TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Recensione: “Pinocchio” di Guillermo del Toro è incredibilmente buono.

Solo nell’ultimo anno sono usciti due nuovi film basati sulla classica storia ottocentesca di Carlo Collodi, che sogna di diventare un ragazzo vero. Prima è arrivato l’animazione in 3D “Pinocchio: una storia vera” e poi il disastro della Disney con Tom Hanks nei panni del falegname Geppetto. Tre anni fa, anche l’italiano Matteo Caron ha presentato la sua versione distorta della stessa storia. Ma cosa vogliono spiegare tutti adesso questa favola?

Come sai, la storia originale aveva lo scopo di far smettere ai bambini di mentire. In tempi anti-fatti, quel tipo di candore ritorna naturalmente ancora e ancora. Tuttavia, i remake degli ultimi anni si sono distinti dalle loro imitazioni affrontando il messaggio un po’ datato del libro sull’obbedienza infantile.

È per questo È molto rinfrescante che il messicano Guillermo del Toro abbia scelto di ritrarre così fortemente la passione sfrenata di Pinocchio e la prova dei limiti. In alcune circostanze, la vita può essere un aspetto che cambia. Il regista dietro a successi come “La forma dell’acqua” ambienta la sua storia in un’Italia dilaniata dalla guerra dove il fascismo è in ascesa. La disciplina e l’educazione non sono più richieste solo ai ragazzini. Un’intera nazione sta per diventare un burattino.

Entriamo in azione proprio mentre il figlio del vecchio Geppetto muore in un bombardamento aereo. Scolpisce una bambola di legno dal rigoglioso pino che cresce sulla tomba del ragazzo. La storia inizia in una profonda tristezza che le versioni precedenti sfiorano appena, creando un forte legame con i personaggi e il tema ricorrente del libero arbitrio conferisce al film una dimensione filosofica.

I film in stop-motion fatti a mano saranno presto un ricordo del passato. Per ogni secondo di film sono necessari ventiquattro movimenti, per un totale di due secondi di film registrato al giorno. Ma il fatto che il risultato sia così bello dovrebbe comunque essere un forte argomento per la conservazione di questo mestiere morente, giusto?

Animatore Mark Gustafson, che in precedenza ha creato “The Fantastic Fox” (2009) di Wes Anderson, è riuscito a dare così tanta vita ai suoi burattini che, secondo quanto riferito, è stato nominato all’Oscar come miglior regista. Non c’è molto di cui lamentarsi davvero. Lo scenario è accattivante ei personaggi sono espressivi nonostante i loro evidenti limiti. Quello che ti manca è l’utile scena di Pleasure Island, in cui ai bambini vengono date orecchie d’asino, inclusa nella prima versione Disney di “Pinocchio” (1940).

Tuttavia, Guillermo del Toro ha trovato il perfetto equilibrio tra film per adulti e film per bambini. Mescola favole e realtà brutale come “Il labirinto del fauno” (2006) ed è affascinante e luminoso allo stesso tempo. Combina numeri gotici oscuri e allegri come il classico natalizio “Nightmare Before Christmas” (1993).

Il messaggio di disobbedienza può essere esagerato per i bambini che stanno appena iniziando a esplorare il mondo, ma la storia umana di Pinocchio, la marionetta dallo spirito libero, toccherà sicuramente tutti e non permetterà a nessuno di tirare i fili. .

Vedi altro. Altri tre remake di classici dei libri per bambini: “Nella terra dei selvaggi” (2009), “Coralina” (2009), “Matilde il musical di Roald Dahl” (2022)

Secondo Altre recensioni di film e TV su DN Più testi Wanda Bendjellul

READ  "La corruzione svedese fa bene a confronto con il nord Italia"