TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rabbia per la liberazione del boss mafioso dopo 25 anni: più di 100 persone uccise

Giovanni Brusca, detto anche “o verro”, che in siciliano significa “maiale” ha avuto una lunga e sanguinosa carriera prima del suo arresto nel 1996. Martedì 64 Brusca ha riconquistato la libertà dopo un quarto di secolo di carcere.

Il suo più grande progetto criminale Fu l’attentato al giudice Giovanni Falcone. Il 23 maggio 1992, il terreno fu improvvisamente lacerato quando una grande esplosione esplose sull’autostrada dall’aeroporto a Palermo in Sicilia. Falcone e sua moglie Francesca Morvilo non hanno avuto chance per 500 chilogrammi di trote. Nell’attentato sono morte anche tre delle guardie del corpo della coppia.

Giovanni Prosca era in piedi su un punto alto sopra l’autostrada quando ha attivato il grilletto tramite un telecomando.

immagine 1 da 2
Brusca è stato coinvolto nell’attentato che ha ucciso il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morfilo e tre guardie del corpo fuori Palermo nel maggio 1992.

Foto: sconosciuto

immagine 2 da 2
Le leggendarie inchieste dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino hanno portato a un grande successo nella lotta alla mafia siciliana. Entrambi sono stati uccisi in un attentato di Cosa Nostra.

Foto: LABRUZZO


Si è parlato molto anche dell’omicidio del 12enne Giuseppe Di Matteo, il cui corpo si è sciolto in un bagno di ossigeno nel 1993. Questa è stata anche l’idea di Giovanni Prosca. Il motivo di questa atrocità è stato quello di impedire al padre, ex mafioso, di rivolgersi alla polizia, cosa che altri membri della famiglia temevano. Pertanto, alla fine hanno scelto di uccidere il ragazzo.

durante la sua prigionia Giovanni Brusca ha dimostrato di essere pronto a raccontare tutto sul lavoro della mafia siciliana Cosa Nostra, che è in gran parte legato ai cartelli della droga. Franca Imbergamo è il gip responsabile della “trasformazione” di Giovanni Brusca.

READ  La vita del principe Phillips accanto alla regina - notizie (Echo)

– Quando ho iniziato, voleva prendermi per mano, ma ho tirato via la mia mano, dice su La Repubblica.

Da che parte è andata Brusca? le chiedo al telefono.

Brusca fornisce da molti anni un patrimonio di informazioni che si sono rivelate accurate e altamente credibili. Questo è il motivo del suo rilascio ora. Ha semplicemente cambiato la sua posizione ed è diventato un cittadino socialmente responsabile che indubbiamente ha fatto riferimento a dipendenti responsabili, dice.

– Oggi dobbiamo innanzitutto sottolineare il fatto che è uscito di prigione e ha scontato la sua pena, ha detto.

Maria Falcone (estrema sinistra), sorella del giudice ucciso Giovanni Falcone, a una manifestazione del 2005 per commemorare l'attentato.

Maria Falcone (estrema sinistra), sorella del giudice ucciso Giovanni Falcone, a una manifestazione del 2005 per commemorare l’attentato.

Foto: Alessandro Fucarini / AP

Dopo essere stato rilasciato Dal carcere all’inizio di questa settimana, la polemica è stata molto infuriata, soprattutto nelle famiglie che hanno dovuto pagare per la vita dei loro parenti.

Maria Falcone, la sorella del giudice assassinato Giovanni Falcone, ha dichiarato in un comunicato sulla pagina Facebook della Fondazione Giovanni Falcone di temere il rilascio di Brusca.

Anche se suo fratello voleva seguire il sistema giudiziario, e quindi anche rispettare il rilascio di Brocha, le famiglie dei morti devono convivere con “il dolore, la rabbia e la paura di una persona capace di estrema crudeltà che torna a una vita criminale”. scrivere nella dichiarazione.

Luciano Traina, che ha perso il fratello a causa della violenza mafiosa, ha dichiarato al quotidiano La Repubblica che “non perdonerà mai” Brusca.

Anche i politici italiani Rilascia il dito.

Dopo 25 anni di carcere, Giovanni Brusca è diventato un uomo libero. E Matteo Salvini, il leader della Lega, ha detto, secondo la Bbc, che questa non è la giustizia che gli italiani meritano.

Il giornalista televisivo Peter Gomez, spesso provocato, lancia nuove dichiarazioni nel dibattito.

– Voglio informare tutti che la guerra è ancora in corso. Abbiamo quattro regioni in Italia controllate da diverse organizzazioni mafiose. Soprattutto nel ricco nord Italia. La polizia arresta centinaia di persone ogni anno. Molti scioperi erano possibili grazie alle mance.

– Giovanni Brusca ha esposto innumerevoli persone collaborando con la polizia. Altrimenti rimarranno liberi e continueranno a sparare per le strade, dice Peter Gomez.