TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo libro per rendere i giochi da tavolo più accessibili

Un nuovo libro per rendere i giochi da tavolo più accessibili

– Ogni gioco da tavolo è un nuovo puzzle. Ad esempio, poiché abbiamo fissato un modo di utilizzare i dadi in un particolare gioco, non possiamo dire di aver risolto il problema dei giochi da tavolo inaccessibili, in cui i dadi vengono utilizzati in modo diverso in un altro gioco.

È stato per caso che Michael Herron si è interessato all'accessibilità. Dopo aver studiato ingegneria del software, voleva conseguire un dottorato per poter insegnare all'università. È iscritto a un programma di dottorato incentrato sul rendere la tecnologia accessibile agli anziani.

– Ciò che mi ha fatto davvero capire che l'accessibilità è un argomento entusiasmante è stato quando il mio supervisore mi ha detto: “Se pensi che sia difficile scrivere codice, immagina quanto sia difficile scrivere codice che tutti possano utilizzare”.

Abbiamo tutti bisogno di un certo grado di aggiustamenti in termini di accessibilità nelle diverse fasi della vita, afferma Michael Herron. Il lavoro sull’accessibilità di solito avvantaggia più persone di quanto pensiamo.

-Se si abbassa un cordolo alto sul marciapiede, ne beneficia una persona anziana con problemi di mobilità, ma ne beneficiano anche un ciclista e un genitore che usa il passeggino. L'audiolibro era originariamente un prodotto accessibile ai non vedenti e ora una persona su due ascolta audiolibri. Quando queste misure ottengono un grande successo, smettiamo di vederle come adattamenti all’accessibilità e le vediamo solo come un buon design.

Dopo aver studiato per il dottorato, Michael Herron ha scoperto che il suo grande hobby, i giochi da tavolo, soffriva di una serie di problemi di accessibilità. Nessuno ha esaminato la questione.

READ  Una panoramica sistematica degli effetti della terapia ormonale per la disforia di genere nei giovani uomini

-C'era un'area incredibilmente ricca, dettagliata e interessante che nessuno aveva guardato. Quindi ho pensato che avrei potuto farlo.

C’è ancora molta strada da fare per i giochi da tavolo accessibili

Questa accessibilità è un modo per raggiungere un pubblico più ampio e l'industria dei giochi per computer e TV ha capito, afferma Michael Herron, di aver fatto molta strada quando si tratta di creare mod. Per i giochi da tavolo la situazione è diversa.

– In un certo senso, è più facile creare giochi per computer accessibili che giochi da tavolo accessibili. Le condizioni fisiche non cambiano molto nei giochi per PC, hai controller, hai un monitor e ci sono sfide simili indipendentemente dal gioco. Nei giochi da tavolo, il modo in cui il giocatore si integra con il prodotto è ogni volta diverso. Dadi, forme e carte possono avere dimensioni, design e funzioni diverse a seconda del gioco, quindi ogni gioco presenta una nuova sfida.

Ciò significa anche che l'incentivo finanziario per l'accessibilità è maggiore nel mondo dei giochi per computer, ritiene Michael Herron.

-Se apporti una modifica a un gioco per la TV o per il computer, il costo è una tantum e non aumenta se vendi più giochi. Se l'adattamento dell'accessibilità nei giochi da tavolo riguarda carte più grandi, questo è un costo che aumenta quanto più carte produci.

L’accessibilità è una questione di inclusione e comunità

Nel suo nuovo libro, Accessibility in Board Games: Meeple Centered Design, Michael Herron ha compilato una serie di linee guida generali basate sull'evidenza per i creatori di giochi che desiderano lavorare con l'accessibilità nei giochi da tavolo. Nel libro spiega, tra le altre cose, che l’accessibilità non significa solo apportare modifiche per le persone con problemi di vista o mobilità limitata. L’accessibilità può anche riguardare aspetti socioeconomici e di rappresentanza, chi può acquistare i giochi, ad esempio, o come sono progettati i personaggi.

READ  Presentatore: Gli anziani non valgono niente?

“In parte dipende dal fatto che sia fisicamente possibile giocare, ma deve anche sembrare che il gioco sia adatto a te”, afferma.

Fondamentalmente, la ricerca di Michael Herron mira a non escludere le persone dalle cose divertenti. Michael Herron afferma che i giochi hanno un'enorme importanza culturale e che i bambini che non hanno accesso ai giochi allo stesso modo dei loro amici sono a rischio di bullismo. Aggiunge che anche i giochi in generale, e i giochi da tavolo in particolare, hanno il potenziale per abbattere le barriere sociali.

– Per le persone come me che sono incredibilmente introverse, timide e a disagio nei contesti sociali, i giochi offrono l'opportunità di socializzare senza pressioni sociali. Non devi preoccuparti di dire qualcosa di interessante, è sufficiente che il gioco sia divertente per comunicare con le persone.

Michael ha anche una vasta esperienza nello studio dell'insegnamento dell'etica in contesti professionali. Questo argomento è trattato nel suo secondo libro, A Case Study of Computer Ethics in Context: Scandal in Academia, di cui è coautore insieme alla collega e ricercatrice Pauline Belford. Entrambi i libri sono disponibili presso CRC Press.