TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Meno morti nell’ospedale di Linköping nonostante l’epidemia

La regione di Östergötland ha condotto la revisione come parte del suo lavoro sulla sicurezza dei pazienti. Il numero di decessi presso l’ospedale universitario di Linköping, nonché le lesioni violente evitabili con esito fatale, sono stati confrontati con la visita medica per l’anno 2020 e gli anni precedenti.

– Nel 2020, abbiamo avuto un carico molto elevato di cure ospedaliere con molti pazienti critici con COVID-19. Si temeva che ciò avrebbe influito sulla sicurezza del paziente e avrebbe portato a un aumento del tasso di mortalità e di un aumento degli infortuni sanitari, quindi volevamo verificare se fosse così, afferma Stefan Franzen, direttore medico per la regione di Östergötland, in comunicato stampa.

La revisione mostra che 574 persone sono morte in ospedale nel 2020, rispetto alle 626 del 2019. Era anche al di sotto della media del 2015-2019, che era di 620 decessi all’anno. La revisione della rivista mostra anche che la percentuale predominante di decessi è considerata inevitabile. Nel 2020, la quota era del 92,4 percento e nell’anno precedente era del 93,9 percento.

Stefan Franzen, direttore medico della regione Östergötland. Foto: Östergötland .regione

– Il risultato è stato un po’ sorprendente data la crisi che abbiamo dovuto affrontare. Nonostante ciò, siamo riusciti a mantenere una buona qualità delle cure in ospedale e questa è una cosa molto positiva. Stefan Franzen afferma che la ragione principale del nostro successo è che i nostri dipendenti hanno svolto un ottimo lavoro in questo momento difficile.

Secondo il rapporto, è difficile determinare perché il numero di decessi negli ospedali universitari sia diminuito nel 2020. Non è chiaro se ciò possa essere dovuto al fatto che molti anziani con comorbilità non sono mai venuti in ospedale ma sono morti a casa. o in alloggi privati.

READ  Lo studio conferma: un buon vaccino protegge contro Delta

– È difficile fare un confronto perché non sappiamo se sarebbero stati curati in ospedale se non fosse stato per una pandemia. Tuttavia, non pensiamo che le morti siano state influenzate dal fatto che molti pazienti hanno avuto la loro cura rimandata perché sono pazienti con condizioni non pericolose per la vita, afferma Stefan Franzen.

Le comorbilità tra i deceduti ricoverati sembravano le stesse nel 2020 e nel 2019. La maggior parte aveva altre diagnosi, oltre a quelle che hanno causato i decessi. Le cause di morte più comuni erano legate a malattie cardiovascolari, cancro e ictus.

Dei 77 pazienti con covid-19 deceduti in ospedale, la malattia è stata la causa principale nel 45% dei casi. Nel 44% di coloro che sono morti con COVID-19, anche altre cause stavano contribuendo. La percentuale di persone infette da covid-19 che sono morte per altre cause è stata del 10%.

Il rapporto completo è disponibile su Sito web della regione Östergötland.

Lakartidningen.se