TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Testimonianza: il fiume Dnepr è sotto costante bombardamento

In ottobre sono emerse le prime notizie secondo cui l’Ucraina era riuscita ad attraversare il fiume Dnepr ed era entrata nella parte meridionale della regione di Kherson occupata dai ribelli. A metà novembre, le prime conferme ufficiali sono arrivate quando è stata pubblicata la notizia che le forze russe si stavano “raggruppando in posizioni più vantaggiose”, successivamente cancellata dai media statali russi.

Ma l’Ucraina ha pagato un prezzo alto per i suoi successi nel sud, attestano i soldati del paese.

– L’intero fiume è sottoposto a continui bombardamenti. Uno dei soldati ha detto: ho visto le barche con i miei amici a bordo scomparire in acqua dopo che le avevo colpite, e si erano perse per sempre nel fiume BBC.

Quando i soldati ucraini Una volta attraversato il fiume, uno sforzo che, secondo il consigliere presidenziale Andrej Jermak, “contro ogni previsione”, ha comportato la sfida successiva: arrivare con materiali e rinforzi.

– Quando abbiamo raggiunto la riva del fiume, il nemico ci stava aspettando. I russi che siamo riusciti a catturare hanno detto di aver ricevuto informazioni su quando e dove saremmo atterrati. Sapevano esattamente dove eravamo e ci attaccarono con tutta la loro artiglieria, granate e lanciafiamme. Non avrei mai pensato di uscire, dice un soldato alla BBC.

Da allora, le forze Riuscii a stabilire diverse teste di ponte e avanzai verso Krynky. Recentemente lì hanno avuto luogo le battaglie più violente e oggi si dice che nella comunità non rimangano altro che semplici macerie.

Anche la Russia ha dovuto pagare un prezzo alto per aver rallentato l’avanzata ucraina. A metà novembre, il governatore di Kherson nominato dalla Russia, Vladimir Saldo, ha promesso “l’inferno” per le forze ucraine. Nello stesso contesto, i soldati russi hanno descritto la difesa della riva del fiume come una missione suicida.

READ  Crescono le preoccupazioni per lo scioperante della fame

– Gli ucraini hanno preso Kryniki perché avevano bisogno di una testa di ponte. “Non restituiranno il controllo, ma non possiamo dare loro la riva del fiume”, ha detto un soldato russo a un russo. BBC Poi.

– Andare lì è una missione suicida. Tutti bevono per essere coraggiosi adesso. Avevano capito che dovevano andarsene.