Il campionamento su larga scala di covid-19 ha avuto l’effetto che più campioni sono stati analizzati anche per RS, influenza e calicivirus durante la stagione 2021/2022. Molti più casi di RS e calicivirus sono stati segnalati all’Autorità sanitaria pubblica rispetto alle stagioni precedenti. Questo non è da meno rispetto alla stagione invernale 2020/2021 quando il numero di casi segnalati era insolitamente basso, secondo le ultime raccolte dell’agenzia.

Il campionamento su larga scala ha portato alla conferma e alla segnalazione di più casi al di fuori dell’assistenza sanitaria in questa stagione per tutti questi virus. Ma ciò che distingue anche questa stagione dagli anni precedenti è che il modello e la tempistica della diffusione dell’infezione sembrano essere diversi, afferma Anasara Karnahan, ricercatrice ed epidemiologa dell’Agenzia di sanità pubblica.

La pandemia ha continuato a influenzare la diffusione dei comuni virus stagionali. Tra le altre cose, ciò significava un’epidemia insolitamente grave e precoce di RS che ha infettato molti bambini piccoli nell’autunno del 2021. Anche la diffusione dell’influenza e del mal d’inverno ha mostrato schemi insoliti con due picchi di diffusione dell’infezione.

È probabile che la ridotta prevalenza di RS, virus calici e influenza durante la scorsa stagione invernale 2020/2021 abbia aumentato la suscettibilità della popolazione, il che potrebbe aver contribuito a una diffusione periodica più intensa dell’infezione nel 2021/2022, afferma Annasara Karnahan.

Virus RS

La stagione del virus RS è iniziata già all’inizio di settembre 2021 e poi ha portato a una grave epidemia tra i bambini di età inferiore ai cinque anni. In totale, sono stati segnalati circa 6.800 casi di RS verificati in laboratorio tra i bambini di età compresa tra 0 e 4 anni, con un aumento dell’89% rispetto all’ultima stagione intensiva nel 2018/2019. Un totale di 244 pazienti nell’unità di terapia intensiva sono stati trattati con RSV ed è stato osservato un aumento del carico sul sistema sanitario durante le settimane di punta. L’intensa stagione è probabilmente dovuta in gran parte al fatto che molti gruppi di bambini piccoli non erano stati precedentemente infettati, poiché la RS non si è diffusa nella stessa misura durante il primo anno dell’epidemia. Così tanti bambini piccoli avevano un’elevata suscettibilità alle infezioni, che ha anche contribuito all’inizio dell’epidemia prima del solito. Epidemie simili sono state osservate anche con il virus RS in altri paesi.

READ  Alcuni neuroni sono associati allo stress a lungo termine.

calcivirus

La stagione del calicivirus (malattia del vomito invernale) non si è verificata nel 2020/2021, ma la stagione 2021/2022 è stata più intensa con un gran numero di casi campionati e segnalati all’Autorità sanitaria. Inoltre, per la prima volta in assoluto, sono stati registrati due picchi nella stessa stagione. In passato, il picco era la norma. In totale, sono stati segnalati quasi 6.000 casi di virus del callo, con un aumento del 61% rispetto alla media delle ultime tre stagioni prima della pandemia. Il fatto che la stagione precedente non si sia verificata potrebbe aver contribuito a una maggiore esposizione della popolazione alle infezioni e ha portato a una stagione più grave.

influenza

La stagione influenzale 2021/2022 è stata insolita con due ondate con un periodo medio di bassa attività. La prevalenza dell’infezione è considerata inferiore al normale con differenze regionali significative. La valutazione generale è che la prima ondata della stagione nel dicembre 2021 è stata di intensità moderata, mentre la seconda ondata nella primavera del 2022 è stata meno intensa. Durante la stagione sono stati segnalati poco più di 13.000 casi, quasi tutti considerati influenza A (H3). Durante la stagione sono stati segnalati a livello nazionale 110 pazienti in terapia intensiva con influenza, una cifra inferiore alla media di 311 pazienti nelle stagioni 2016/2017-2019/2020.

La compilazione della copertura vaccinale dell’Autorità sanitaria pubblica mostra che quasi il 70% delle persone di età pari o superiore a 65 anni in Svezia è stato vaccinato contro l’influenza stagionale durante la stagione 2021/22, che è cinque punti percentuali in più rispetto alla stagione precedente.

READ  Omicron dominante in cambio

Leggi di più

Categoria: notizie