TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trattamento di successo nei topi del cancro infantile acuto

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Università di Göteborg mostrano che i tumori dei topi con neuroblastoma ad alto rischio sono scomparsi quando hanno ricevuto un nuovo trattamento combinato con farmaci di precisione. È un passo importante verso un potenziale trattamento curativo per una forma di cancro attualmente difficile da trattare che colpisce i bambini piccoli.

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, è il risultato di una collaborazione tra ricercatori dell’Università di Göteborg e dell’Università di Gent in Belgio.

Il neuroblastoma è una forma di cancro infantile che colpisce il sistema nervoso periferico, cioè una parte del sistema che non è il cervello o il midollo spinale. In Svezia, ogni anno vengono diagnosticati da 20 a 30 bambini. Ad esempio, il cancro può iniziare nelle ghiandole surrenali, ma i tumori possono verificarsi in tutto il corpo.

– In alcuni casi, la malattia può guarire da sola e andare via da sola, ma la forma aggressiva è meno prognostica. L’attuale trattamento è molto difficile per i bambini e i suoi effetti collaterali hanno conseguenze per il resto della loro vita, afferma Ruth Palmer, professore di biologia cellulare molecolare all’Università di Göteborg, che guida uno dei gruppi di ricerca dietro il nuovo studio.

I tumori sono scomparsi nei topi

Lo studio mostra che un trattamento che combina due diversi farmaci precisi, che fanno parte del gruppo dei farmaci inibitori dell’ATR e degli inibitori dell’ALK, elimina la crescita dei tumori del neuroblastoma nei topi.

Dopo 14 giorni di trattamento, i tumori erano completamente scomparsi in due modelli murini indipendenti. Dopo 200 giorni, uno dei topi ha avuto una ricaduta, che è troppo lungo per un topo, mentre gli altri topi sono rimasti liberi dal tumore, afferma Dan-Emil Lind, un ricercatore del gruppo e uno dei primi autori della pubblicazione.

READ  Covid-19 comporta seri rischi durante la gravidanza

Siamo rimasti sorpresi dal risultato molto positivo. Sorprendentemente, un protocollo di due settimane che combina questi due farmaci esatti potrebbe portare alla completa regressione del tumore in due modelli murini indipendenti di neuroblastoma, afferma l’altro primo autore, Joanna Schedzyk, che era una studentessa di dottorato del gruppo quando il lavoro è stato completato. è finita.

Il follow-up è in corso

– In coltura con linee cellulari prelevate dall’uomo, vediamo la stessa espressione di RNA e proteine ​​​​come nei topi, indicando che siamo sulla strada giusta, afferma Jamie van den Eenden, ricercatore presso l’Istituto di ricerca sul cancro di Gand presso il Università di Gand. Gand. che ha guidato la parte belga del business.

Esattamente perché la terapia di combinazione ha funzionato così bene nello studio, il gruppo di ricerca non lo sa ancora, ma la loro ipotesi è che il sistema immunitario dei topi abbia ricevuto segnali che le cellule tumorali avevano iniziato l’apoptosi, e quindi le cellule immunitarie normali avevano distrutto il cellule cancerogene.

I nostri risultati hanno superato le aspettative. Ora abbiamo iniziato un follow-up con altri inibitori dell’ATR per studiare come influenzano il sistema immunitario dei topi. Vorremmo sapere perché questa combinazione di micro-farmaci contro ATR e ALK è così buona, continua Ruth Palmer.

Espressioni non bilanciate correttamente

I meccanismi molecolari con cui si verifica il neuroblastoma sono solo parzialmente noti. Forse questo è uno dei fattori che spiegano il cattivo funzionamento del sistema nervoso periferico. Un difetto sottostante nella cellula può essere che il gene è scomparso, che c’è una sovraespressione di una particolare proteina o che una particolare proteina o gene è stato mutato.

READ  Il ruolo delle cellule adipose nel diabete di tipo 2 -

Un quarto di tutti i casi di neuroblastoma ad alto rischio si verifica quando il gene stimolante il cancro MYCN è sovraespresso. In molti casi, questa sovraespressione di MYCN si verifica insieme all’aggiunta del gene ALK. Quando tali geni che causano il cancro sono espressi in una cellula cancerosa, questa vuole dividersi più velocemente e quindi può verificarsi qualcosa chiamato stress da trascrizione.

Sono necessarie più opzioni

I risultati di questo studio suggeriscono che i pazienti con neuroblastoma, in particolare quelli appartenenti a gruppi ad alto rischio in cui la combinazione dei geni MYCN e ALK ha provocato stress di replicazione, possono trarre beneficio dalla terapia farmacologica con inibitori dell’ATR.

I farmaci rallentano la crescita del cancro, ma non correggono l’errore sottostante. Pertanto, sono necessarie ulteriori opzioni di trattamento Neuroblastoma ad alto rischio gestito dagli oncogeni ALK e MYCN, conclude Ruth Palmer.

soprannome: L’inibizione dell’ATR consente la completa regressione del tumore nei modelli murini NB guidati da ALK; https://doi.org/10.1038/s41467-021-27057-2

Chiamata:

Bengt Hallberg, professore di fisiologia medica, tel. 031-786 3815 E-mail [email protected]

Ruth Palmer, professore di biologia cellulare molecolare, tel. 0705 66 57 25 E-mail [email protected]

Immagini: Joanna Schidzyk e Dan Emil Lind in un ambiente di laboratorio (foto: Bengt Hallberg) e foto di Bengt Hallberg e Ruth Palmer (foto: Malin Arnson). vai al bildbank.gu.se Altro Selfie ad alta risoluzione.

Elaine Lindstrom, contatto stampa
Sahlgrenska Academy presso l’Università di Göteborg
Telefono: 076618 3037e 031-786 3037
E-mail: [email protected]

Sahlgrenska Academy è la scuola di medicina dell’Università di Göteborg Istruzione e ricerca in medicina, odontoiatria e scienze della cura. Il college ha 4.851 studenti a tempo pieno, 942 studenti di dottorato e 1.774 dipendenti, www.gu.se/sahlgrenska-akademin