TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Smettere di vendere il Pallone d'Oro di Maradona  calcio

Smettere di vendere il Pallone d'Oro di Maradona calcio

FOTO: SPLASHNEWS.COM / Stella Pictures / Splash News

Giovedì sarà messo all'asta il Pallone d'Oro vinto da Maradona dopo che l'Argentina vinse la Coppa del Mondo del 1986. Gli eredi dell'icona del calcio si sono battuti per fermare la vendita, e ora sarà come vogliono.

La coppa è rimasta scomparsa per decenni dopo essere scomparsa in circostanze poco chiare, riapparendo solo di recente. Gli eredi di Maradona sostengono che è stato rubato e che l'attuale proprietario non ha il diritto di venderlo.

Da parte sua, l'attuale proprietario ha detto che quando ha acquistato la tazza diversi anni fa, non sapeva che fosse stata rubata.

Teoria: la coppa si gioca in trasferta

Gilles Moreau, l'avvocato degli eredi, ha dichiarato all'Associated Press che ora verrà avviato un procedimento legale per convincere il tribunale a decidere chi possiede effettivamente il Pallone d'Oro.

“Siamo contenti di questa decisione”, afferma.

L'Argentina vinse la Coppa del Mondo del 1986 dopo aver battuto in finale la Germania Ovest 3–2. Ma la partita più chiacchierata è stata quella dei quarti di finale contro l'Inghilterra, dove Maradona ha segnato il gol del secolo e il famoso gol di propria mano, il gol della “Mano di Dio”.

La stella del calcio argentino ha ricevuto il Pallone d'Oro come miglior giocatore del torneo durante una cerimonia tenutasi a Parigi. Poi è scomparsa senza lasciare traccia.

Si diceva che Maradona lo avesse scommesso in una partita a poker o lo avesse venduto per saldare i debiti. Altri dicono che la leggenda argentina lo custodisse nel caveau di una banca a Napoli, dove giocava con la maglia del Napoli, e poi fu rubato da bande locali nel 1989.

READ  La Juventus ha scosso contro MFF: 'Inizio di stagione disastroso'