TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Silvio Berlusconi, 85 anni, torna in Serie A – con il Monza

È una giornata di primavera di fine maggio e il Monza gioca la partita di calcio più importante della storia del club.

Ma quando tutto è deciso e mancano pochi minuti per giocare, il titolare Silvio Berlusconi siede nuvoloso sugli spalti dell’Arena Garibaldi di Pisa. Il suo braccio destro, Adriano Galliani, non si è visto per niente quando i padroni di casa hanno segnato 3-2 a Pisa, portando così ai supplementari la seconda finale. Galliani era molto nervoso.

– Non potevo guardare. Dei 360 minuti di una partita di playoff di calcio, probabilmente hai visto 150 o 200 minuti, ha detto il presidente del club in merito alla vittoria secondo Sito sportivo The Athletic.

Ma giusto in tempo per la decisione di prolungare, Berlusconi si è svegliato e Galliani ha riguadagnato il suo posto in tribuna. Insieme, la coppia vedrà il Monza segnare uno e due gol e assicurarsi così un posto nella Serie A italiana. Il club non è mai stato lì prima.

Silvio Berlusconi e Adriano Galliani guidano una Monza dal 2018.

Silvio Berlusconi e Adriano Galliani guidano una Monza dal 2018.

Foto: Claudio Forlan/TT

Nel 2017 Berlusconi l’ha venduta Il suo amato Milan dopo 31 anni al timone. All’epoca, molti probabilmente pensavano di aver visto l’ultimo ex Presidente del Consiglio italiano all’apice del calcio. Silvio Berlusconi, invece, scherza sulle vittorie di nuova serie e sulle partite di Champions con il Monza.

Come è successo?

Entrare nel calcio italiano è stato emozionante. Un giorno d’estate del 1986, pochi mesi dopo l’annuncio dell’acquisto del Milan da parte di Silvio Berlusconi, migliaia di tifosi si sono radunati all’Arena Civica di Milano per accogliere il nuovo proprietario.

Berlusconi è arrivato con i giocatori e gli allenatori in elicottero contemporaneamente al “Valkyrie Raid” di Richard Wagner a tutto volume dal sistema di altoparlanti in sottofondo.

Gli anni ’80 furono un decennio segnato da scandali, problemi finanziari e retrocessioni per il grande club, allora sul ghiaccio. Alcuni hanno visto l’ingresso ispirato ad Apocalypse Now come eccessivo e imbarazzante, ma per Berlusconi era un modo per dimostrare che il Milan stava pensando in un modo nuovo sotto di lui. Molti anni dopo, l’icona del club Franco Baresi mi disse che ricorda ancora quel giorno tanto quanto lo era ieri.

– Non era solo l’elicottero, era la sensazione di un’enorme trasformazione. Ha detto che le cose sarebbero state diverse, secondo Sito web di calcio Fourfourtwo.

Il Milan prima della finale di Champions League contro il Marsiglia nel 1993. All'inizio ci sono stati undici giocatori come Paolo Maldini, Franco Baresi, Marco van Basten e Frank Rijkaard.

Il Milan prima della finale di Champions League contro il Marsiglia nel 1993. All’inizio ci sono stati undici giocatori come Paolo Maldini, Franco Baresi, Marco van Basten e Frank Rijkaard.

Foto: Bildbyran

È esattamente come si è scoperto Anche questo. Perché con il duo di cavalli Adriano Galliani al suo fianco, il Milan non ha tardato a riprendere a lottare in testa alla classifica. L’allenatore svedese Nils Liedholm è stato sostituito da Arrigo Sacchi mentre ingenti somme sono state spese per i nuovi giocatori. Roberto Donadoni, il trio olandese Marco van Basten, Ruud Gullit e Frank Rijkaard sono stati tra quelli coinvolti.

Nella stagione 1988 il Milan vince il campionato per la prima volta in nove anni. Nel 1989 il Milan vinse la Coppa dei Campioni, poi la Champions League, per la prima volta in 20 anni e l’anno successivo la squadra ripeté questa impresa.

Con Berlusconi alla guida, il Milan è tornato a casa con un totale di 29 titoli, di cui otto vittorie in campionato e cinque titoli di Champions League e Coppa dei Campioni. Ma il carismatico italiano non ha lasciato il segno solo sul campo di calcio.

Berlusconi aveva una formazione nel settore dei media e ha riconosciuto presto il potere della televisione. Per lui era chiaro che il Milan avrebbe raggiunto un pubblico anche fuori dall’arena. Da allora, la soluzione per la pubblicità televisiva e le crescenti entrate televisive ha contribuito in modo determinante al marketing del calcio moderno.

Silvio Berlusconi guidava Milano come una società, come ha testimoniato Nils Liedholm in un’intervista a Expressen pochi anni prima della sua morte.

– Ha detto di aggiornare l’intero club Liedholm tra gli altri dopo.

In una delle sue prime conferenze stampa, lo stesso Berlusconi ha affermato di non vedere il Milan solo come una squadra di calcio.

– È anche un prodotto da vendere, qualcosa da offrire al mercato.

La scelta di Silvio Berlusconi di assumere Arrigo Sacchi all'epoca era relativamente poco provata e fu messa in discussione da molti.  Ma sotto la guida di Sacchi, il Milan ha vinto una volta il campionato e due volte la Coppa dei Campioni.

La scelta di Silvio Berlusconi di assumere Arrigo Sacchi all’epoca era relativamente poco provata e fu messa in discussione da molti. Ma sotto la guida di Sacchi, il Milan ha vinto una volta il campionato e due volte la Coppa dei Campioni.

Foto: Bildbyran

A parte il campo di calcio, ha usato il club come trampolino di lancio per la politica. Berlusconi ha governato l’Italia come capo del governo per tre mandati (1994-1995, 2001-2006 e 2008-2011) attraverso l’auto-iniziata Forza Italia – e successivamente il Popolo della Libertà.

Il successo del Milan ha certamente contribuito a realizzare le aspirazioni politiche di Berlusconi. È dubbio che ora sarebbe primo ministro senza questo collegamento. Il calcio e la politica sono sempre stati associati alla mente di Berlusconi. L’analista politico Franco Pavoncello ha affermato che il calcio come mezzo per entrare in politica e le dinamiche della politica come immagine speculare dello sport. New York Times 2010.

Tuttavia, gran parte degli anni 2000 è diventata una triste storia per il Berlusconi un tempo popolare. Crisi e scandali non erano certo una novità: c’erano già state accuse di abuso di potere, corruzione, frode, concussione e compravendita di sesso mentre guidava.

Alexandre Pato ha aiutato Ronaldinho a vincere lo scudetto nel 2011, quest'ultimo sotto la proprietà di Silvio Berlusconi.

Alexandre Pato ha aiutato Ronaldinho a vincere lo scudetto nel 2011, quest’ultimo sotto la proprietà di Silvio Berlusconi.

Foto: Alberto Pellaschiara / AP

ma lì Berlusconi in precedenza era riuscito a scrollarsi di dosso gli scandali, ma ora sta iniziando a raggiungerlo. La crisi dell’euro in Italia è stata l’ultima goccia e in una votazione parlamentare nel novembre 2011 è stato chiaro che Berlusconi non aveva più La maggioranza politica è con loro.

Quando l’allora 75enne presidente del Consiglio andò al palazzo presidenziale di Roma per dimettersi, fu fischiato da migliaia di italiani arrabbiati che urlarono. “Clown” e “Prigione”. Sul piano calcistico il Milan è fermo. Invece di vincere titoli europei, il club ha lottato a metà classifica. Nel 2017, il Milan è stato venduto a un consorzio cinese nella speranza che la nuova proprietà rendesse il club ancora una volta una grande potenza.

Appena un anno dopo, Berlusconi venne a sapere che la squadra di calcio del Monza era in vendita. Adriano Galliani è nato in città e durante il pranzo presso la residenza della famiglia Berlusconi ad Arcore, ha riferito che un consorzio americano stava cercando di acquistare il club, che stava avendo problemi finanziari, secondo The Athletic.

Monza, situata a circa 20 minuti di auto, è famosa dal punto di vista sportivo per l’Autodromo Nazionale di Monza dove ogni anno si disputa la Formula 1. Gli svedesi interessati alle automobili ricorderanno anche che Ronnie Peterson si è schiantato così gravemente a Monza che è morto poco dopo in un ospedale di Milano.

Club di calcio? Ha guidato una presenza sotto copertura nelle divisioni inferiori del paese e non ha mai giocato in Prima Divisione. Tuttavia, le informazioni di Galliani erano così interessanti che Berlusconi ha chiesto alla famiglia e ai membri del consiglio di ottenere il via libera per dirottare l’accordo. Ce l’ha fatta e il 28 settembre 2018 è stato annunciato che la holding Fininvest, controllata da Berlusconi, aveva acquistato Monza.

Chiara la scelta del presidente del Cda (Adriano Galliani), così come l’obiettivo più grande: vedere un giorno il Monza affrontare il Milan in Serie A a San Siro a Milano.

Il danese Christian Jetker ha segnato l'ultimo gol nella partita degli spareggi.

Il danese Christian Jetker ha segnato l’ultimo gol nella partita degli spareggi.

Foto: Claudio Forlan/TT

questa volta Berlusconi ha lasciato l’elicottero sulla pista, ma proprio come quando ha preso il Milan, l’italiano ha pompato soldi. L’ex milanista Christian Bruschi è stato nominato nuovo allenatore e nel suo secondo anno il club ha vinto la Serie A con giocatori importanti come Mario Balotelli e Kevin-Prince Boateng (entrambi ex milanisti), Monza avrebbe dovuto salire al potere. Seconda Divisione e assicurati la promozione direttamente in Prima Divisione. Quando ciò non è accaduto, Brocchi è partito alla fine di maggio 2021.

Un anno dopo, il tanto atteso aggiornamento è finalmente arrivato dopo che l’addon ha battuto il Pisa. Durante l’estate, il Monza ha nuovamente investito molto, portando giocatori noti come Matteo Pesina (dall’Atalanta), Stefano Sensi (Inter), Alessio Cragno (Cagliari) e Andrea Ranocchia (Inter).

La stagione di Serie A inizia il 13 agosto. Ma solo domenica 23 ottobre si avvererà il grande sogno: Monza incontra Milano a San Siro. Berlusconi ha precedentemente affermato che ciò che ha ottenuto con il Monza ha superato il successo al Milan.

Sono ancora l’allenatore di calcio di maggior successo al mondo grazie al Milan. Ma questa volta, grazie ad Adriano Galliani che mi ha convinto a lanciarmi in questa nuova avventura, abbiamo fatto qualcosa di fuori dal comune. Abbiamo dato al Monza il posto che merita nel campionato italiano, Berlusconi ha detto secondo il calcio italiano.

Secondo la sua stessa dichiarazione, Adriano Galliani lo era

Secondo una sua stessa dichiarazione, Adriano Galliani è “in prestito” al Milan da 31 anni. Ora è tornato nel club della sua città natale.

Foto: Claudio Forlan/TT

per lui Il Milan, almeno in parte, è sempre stato una questione di forza. Con una reputazione offuscata e cause legali in corso fino ad oggi, è facile vedere nel Monza come un altro modo per ripristinare l’influenza del passato attraverso nuovi successi calcistici.

Tuttavia, quelli vicini all’85enne insistono sul fatto che non è così. per New York Times Adriano Galliani ha raccontato a febbraio 2020 che si tratta di un progetto che viene direttamente dal cuore.

– È puro romanticismo. Monza è uno stato d’animo.

READ  Come se avessimo sganciato una bomba atomica