TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Record cheater bandito a vita: “Rilevato numero più alto”

Dal primo decennio del ventunesimo secolo, il mondo del tennis ha dovuto affrontare notevoli problemi con le partite truccate e ha investito risorse significative nell’espansione degli sforzi anticorruzione.

Il lavoro è stato svolto per la prima volta attraverso la Tennis Integrity Unit (TIU), che dal 2020 prende il nome di International Tennis Integrity Agency (ITIA), che oltre alle partite truccate si occupa anche di doping.

Soprattutto, le partite truccate si verificano a un livello inferiore rispetto all’ATP Tour, dove lo schema comune è che ai giocatori semi-professionisti vengono offerti soldi o ricattati per aver perso determinate partite, set o partite.

Sebastian Rivera bandito a vita

57 giocatori sono nell’elenco ITIA dei giocatori squalificati a vita per doping o reati di partite truccate. Ora si aggiunge un altro nome: il cileno Sebastian Rivera. Il 36enne era al suo meglio al numero 705 del mondo, ma ha lavorato come allenatore dopo la sua carriera calcistica.

Ora è stato condannato dall’ITIA per 64 capi di imputazione per partite truccate ed è stato bandito dall’allenamento, dal gioco o dalla partecipazione a competizioni di tennis. Inoltre, è costretto a pagare una multa di 250mila sterline, pari a 3,1 milioni di corone. La notizia ha fatto eco nel mondo del tennis mentre ha battuto i record.

“ITIA può confermare che Sebastian Rivera, allenatore del Cile ed ex giocatore, è stato bandito a vita dallo sport dopo 64 casi di partite truccate, il numero più alto mai scoperto dall’ITIA o dall’ex Tennis Integrity Unit”, ha scritto l’ITIA su Signed . sito web.