TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ulrika Stahre sul “Requiem for Eva-Britt” di Marcus O'Hearn alla Bonnier's Art Gallery

Amore e black metal nel progetto performativo di Markus Öhrn

13 astoriani italiani visitano la tomba della nonna dell'artista Markus Oher a Tornedalen.

Nel mondo dell'arte Il lavoro per far esplodere il cubo bianco va avanti da molto tempo. Per uscire da uno showroom chiuso accedere Quasi facendo a pezzi le quote religiose, il pubblico sussulta in anticipazione davanti al potere dell'arte libera. L'arte si è trasferita in città, gli ingressi sono diventati al piano terra e le performance e il dialogo sono diventati più comuni per incontrare il pubblico. Tuttavia, penso che il cubo odioso venga fatto esplodere al meglio dal potere dell'arte quando crea qualcosa che va oltre le mura di una galleria o di una galleria d'arte.

“Requiem for Eva-Britt” racchiude tutti i momenti esplosivi. Qui si rompe il confine tra la vita e la morte, tra la vita vissuta convenzionalmente e la vita nella libertà della festa. e confini generazionali. L'amore, il black metal, una nonna e le matrone italiane.

Un ambiente per l'artista e direttore Marcus O'Hearns La mostra è il suo rapporto con la nonna Eva Brit. Sul letto di morte rivela che il suo unico rimpianto è di non aver mai fatto qualcosa di così stupido e distruttivo. All’interno di un patriarcato funzionale in cui le donne assumevano il controllo e gli uomini prendevano le decisioni, la vita ordinata si è evoluta. Qualche tempo dopo, in una piccola città italiana, Öhrn incontra donne interessanti della sua stessa razza. Queste casalinghe, le “azdors”, diventano la spina dorsale dei suoi piani di performance. Formano un gruppo, si mettono la vernice per l'auto ed eseguono una sorta di rituale in cui vanno su tutte le furie, distruggono un'auto, si fanno tatuaggi e in generale si comportano in modi che le donne anziane non si aspetterebbero. Assumono chiaramente la manifestazione della morte come Norne o Erinni, che ritornano alla loro vita quotidiana dall'ignoto, portando via tutto.

READ  Serie TV classica Brando corrotta | Film Sign

Non si sono certo pentiti, gli Astor. Bene lì.

Mostra a Bonniers La galleria d'arte è divisa in due parti: documentazione video che raffigura sia feste vivaci che solenni, come la morte della nonna di O'Hearn; Un campanile che suona per Eva-Britt – oltre a spettacoli regolari ogni domenica.

Ovviamente rompe il cubo. Anche se le mostre nella galleria di Bonnier spesso si assomigliano a causa della distribuzione delle sale: piccole opere introduttive nelle prime sale, caos in quella più grande.

Non particolarmente interessato alla manifestazione della cultura black metal, sono più attratto dalla giocosità quando croci capovolte adornano un alto campanile (e ondate di fumo), o quando le donne si truccano. Sia la nonna che la nipote e gli Astora hanno molta cura, amore e rispetto per il progetto.

Inizierà Come una sorta di compensazione – cosa avrebbe fatto o avrebbe fatto Eva-Brid adesso – il tributo e la rinascita sempre più vividi continuano a essere un mistero. Morte e vita si trovano al confine e risuonano, e questo è ciò che eleva la mostra.

Ci si può certamente chiedere se atti superficiali di distruzione siano desiderabili per una vita completa. Potrebbero essere necessari per festival, feste, partite di calcio, attività politiche. Tra le nuvole di fumo e le macchine intasate, ovviamente penso a nonna Eva-Britt e a come risponderei alla domanda sul rimpianto nella vita. La risposta dovrà aspettare ancora un po’.

Gli influencer di estrema destra utilizzano i crimini terroristici come strategia di pubbliche relazioni