TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un intervento chirurgico limitato per il cancro al seno si traduce in un minor numero di braccia gonfie

Un intervento chirurgico limitato per il cancro al seno si traduce in un minor numero di braccia gonfie

immagine:

Titolo:

Jana di Bonifacio. Immagine non disponibile.

Vogliamo provare ad effettuare interventi più mirati per risparmiare ai pazienti fastidiosi effetti collaterali. “Ma dobbiamo sapere che è sicuro”, dice. Jana di Bonifaciochirurgo specializzato in cancro al seno presso l'ospedale Capio St. Goran e ricercatore presso Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare Al Karolinska Institutet.

Quando si sa prima dell'intervento chirurgico per il cancro al seno che ci sono metastasi sotto l'ascella, si aprono diversi percorsi di trattamento. Questi pazienti non sono stati inclusi in questo studio. Ma quando non è nota alcuna diffusione, il chirurgo solitamente rimuove le cosiddette ghiandole sentinella (la ghiandola o le ghiandole dove il fluido linfatico raggiunge per primo il torace).

Lascia i linfonodi al sicuro

Se contengono singole cellule tumorali o metastasi di dimensioni massime di 2 mm, il resto dei linfonodi viene lasciato sotto l'ascella. Studi precedenti hanno dimostrato che è sicuro per il paziente. Ora, un ampio studio, condotto dal Karolinska Institutet, ha corretto la situazione anche per le metastasi più grandi.

Lo studio comprende circa 2.800 pazienti provenienti da cinque paesi diversi. Tutti avevano metastasi più grandi di 2 millimetri, chiamate macrometastasi, in una o due delle ghiandole guardiane che erano state rimosse.

Dopo l'intervento chirurgico, ai pazienti veniva assegnato in modo casuale l'evacuazione dell'ascella (che era la pratica di tutti) o di lasciare intatto il resto dell'ascella.

La maggior parte di loro è stata successivamente trattata con citostatici e/o terapia antiormonale più radiazioni secondo le linee guida di ciascun paese. Più di un paziente su tre sottoposto a evacuazione ascellare ha riscontrato più di due metastasi nelle ghiandole sentinella.

READ  I microrganismi sono ancora più importanti per il sequestro del carbonio di quanto si pensasse

La post-elaborazione sembra sufficiente

È plausibile che lo stesso sarebbe dovuto accadere in coloro a cui era stato permesso di trattenere altri linfonodi. Tuttavia, la recidiva della malattia era ugualmente comune in entrambi i gruppi, quindi sembra che il trattamento successivo sia stato sufficiente per rimuovere le cellule tumorali rimanenti.

Nel frattempo, una precedente pubblicazione dello studio ha rilevato che il 13% di coloro che sono stati sottoposti a dissezione ascellare hanno riportato problemi gravi o molto gravi con la funzione del braccio, rispetto al 4% di coloro a cui sono state rimosse solo le ghiandole sentinella.

La nostra valutazione è che è sicuro per i pazienti astenersi dall’evacuazione ascellare se sono presenti un massimo di due grandi metastasi nelle ghiandole sentinella. In questi casi, l'evacuazione ascellare viene sostituita dalla radioterapia all'ascella, che provoca meno fastidio al braccio. Jana de Boniface afferma che è già stato introdotto nella pratica clinica in Svezia.

Lo studio si chiama SENOMAC ed è finanziato dal Consiglio svedese della ricerca, dal Fondo norvegese per il cancro, dal Nordic Cancer Consortium e dalla Breast Cancer Society.

Editoria

Delezione della dissezione ascellare nel cancro della mammella con metastasi del linfonodo sentinella“, Jana de Boniface, Tove Feltenborg Tvedskov, Lisa Ryden, Robert Schulkin, Toralf Reimer, Thorsten Kuhn, Michalis Kontos, Oresti David Gentilini, Roger Olofsson Bagge, Malin Sund, Dan Lundstedt, Matilda Appelgren, Johan Ahlgren, Sophie Nornstedt, Voat Celebioglu … Giornale di medicina del New Englandonline il 3 aprile 2024, doi: 10.1056/NEJMoa2313487