TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scarso interesse per la terza dose del vaccino Covid-19

L’88% di tutti gli svedesi adulti ha assunto almeno una dose del vaccino COVID-19 e la cifra corrispondente per coloro che hanno assunto la terza dose è del 64%.

Il desiderio di assumere la dose di ricarica sembra essere particolarmente basso nelle aree urbane – è anche in basso quando si tratta del numero di persone che hanno assunto le prime siringhe.

Joachim Dillner è professore di epidemiologia delle malattie infettive al Karolinska Institutet. Vede un rischio nel fatto che molte persone sembrano sottovalutare le varianti del coronavirus che ora dominano la società – e quindi ignorano la terza dose.

Varianti di virus come La prevalenza è ora molto più mite rispetto all’anno scorso, ma questo perché abbiamo un’elevata copertura vaccinale. Se la protezione diminuisce, aggiunge, l’infezione tornerà a essere più pericolosa.

Il tasso di mortalità per COVID-19 è ora basso sia in Europa che in Svezia e, poiché molte delle persone infette sono state infettate lo scorso inverno, c’è un’immunità nella popolazione, che, tuttavia, potrebbe diminuire se non si assume la dose di ricarica.

Un’infezione naturale di solito fornisce una protezione altrettanto buona di una dose di vaccino, ma a causa di un cambiamento nelle varianti del virus, la protezione potrebbe essere peggiore. Dice che prendere una dose di ricarica in 3-6 mesi è un periodo di tempo ragionevole.

L’Agenzia svedese per la sanità pubblica sottolinea inoltre l’importanza della vaccinazione continua nel piano di emergenza per la diffusione del COVID-19 nel 2022.

Questo fine settimana è finito La regione di Stoccolma è lo sforzo per trovare un vaccino contro il COVID-19 nelle aree in cui pochi hanno preso le loro dosi. Attraverso campagne e rinnovate cliniche di vaccinazione, il distretto si è trasferito, tra gli altri, a Järva, Botkyrka e Södertälje.

READ  Gli anticorpi IgA sembrano proteggere le persone non vaccinate contro COVID-19
Il coordinatore della vaccinazione nella regione di Stoccolma, Magnus Thyberg, afferma che la vaccinazione con la terza dose è più lunga rispetto alla prima e alla seconda dose.

Il coordinatore della vaccinazione nella regione di Stoccolma, Magnus Thyberg, afferma che la vaccinazione con la terza dose è più lunga rispetto alla prima e alla seconda dose.

Foto: Carl-Olof Zimmerman / TT

Nonostante gli sforzi mirati, le differenze sono significative tra i comuni ei distretti dell’area metropolitana. A Rinkeby-Kista e Skärholmen, oltre il 30 per cento di tutti gli adulti non è ancora completamente immunizzato contro il Covid-19, rispetto ai comuni di Stoccolma, che hanno raggiunto i livelli più alti, e Vaxholm e Tapie dove circa il 90 per cento è stato vaccinato . Per quanto riguarda la terza dose di ricarica, le differenze sono ancora maggiori.

– sembra Come se questo giro di vaccinazioni avesse richiesto più tempo dei precedenti, non avete fretta. Abbiamo appreso che ci sono aree nella regione che sono in ritardo e dove ci vuole più tempo prima che le raccomandazioni vengano seguite, afferma Magnus Thyberg, coordinatore della vaccinazione per la regione di Stoccolma.

Botkyrka è il comune in Svezia con la percentuale più bassa di vaccinati con tre siringhe, solo il 43% ha assunto la dose di ricarica e in diverse parti di Stoccolma la copertura vaccinale della terza dose è inferiore al 50%. Come Joakim Dillner, Magnus Thyberg vede il pericolo di sottovalutare il virus.

Potresti non essere così ansioso come una volta, ma è importante ricordare che è la copertura vaccinale che protegge le cure dal sovraccarico, dice.

A Västra Götaland, circa il 60% della popolazione adulta ha assunto tre dosi di vaccino e il numero era molto più basso tra i gruppi di età più giovani. Tuttavia, la coordinatrice distrettuale della vaccinazione Kristen Reggie spera di continuare a vaccinare più persone.

– Abbiamo una buona copertura tra i più anziani e questa è la cosa più importante. Le ultime settimane hanno visto un enorme aumento del numero di giovani che hanno assunto le dosi 1, 2 e 3. Questo dimostra quanto sia importante continuare a fare del nostro meglio per raggiungere quante più persone possibile.

Leggi di più:

Il nuovo piano di FHM – quindi le restrizioni potrebbero diventare di nuovo rilevanti