TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Simon Peterson di Bislett Games

Oslo. Simon Pettersson, l'attuale secondo classificato olimpico, è seduto nella hall di un hotel di Oslo felice di competere nuovamente nella Diamond League.

Nei giochi di Bislett, lancia contro il meglio del meglio.

“Mi manca davvero tornare a queste grandi feste”, dice il lanciatore del disco fumante.

Simon Pettersson è un decatleta allampanato che è stato trasformato in un lanciatore di disco di livello mondiale dall'allenatore Vestine Hafstensson.

Ha puntato dritto al cielo mentre migliorava il suo meglio per dieci anni consecutivi.

È seguita una medaglia d'argento olimpica a Tokyo 2021 quando ha superato il limite dei sogni ai Campionati SM di Norrköping l'anno successivo, ottenendo un lancio del disco di 70,42.

Il suo primo lancio oltre i 70 metri.

Ha persino ingannato il vincitore olimpico Daniel Stahl della medaglia d'oro in SC.

Un anno fa, ha iniziato la stagione 2023 al quinto posto nel mondo.

Poi tutto è crollato.

In gara ha superato a malapena più di 60 metri e nel momento clou dell'estate, il campionato mondiale di Budapest, ha dovuto seguire il suo amico Daniel Stahl per prendere la medaglia d'oro dagli spalti.

Era già eliminato dai playoff e al 21esimo posto assoluto.

– Dice che è un peccato.

– Tutto era complicato l'anno scorso e non sono riuscito a risolverlo. È iniziato con la tecnologia che non funzionava e poi ha alzato la testa. Col senno di poi, avrei dovuto smettere di gareggiare e restare a casa, allenarmi e cercare di riconquistare la felicità. Per un po' è stato davvero frustrante lì. Ma è facile che sia troppo tardi.

“Non me l'aspettavo”

Nel frattempo, gli scarsi risultati hanno fatto cadere Simon nella classifica mondiale.

Oggi è al 19° posto nella classifica mondiale, ben lontano dai tiratori invitati alle gare della Diamond League.

Lì gli organizzatori scelgono soprattutto i giocatori con il punteggio più alto del mondo, tranne quando si tratta di gare in patria, come ad esempio il concerto del Bauhaus di domenica a Stoccolma, dove a Simone è stato assegnato un posto designato.

– Sì, non mi aspettavo nemmeno di essere qui a Oslo. Sapevo che c'erano poche possibilità, ma stavo per scartare quell'idea. Quindi è stata davvero una bella notizia quando mi sono iscritto.

Simon Peterson non potrebbe essere più fiducioso nel partecipare ai Giochi Olimpici di Parigi di quest'estate.

Simon è pronto per le Olimpiadi in termini di ranking mondiale, ma non ha ancora raggiunto la soglia di nomination del CIO di 66,63 o l'intervallo di nomination di 65,17-66,62.

Il suo tiro più lungo quest'anno è stato 63,82 in una competizione tenutasi a Marsiglia, in Francia, il 22 maggio.

– Ma il mio obiettivo resta quello di superare la soglia di qualificazione di 67.20, dice Simon.

Ma SOK è difficile dire di no a un secondo classificato olimpico, giusto?

– Sì, ma tre anni sono tanti. Voglio avere qualcosa di buono con me e sentire di appartenere. Allo stesso tempo, so che alle Olimpiadi mi spingerò sempre un po’ più in alto.

Non devi essere Einstein per collegare la tua crisi al fatto che Vestin Hafsteinsson è scomparso come tuo allenatore?

READ  Stora Tuna ha vinto a Tumela – la sua prima vittoria in 60 anni

– Sì, io e Hinky (il nuovo allenatore Henrik Wennberg, il nostro diario) ci siamo passati. Anche se Festein mi vedeva in ogni situazione e mi seguiva da vicino, Hinkie non mi aveva visto lanciare in quel modo molto spesso. Ma ora sembra che siamo sulla strada giusta.

Simon Peterson sul posto a Oslo.

“Batti un record in palestra”

Fisicamente, Simon è più forte che mai.

– Sì, ho battuto il record in palestra e pesavo 120 chili. Fisicamente non sono mai stato più forte. E ora è il momento di far scendere sul ring anche lui.

Quando Simon arrivò a Vestin come un talento di lancio completamente sconosciuto nel 2013, l'obiettivo era quello di dare il meglio di sé per i Giochi Olimpici del 2024. A quel tempo non era nemmeno chiaro che Parigi avrebbe ospitato i Giochi.

– Sì, sappiamo entrambi che ci vorrà del tempo.

Il motivo per cui Simon ha cambiato filiale è esattamente il motivo che dovrà affrontare giovedì a Oslo.

– Sì, è stata l'occasione per partecipare a questo tipo di grande competizione. Questo è esattamente quello che sognavo.