TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un ampio studio conferma gli effetti collaterali del vaccino Coronavina

Un ampio studio conferma un aumento dell’incidenza della miocardite principalmente nei giovani che sono stati vaccinati con il vaccino Corona di Pfizer-Biontech – e ancora più alto per coloro che hanno ricevuto il vaccino Moderna, secondo l’Agenzia per i medicinali.

Il rischio di sviluppare miocardite, miocardite, è maggiore dopo due dosi rispetto a una singola dose con entrambi i vaccini. Il rischio è maggiore anche con due dosi di Moderna (Spikevax) rispetto a due dosi di Pfizer-Biontech (Comirnaty), scrive l’agenzia in un comunicato stampa.

“Rispetto agli uomini non vaccinati di età compresa tra 16 e 24 anni, ci sono stati tra 4 e 7 casi aggiuntivi di miocardite ogni 100.000 vaccinati entro 28 giorni dalla seconda dose di Komirnati. Dopo la seconda dose di Spikevax, lo stesso numero era compreso tra 9 e 28 in più .. dice Ricard Leung, professore e medico dell’agenzia e responsabile dello studio.

I casi aggiuntivi negli uomini di età compresa tra 16 e 24 anni indicano che è circa 5 volte più comune con la miocardite dopo Comirnaty e circa 15 volte più comune dopo Spikevax rispetto al gruppo non vaccinato.

La vaccinazione è stata interrotta

È stato anche osservato un aumento del rischio di pericardite e pericardite. Entrambi gli effetti collaterali sono ancora considerati molto rari.

C’è anche un aumentato rischio per le donne che hanno ricevuto il vaccino mRNA di sviluppare miocardite, ma il rischio è molto inferiore rispetto agli uomini.

Leggi di più: Investimenti recenti in un vaccino mRNA contro il cancro

I risultati preliminari dello studio erano alla base della decisione dell’Agenzia svedese per la sanità pubblica di interrompere il vaccino Moderna per le persone di età inferiore ai 30 anni nell’autunno del 2021.

READ  È ora di aumentare il movimento popolare nella contea di Kalmar - Västerviks-Tidningen

I benefici del vaccino superano i rischi di effetti collaterali, ha scritto la Medicinal Products Agency.

Non ci sono morti tra le persone di età inferiore ai 40 anni

La maggior parte dei casi di miocardite si è verificata entro 7-10 giorni dalla vaccinazione. Non ci sono stati decessi tra le persone di età inferiore ai 40 anni.

Lo studio è stato condotto con diverse autorità nordiche e ha coinvolto più di 23 milioni di persone.

“La miocardite è rara e quindi è necessaria una popolazione più ampia per poter studiare questi collegamenti”, afferma Rickard Ljung. “Poiché in tutti i paesi nordici abbiamo sistemi sanitari simili e registri completi, la collaborazione scandinava è un punto di forza in questi contesti .”