TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stato urgente della passera: il pesce che dovresti evitare

Stato urgente della passera: il pesce che dovresti evitare

L’ecosistema del Mar Baltico è gravemente disfunzionale e il fatto che gli stock di storione continuino a diminuire non è una buona cosa, secondo il World Wide Fund for Nature, WWF. A causa della continua pesca eccessiva e della crescita lenta, lo storione ottiene una luce rossa nell’ultima guida sui pesci.

Anche il merluzzo pescato a strascico nei mari di Barents e di Norvegia diventa rosso dopo essere stato precedentemente giallo. Il semaforo rosso significa che il WWF invita le catene alimentari, i consumatori e i ristoranti a scegliere questi pesci.

La passera è esposta alla pesca eccessiva e diventa più piccola e più agile di prima. La pesca a strascico su larga scala sta esaurendo gli stock, afferma Inger Melander, esperta di pesca e mercati del WWF.

Secondo una proposta della Commissione europea, l’anno prossimo tutta la pesca allo storione nel Mar Baltico centrale e nel Golfo di Botnia dovrebbe essere interrotta. I ministri della pesca dell’UE si incontreranno dal 23 al 24 ottobre per fissare le quote di cattura per il prossimo anno.

Ci auguriamo che seguano la proposta della commissione, ma purtroppo probabilmente sceglieranno soluzioni finanziarie più a breve termine, dice Inger Melander.

L’aringa del Mar Baltico è un altro pesce che cambia la sua combinazione di colori nella guida ai pesci di quest’anno. Secondo il WWF, il colore passa dal verde al giallo a causa del superamento delle quote di cattura e di una gestione inadeguata.

Un raggio di luce nel rapporto di quest’anno è che l’orata nel Mar Baltico sta passando dal giallo chiaro al verde chiaro. Si ritiene che lo stock stia andando bene e la pesca al volume attuale non sembra avere un impatto negativo sull’ecosistema. L’altra buona notizia è che il coregone e le uova di halibut importati da alcune parti degli Stati Uniti e i gamberetti giganti allevati a terra stanno ottenendo il via libera.

READ  Viaggio di caccia a Bornholm dopo l'invasione russa

Si tratta di gamberi giganti che vengono allevati in sistemi di riciclaggio chiusi a terra in luoghi come Germania, Austria e Svizzera con un basso impatto ambientale, afferma Inger Melander.

Un pesce che dovresti continuare a evitare è il tonno pinna gialla dell’Oceano Indiano, indipendentemente dal metodo utilizzato per catturarlo. Lo stock è stato sovrasfruttato e rimane solo il 31% dello stock originale. Inoltre, la pesca presenta un’elevata percentuale di catture accessorie di altre specie marine quando vengono catturate.

I pesci non sono solo cibo o fonte di sostentamento per i pescatori professionisti. Svolgono un ruolo molto importante nell’ecosistema marino. Ecosistemi marini sani e ricchi di biodiversità sono essenziali affinché gli stock ittici vitali possano prosperare e crescere, e sono più resistenti ai cambiamenti climatici, afferma Inger Melander.

Gli svedesi mangiano in media 12 chilogrammi di pesce e crostacei pro capite all’anno. Foto: Johan Hallnas/TT

La guida utilizza i semafori: verde (buona scelta), giallo (fai attenzione) e rosso (non farlo).

Durante la classificazione è necessario tenere conto di quanto segue:

1) Stock ittici

2) Controllo e gestione

3) Impatto della pesca sull’ecosistema (habitat, specie marine, rigetti, catture accessorie, ecc.)

4) Violazione dei diritti umani

5) Emissioni di gas serra associate alla pesca

6) Perdita di attrezzature da pesca abbandonate nei mari e nei laghi

Per le specie coltivate, si esamina l’origine del mangime, come viene condotta l’agricoltura e qual è il suo impatto ambientale, nonché l’efficienza della gestione. Le tossine ambientali non sono coperte.

Certificazioni come MSC, ASC e KRAV non ottengono automaticamente il via libera e sono fuori dal semaforo. Il WWF raccomanda di scegliere principalmente specie a luce verde e secondariamente prodotti ittici certificati.

Fonte: WWF