell, epidemiologo del governo, Agenzia svedese per la sanità pubblica.

Ma non c’è motivo reale di credere che la Svezia farà meglio dei Paesi Bassi, che hanno un tasso di vaccinazione simile. Prima o poi questo inverno, è probabile che l’infezione si diffonda anche qui.

C’è la volontà di introdurre requisiti di certificazione Covid per le visite ai pub e simili, ma finora la Svezia ha scelto di non utilizzare questo strumento.

Negli Stati Uniti c’è una battaglia politica aperta su come combattere la pandemia.

READ  "Illuminatus" - Una classica introduzione alle trame - DN.SE

Il presidente Joe Biden ha costretto centinaia di milioni di dipendenti federali a farsi vaccinare. I tribunali hanno finora bloccato un requisito simile per le società private. Questa richiesta ha portato a molte riluttanze a vaccinare, ma con grande riluttanza, e grandi proteste.

Il capo del governo dello stato tedesco della Baviera, Markus Söder, ritiene che ci siano due tipi di virus da combattere. Corona virus e il “veleno” che comporta tutta la disinformazione sui vaccini.

C’è molto da suggerire che abbia ragione.

Inserito: