TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

TV: Kroos per la Nazionale U21 – Brolin ha causato il rigore

L’Under 21 della Svezia ha giocato in trasferta martedì contro Bosnia ed Erzegovina a Zenica nelle qualificazioni agli Europei. La Svezia è entrata in campo con due vittorie consecutive sul Lussemburgo (6-0) e contro il Montenegro (3-1), inseguendo così un’altra terza vittoria questa sera.

La Svezia ha giocato alla pari con la Bosnia Erzegovina nel primo tempo, ma ha avuto un leggero vantaggio con due occasioni e alla fine ha preso profitto quando la prima metà della partita sembrava terminare senza reti. Poi il terzino sinistro Eric Kahl ha messo la palla in area di rigore e sulla seconda palla è apparso Benjamin Negrin e ha colpito lo svedese 1-0 nel primo tempo.

Nella ripresa la Bosnia-Erzegovina ha pareggiato 1-1. Samuel Brolin lascia cadere l’attaccante Anis Macic in area di rigore, causando un rigore alla squadra di casa. Dopodiché Masic è stato grandioso, pareggiando e festeggiando con voce roca contro il portiere svedese.

– È un po’ timido nei confronti del portiere svedese, afferma il commentatore di C Moore Daniel Christianson durante la trasmissione.

Non è necessario lasciare questo obiettivo con una linea di difesa addormentata, afferma Eric Edman, esperto di Seamore.

La Svezia ha avuto due occasioni nel secondo tempo, mentre la squadra ospitante è stata messa sotto pressione senza segnare la palla in porta, il che significa che la partita si è conclusa con un pareggio per 1-1. Così, la Svezia ora ha sette punti dopo tre partite giocate nelle qualificazioni al Campionato Europeo Under 21.

– Quando siamo venuti qui, sapevamo che sarebbe stato difficile giocare con un giardino irregolare e che avremmo dovuto far emergere altri aspetti di noi stessi. Abbiamo giocatori che sono molto abili con la palla e sono difficili da ottenere quando vai veloce sull’erba. Ci sono stati momenti in cui potevamo accenderci, ma si tratta di partite di secondo livello e duelli vincenti, racconta a Fotbollskanalen il capitano della nazionale Boya Asbaghi ​​e continua:

READ  TV: Rebek è il capocannoniere del Milan

– Nel secondo tempo, hanno ottenuto la partita dove volevano. Hanno alzato la palla in aria, sono stati fisici, hanno preso la seconda palla e ci hanno spinto a terra. Il secondo tempo è stato con cinque minuti di gioco aperto. Erano posizioni in piedi, lanci lunghi e calci di punizione, il che significava che non abbiamo notato il ritmo del gioco, che ha funzionato per noi. È stata una partita dal ritmo lento con molti duelli che hanno beneficiato la Bosnia. L’1-1 non è ingiusto e dovremmo accontentarci di un punto. Comprendiamo che ci saranno più partite in futuro, poiché è importante per noi produrre anche questa pagina, anche se riteniamo Meglio quando portiamo palla e giochiamo che nel secondo tempo.

Avresti dovuto fare qualcosa di diverso per la partita fisica bosniaca?
Vincere le seconde palle è stata la chiave della nostra partita. Questo è ciò che detta i termini. Non abbiamo controllato la prima partita, ma abbiamo controllato la seconda partita, il che ha reso difficile per la Bosnia spingerci verso il basso. Dopo aver segnato l’1-1 ai rigori nella ripresa, abbiamo perso un po’ di posizione nella ricerca del 2-1. Abbiamo avuto molto tempo come squadra e abbiamo giocato con la Bosnia con le nostre mani, dice Asbaghi, che continua:

Non siamo stati pressati e non abbiamo vinto le seconde palle. Quando hanno vinto la seconda palla, abbiamo dovuto correre a casa. Se avessimo iniziato la partita avremmo potuto reagire, ma hanno avuto la pressione che volevamo. È stata una partita dura con molte esplosioni e le partite corpo a corpo non erano permesse affatto. Non credo di essere stato in una partita con molti calci di punizione. Non ci ha aiutato che volevamo accelerare il ritmo.

READ  Zlatan rompe il silenzio sul litigio Lukaku

Asaghi ha spiegato che sperava chiaramente di vincere, ma è contento di un punto in base alla forma del secondo tempo della partita di questa sera.

– Mi sarebbe piaciuto vincere davanti, ma guardando come si è sviluppata la partita negli altri dovresti essere contento dei punti, anche se è triste che non siamo riusciti a difendere il vantaggio come volevamo. Se guardi l’evoluzione negli altri, sono contento di questo punto.

Il girone svedese stavolta è finito, quando la prossima partita di qualificazione si giocherà l’8 ottobre contro il Montenegro. Dopodiché, il 12 ottobre ci sarà la sfida contro l’Italia nel girone di qualificazione. Le finali del Campionato Europeo Under 21 si terranno in Romania e Georgia nel 2023.

Startlefour:

Svezia: Samuel Brolin – Emil Holm, Jesper Tolenson, Pavel Vagic, Eric Kall – Armin Djegovic, Bilal Hussein, Carl Gustafson – Benjamin Negrin, Tim Brica, Anthony Ilanga.

Bosnia Erzegovina: Nikola Sitkovic – Amar Dedic, Dordje Milojevic, Adrian Barisic, Nenad Nikic – Amar Begic, Igor Savic – Enver Kolasin, Ivan Pesek, Andreja Derligo – Anis Masik.