TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Schizofrenia per giocare una partita di calcio quando Stati Uniti e Iran si incontrano

Partita di odio, partita di prestigio, partita gigante. Gli Stati Uniti e l’Iran non sono i migliori amici nell’arena geopolitica. Il discorso negli ultimi decenni tra i paesi è stato che l’Iran ha definito gli Stati Uniti il ​​Grande Satana, mentre gli Stati Uniti hanno affermato che l’Iran è uno stato terrorista. In queste circostanze, è difficile tenere discussioni a qualsiasi livello diplomatico.

Quando le squadre nazionali degli Stati Uniti e dell’Iran si sono incontrate in una partita decisiva nella fase a gironi dell’attuale Coppa del Mondo, le accuse erano ancora in piedi. La partita in sé è stata abbastanza corretta ea volte Antonio Mateo Lahoz ha fatto un ottimo lavoro questa volta come arbitro. E per essere onesti, gli Stati Uniti hanno vinto e sono saliti all’ottavo posto contro l’Olanda.

I giocatori iraniani tornano a casa con l’incertezza di quello che accadrà e si stanno mordendo la testa.

Quando i giocatori non hanno cantato l’inno nazionale prima della partita di apertura contro l’Inghilterra, il governo iraniano ha reagito come al solito. Con la minaccia di violenze e torture contro i familiari in madrepatria. Una patria scossa dalle manifestazioni degli ultimi mesi dopo la morte della 22enne Mohsa Zeina Amini.

Tifosi iraniani durante i Mondiali del Qatar.

Amini, una donna curda del nord-ovest dell’Iran, è stata arrestata dalla polizia morale a Teheran il 13 settembre per presunto non indossare correttamente il velo. È stata poi portata in ospedale per quello che la polizia ha descritto come un attacco di cuore. Tuttavia, la maggior parte di loro è convinta che l’eccessiva violenza della polizia abbia causato la morte della giovane donna. È morta il 16 settembre e dopo il suo funerale nel Paese sono scoppiate proteste e manifestazioni su larga scala. In molti luoghi le manifestazioni sono state violentemente represse dalle forze di sicurezza.

READ  Sostieni Frida Carlson in allenamento - bottone sul braccio

Centinaia sono stati uccisi e migliaia arrestati durante le manifestazioni.

I giocatori iraniani stanno tornando in un paese più polarizzato del solito. Ha anche attirato i fan iraniani sugli spalti a Doha. Alcune hanno preso una posizione esplicita contro il sistema, chiedendo maggiori diritti per le donne nel paese, mostrando coraggio e mettendo se stesse e le loro famiglie in pericolo mortale nello stesso atto. Alcuni hanno preso una posizione attiva sul sistema esistente.

Uno stato totalitario guidato dal potente leader spirituale Ayatollah Ali Kemini ha dimostrato ancora una volta in questi mesi che la vita umana non pesa sulla bilancia perché il regime vuole mostrare i suoi muscoli sporgenti e brutali.

Poiché il convoglio si trovava nel sito in Qatar, nessuno sa esattamente quanti fossero gli agenti dell’intelligence iraniana. Erano lì per sorvegliare i loro compatrioti. tifosi e giocatori. Ai giocatori non era permesso mescolarsi con nessuno al di fuori della rosa della nazionale. Regole e legislazioni non necessarie riportano idee nell’Unione Sovietica e nel blocco orientale durante i periodi più freddi della Guerra Fredda.

Prima della partita contro gli Stati Uniti, il regime, secondo informazioni della Cnn, aveva trasportato da Teheran migliaia di tifosi affezionati per assicurarsi che la “destra” fosse la maggioranza sugli spalti.

Le condizioni perché la nazionale iraniana portasse a termine un torneo di successo erano quasi inesistenti. Cercare di puntare su un pallone più o meno tondo in finta pelle pur non sapendo cosa sta succedendo in casa dovrebbe rosicchiare midollo, ossa e anima, non può essere troppo facile. L’Iran aveva una buona toilette e dovrebbero essere accolti come eroi quando tornano a casa. Invece, rischiano l’interrogatorio e la reclusione.

READ  La Finnish Hockey Association sta facendo tutto il possibile per assicurarsi le stelle