TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo studio rileva che l’ARFID è altamente genetico

Un nuovo studio rileva che l’ARFID è altamente genetico

immagine:

Titolo:

Lisa Dinkler, ricercatrice post-dottorato presso il Dipartimento di epidemiologia medica e biostatistica. Foto: Gunilla Sonnebring

I ricercatori hanno utilizzato il metodo dei gemelli per determinare l’effetto genetico.

– Sappiamo che i gemelli identici condividono tutti i geni e che i gemelli fraterni condividono circa la metà di tutti i geni che rendono le persone diverse. Quando poi vediamo che un particolare tratto della personalità è più comune nelle coppie di gemelli monozigoti che in coppie di gemelli dizigoti, può essere un’indicazione che c’è un’influenza genetica. Possiamo quindi stimare il grado in cui il tratto della personalità è influenzato dai geni, dice Lisa DinklerBorsista postdottorato presso Dipartimento di Epidemiologia Medica e Biostatistica al Karolinska Institutet.

I ricercatori hanno scoperto che la componente genetica per l’acquisizione di un ARFID era alta, il 79%. Ciò significa che il 79% del rischio di soffrire di un’alimentazione evitante/restrittiva può essere spiegato da fattori genetici.

– Questo studio indica che l’assunzione di cibo evitante/specifico è altamente ereditabile. Lisa Dinkler afferma che la componente genetica è più elevata rispetto ad altri disturbi alimentari e alla pari con disturbi neuropsichiatrici come l’autismo e l’ADHD.

I risultati sono importanti, afferma Lisa Dinkler, perché una maggiore comprensione delle cause della malattia può rendere le cose più facili per i malati e i loro parenti.

– Spero che i risultati riducano lo stigma e il senso di colpa, che è un grosso problema con i disturbi alimentari. Un bambino non sceglie di sviluppare un disturbo alimentare evitante/specifico e nessuno dei genitori può causarlo nel bambino. È importante ricordare.

Vuole indagare sui collegamenti con altri casi

Il prossimo passo nella ricerca di Lisa Dinkler è esaminare come l’assunzione di cibo evitante/specifico sia associata ad altre diagnosi psichiatriche, come ansia e depressione, disturbi neuropsichiatrici e disturbi gastrointestinali.

READ  Il nuovo trattamento per il covid-19 ha ridotto i casi gravi

“Useremo due studi per testare come l’ARFID condivide i fattori genetici e ambientali sottostanti con queste condizioni”, afferma Lisa Dinkler.

L’ingestione orale di cibo (ARFID) è una diagnosi relativamente nuova. Nel 2013 la malattia è entrata a far parte del DSM-5 Diagnostic Manual of Mental Disorders, e solo quest’anno è stata inserita nell’ICD dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’ultima versione, ICD-11, sarà introdotta nell’assistenza sanitaria svedese solo tra due anni, quindi la diagnosi ARFID non fa ancora ufficialmente parte dell’assistenza sanitaria svedese.

Lo studio è stato finanziato principalmente dallo Swedish Research Council, dal Mental Health Fund, dalla Frederick and Ingrid Thoring Foundation, dalla Lundbeck Foundation, dal NIMH e dalla Brain and Behavior Research Foundation.

Molti ricercatori hanno ricevuto onorari da società private per il lavoro svolto al di fuori di questo studio, vedere l’articolo scientifico per maggiori informazioni.

Editoria

“Eziologia del fenotipo del disturbo alimentare restrittivo esteso nei gemelli svedesi di età compresa tra 6 e 12 anni”, Lisa Dinkler, Marie-Louis Ronski, Paul Lichtenstein, Sebastian Lundstrom, Henrik Larsson, Nadja Mikali, Mark J. Taylor, Cynthia M. Bolick, JAMA Psychiatry, online 1 febbraio 2023 doi: 10.1001/jamapsychiatry.2022.4612