TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sundgren: “Cosa mi rende così orgoglioso

Con Emile Kraft che diventerà padre nel prossimo futuro, Jan Andersson ha scelto di convocare un terzino destro aggiuntivo per le partite di qualificazione alla Coppa del Mondo in corso. La scelta è caduta su Daniel Sundgren, che domenica esordirà in nazionale contro l’Uzbekistan. Högerbacken non partirà ma avrà tempo per giocare, ha promesso Janne Andersson.

– È stimolante e divertente. Questa è una cosa che bramo sin da quando ero bambino. Sembra un po’ surreale. Ho lottato per questo, ed è divertente essere ricompensati per tutto il duro lavoro che ho fatto, dice Sundgren.

A proposito della chiamata dice:

– Sono rimasto un po’ sorpreso, ma ovviamente molto felice. La famiglia era a posto quando Janne ha chiamato, quindi è stato un bel momento.

– Ora è importante dimostrare che sono qui per competere e non dovrei avere molto rispetto. È importante che tu prenda il tuo posto.

La scorsa stagione è stata un successo per Sundgren, che si è comportato così bene ad Ares che era È stato nominato miglior terzino destro del campionato greco.

– È divertente, certo. Ma non sono un giocatore che si commenta così tanto. Altri possono commentare. Ma ovviamente sono contento della stagione che è stata. Allora non mi sembra di aver finito qui. Ho molto da offrire.

La situazione era diversa nell’estate del 2020. A quel tempo, Sundgren era seduto nel frigo di Ari e non era nei piani futuri dell’allenatore in quel momento. È arrivato un nuovo allenatore e ha cambiato tutto.

Ho guadagnato tempo di gioco e fiducia in me stesso che mi hanno permesso di esibirmi in campo. È iniziato con il nuovo allenatore che mi ha beccato il primo giorno, dicendo che conosceva le mie qualità e chiedendomi se volevo unirmi alla corsa. Poi non ho avuto altra scelta che restare riagganciato. E poi, è semplicemente salito alle stelle.

– Sono sempre stato forte mentalmente, ma ho fatto il test, per così dire. Ho avuto mesi davvero difficili, ma mi sono allenato duramente da solo e me ne fregava che sarei tornato. Era necessario un cambio di allenatore.

Sundgren è orgoglioso di essere arrivato in nazionale e descrive il motivo nel modo seguente:

READ  La Svezia rischia di saltare le qualificazioni alla Coppa del Mondo di hockey

Ho avuto un padre (Gary Sundgren) che ha fatto passi simili nella sua carriera e ho sempre cercato di essere come mio padre. Poi voglio andare per la mia strada, ovviamente, ma penso di aver messo così tanta pressione su me stesso che volevo arrivare dove è arrivato mio padre. Hai finalmente raggiunto questo obiettivo.

Ognuno ha la sua strada da percorrere e tu sei arrivato in un modo molto speciale. Soprattutto considerando che anch’io sono stato abbastanza malato per un po’. Quello che mi rende più orgoglioso è che ho combattuto fino alla fine.

Sì, Sundgren aveva un coagulo di sangue nel polmone nel 2017.

– I medici hanno detto francamente che non potevo più giocare a calcio, ma con l’aiuto dei miei genitori e delle persone intorno a me ho trovato una soluzione. Mi ha permesso di continuare a fare ciò che amo di più.

Högerbacken ha giocato fino alla stagione 2016 in Superettan con Degerfors. Quindi è stato reclutato di nuovo in AIK e si è esibito al livello del suo trasferimento in Grecia.

La Svezia-Uzbekistan prende il via domenica alle 15.00. La partita viene trasmessa su TV4, C More Football e può essere trasmessa su cmore.se.