TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

"Se c'è una cosa che Roy Anderson odia, è l'avarizia."

“Se c’è una cosa che Roy Anderson odia, è l’avarizia.”

– Abbiamo parlato molto di Roy Anderson e dei suoi film. “Dovresti scrivere a riguardo”, disse Bodell, “contatta Abby Bonnier!” Era una persona acuta e pungente, Bodel, quindi ho pensato che se avessi pensato che valesse la pena scriverne, avrei potuto andare avanti e continuare a scrivere.

Blomqvist, giornalista freelance e laborioso impiegato di DN, aveva incontrato Anderson per diversi anni. Le conversazioni hanno portato al libro Canzoni da Volkhmet. Blomqvist inizialmente era scettico riguardo al titolo del libro. Libro da tavolino Di solito intende un libro che dovrebbe essere ben disposto su un tavolo e mai letto, dice. Suggerisci un bibliotecario Capolavoro. E ci sono sicuramente prove della scelta delle parole: oltre alla biografia di Anderson, ci sono più di 220 foto del regista, dello studio, del film, del materiale per la stampa e altre cose bizzarre nel libro progettato da Nina. Ulmaja.

– Il formato è molto importante, fin dall’inizio l’ho visto come un libro in cui le immagini giocano un ruolo importante. Non credo che ci sia mai stato un libro come questo su un regista svedese prima d’ora. La casa editrice tedesca Taschen ha invece prodotto due libri molto belli sui registi internazionali, uno dei quali su Ingmar Bergmann.

Blomqvist dice che voleva capire come vengono realizzati i film; Cosa funziona e quali sono le idee alla base.

Qualcosa che ho scoperto sul lavoro è l’ispirazione storia d’amore Veniva da un disegno che Roy aveva visto su un giornale. La produttrice di Roy, Callie Bowman, aveva ancora una copia esatta della rivista, così ho potuto vedere quale numero di Ladies’ World fosse. E ho trovato questo numero su Tradera!

READ  Industrivärden aumenta i suoi profitti | Il mondo del business

La biografia copre l’intera vita di Roy Andersson, dalla sua educazione a Göteborg, agli anni da studente a Lund e allo studio privato di Roy a Östermalm. capitolo primo – Roy ha lasciato l’edificio – Gossip sulla situazione di oggi. Roy Andersson è tornato a Lund dopo 40 anni a Stoccolma. Ha vissuto gran parte della sua vita nella capitale, e qui sfonda la sua vita di regista. Roy Anderson ha solo 27 anni quando storia d’amore È stato presentato in anteprima e ha appena lasciato la scuola di cinema appena avviata. Per essere accettato nella formazione, devi superare una serie di test psicologici che determineranno se hai davvero l’anima di un artista.

– Penso che questa domanda sia interessante. Perché Roy Anderson sta girando un film e non io? Devi avere un certo grado di autoindulgenza per essere un artista. Penso che molti artisti abbiano la capacità di fermarsi a un’idea e mantenerla.

Blomkvist dà molto spazio alla scuola di cinema nel libro. Era nobile, intraprendente e innovativa. C’era Harry Shine, amministratore delegato dello Swedish Film Institute. Ma Roy Anderson non era d’accordo con lui. I giovani studenti erano politicamente molto più radicali del socialdemocratico Schein, che Anderson considerava il più aggressivo e dirompente di quello che chiamava il “movimento rinascimentale”.

Shane potrebbe essere stato arrogante da morire, anche se era molto intelligente, dice Martin Blomqvist.

Dopo due mesi di lezione, sono iniziate le liti tra Shane e Anderson. A Stoccolma è stato organizzato un festival del cinema francese ed è stato proiettato Live to live. Un gruppo di studenti di cinema, tra cui Roy Anderson, ha pensato che il film banalizzasse la guerra del Vietnam e ha posato fuori dall’Opera Calarine, dove il conduttore Sheen si è preso cura del regista del film, Claude Lelouch. Tra gli slogan cantati c’era la parola “fascismo”, che era piuttosto forte in quanto Schein e Loesch furono costretti a fuggire rispettivamente dall’Austria e dall’Italia a causa delle dittature fasciste.

READ  I risparmiatori di denaro tornano in borsa, ma fuggono dai fondi svedesi