TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SD sul futuro del servizio pubblico: 'Non esistono programmi di incontri per preti'

SD sul futuro del servizio pubblico: ‘Non esistono programmi di incontri per preti’

in svt bussola elettorale Le parti del Riksdag possono prendere posizione sulla frase “il servizio pubblico dovrebbe avere una missione più ristretta”.

La “proposta molto buona” crede SD, che vuole che il servizio pubblico si concentri sull’informazione e sulle notizie sociali, piuttosto che sull’intrattenimento.

– Ci sono alcuni programmi che potresti non produrre da solo. Sto pensando a programmi di appuntamenti per preti e programmi dimagranti per cani da affidare a rappresentanti commerciali, dice Beau Broman, portavoce della politica culturale del partito.

SD vuole anche condurre un’indagine per indagare se SVT, SR e UR possono essere combinati in una società di joint venture, che ritengono possa far risparmiare denaro.

– In questo modo due redazioni diventerebbero una, tre organizzazioni di dipendenti e tre amministratori delegati diventerebbero una sola. È un modo per renderlo un po’ più stretto.

A: “Dovrebbe essere larghezza e bordo”

I socialdemocratici ritengono che restringere la missione del servizio pubblico sia “una pessima proposta”.

Dovrebbe essere largo e nitido. Ciò significa di tutto, dal giornalismo e documentari socialmente significativi ai film e all’intrattenimento. In definitiva, è una questione di uguaglianza: non tutti possono permettersi di pagare mensilmente diversi servizi di streaming, afferma il ministro della Cultura Janet Gustavsdotter (S).

S non vede che la società beneficerà della combinazione di SVT, SR e UR.

– Janet Gustavsdotter afferma che non dovrebbe mai essere una questione di finanziamento di tagli fiscali o grandi risparmi nelle operazioni del programma.

Propone la protezione costituzionale

I socialdemocratici (così come V, MP, C e L) vogliono che l’indipendenza delle aziende di servizi pubblici sia tutelata costituzionalmente. Questo problema è diventato un punto focale negli ultimi anni dopo che i media statali in Polonia, Ungheria e Russia, tra gli altri, hanno agito come organi di propaganda per i governi dei paesi.

READ  Aggiornamento dal comitato di selezione dell'AIK FF

– Janet Gustavsdotter (S) afferma che è molto importante assicurarsi che i politici non interferiscano con il contenuto.

Ma nessuna delle due difese crede che la protezione costituzionale sia la strada giusta da percorrere. La comunità dei media sta cambiando rapidamente e il pericolo è che il servizio pubblico sia intrappolato in un paradigma inefficace, ritiene Bo Broman (SD).

– Dovremmo davvero tutelare costituzionalmente il servizio pubblico che abbiamo oggi quando non abbiamo idea di come sarà la società tra vent’anni?