TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Servono iniziative educative sull’HIV nelle cure primarie”

L’epidemia si è diffusa come una coltre sull’assistenza sanitaria in Svezia e l’impatto dello sfollamento è stato significativo, forse anche maggiore per le persone che vivono con l’HIV. Molti medici e ricercatori che in precedenza erano pazienti affetti da HIV a tempo pieno stanno ora lavorando con il coronavirus.

Il governo svedese ha firmato l’Agenda 2030, in cui uno degli obiettivi sostenibili è eliminare l’HIV e l’AIDS entro il 2030.

Leggi di più: Risultati promettenti nello studio sull’HIV sostenuto dalla Svezia

Copenaghen è ora il primo paese scandinavo ad aderire alla Fast Track Cities Initiative, un’iniziativa dell’agenzia delle Nazioni Unite Unaids, tra le altre, che mira a far sì che le città del mondo eliminino l’HIV e l’AIDS entro il 2030. Copenaghen, ad esempio Target Unaids for HIV: 95-95-95, cioè il 95% delle persone che vivono con l’HIV dovrebbe essere diagnosticato, il 95% di loro dovrebbe essere trattato con farmaci per l’HIV e il 95% di loro dovrebbe avere un livello di virus non misurabile, e quindi l’HIV è esente da infezione. Copenhagen sta ora investendo generosamente nel test dell’HIV.

La Svezia è uno dei peggiori paesi in Europa per l’individuazione precoce dell’HIV. (1) Oggi raggiungiamo a malapena i primi 90 traguardi; Diagnosticato nel 90% delle persone infette da HIV. (2)

Porzioni significative delle cure per l’HIV vengono ora reindirizzate in modo che tutti i terreni per le cure non HIV siano ora reindirizzati alle cure primarie, il che significa che i pazienti con HIV devono rivolgersi a un centro sanitario o a un medico di famiglia quando si ammalano – qualcosa che diffonde l’ansia tra le persone che vivono con l’HIV.

READ  La dieta dell'età della pietra riduce i lipidi nel sangue nei pazienti diabetici

Questa preoccupazione si è dimostrata giustificata e un sondaggio (3) condotto dall’organizzazione di pazienti Posithiva Gruppen durante l’inverno 2020/2021 mostra che per quanto riguarda la divisione delle responsabilità tra cure per l’HIV e cure primarie, fino a che punto le descrizioni delle aree di le responsabilità e le procedure attuali sono coerenti con l’esperienza dei pazienti.

L’indagine mostra che l’assistenza alle persone che vivono con l’HIV ha un aspetto diverso nelle regioni della Svezia, creando condizioni diseguali per l’accesso a cure di qualità. Inoltre, il 70% delle oltre 100 persone che vivono con l’HIV che hanno partecipato al sondaggio del gruppo Posithiva ha risposto che la conoscenza dell’HIV nelle cure primarie è bassa e il 45% ha dichiarato che il trattamento nelle cure primarie è scarso.

L’ignoranza dell’atteggiamento del personale delle cure primarie e dell’assistenza nei confronti delle persone che vivono con l’HIV può portare a cure di scarsa qualità e persino alla pura discriminazione, tutte cose che contribuiscono allo stigma. Il personale è in grado di valutare se un paziente con i sintomi dell’HIV è correlato alla sua infezione o trattamento dell’HIV? Con sempre più medici coinvolti nelle cure primarie, c’è il rischio che le persone che vivono con l’HIV debbano diventare esperti medici per assicurarsi che ricevano cure adeguate.

Le nostre raccomandazioni su come la Svezia dovrebbe raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030 sull’HIV:

• Abbiamo bisogno di eseguire frequentemente il test per l’HIV, anche tra nuovi gruppi, per trovare persone che non conoscono il loro stato di HIV e quindi non sono sottoposte a trattamento. Un suggerimento è quello di includere il test dell’HIV nel tuo regolare controllo sanitario.

READ  Posso prendere in prestito il tuo grembo? |

• Le grandi città svedesi dovrebbero aderire alla Fast Track Cities Initiative, che mira a raggiungere una visione di zero nuovi casi di HIV entro il 2030.

• Abbiamo bisogno di iniziative di educazione all’HIV nelle cure primarie per fornire ai pazienti un’assistenza coerente e basata sulla conoscenza. Questo aumento della conoscenza è necessario anche per affrontare le sfide specifiche e le esigenze di assistenza che colpiscono la coorte di anziani che vivono con l’HIV.

Al governo, con il ministro degli affari sociali Lena Hallingren al timone delle questioni sanitarie, inviamo un appello affinché abbiamo bisogno di un piano d’azione nazionale per l’HIV che governi gli sforzi delle regioni per evitare differenze regionali e cure inique per l’HIV.

Pietro Menhal, capo esperto di questioni relative all’HIV e politica, Posithiva Gruppen

Commenti:

Lavori nel settore sanitario e vuoi commentare un copione basato sul tuo ruolo professionale?

clic Qui!

I commenti vengono pubblicati dopo la revisione.