TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Qui lavorano i più importanti esperti di reumatologia della Svezia occidentale

Circa un quarto della popolazione svedese soffre di una qualche forma di malattia che colpisce le articolazioni oi muscoli. Alcuni di loro sono malattie articolari reumatiche, come l’artrite reumatoide.

Ma ci sono anche diagnosi più complesse, le cosiddette malattie del sistema infiammatorio che colpiscono diverse parti del corpo.

È comune in queste malattie sistemiche che il sistema immunitario si rivolga contro il proprio corpo. Quindi l’infiammazione ricorrente è un sintomo comune e, nei casi peggiori, gli organi interni sono colpiti.

I pazienti con tutti i tipi di malattie articolari e d’organo vengono dal reumatologo a Sahlgrenska.

Nella maggior parte dei casi, non sappiamo perché un individuo si sia ammalato. I geni svolgono un ruolo e anche fattori esterni come fumo, obesità, infezioni e disturbi nella normale flora del corpo possono causare questo fenomeno, afferma il direttore medico Eva Klingberg.

L’ufficiale medico capo Eva Klingberg si occupa di reumatologia da oltre 20 anni. Ritiene che siano necessari più esperti, soprattutto nelle città più piccole.

Foto: privato

Lei stava lavorando Con e ricerca in reumatologia presso l’ospedale universitario di Sahlgrenska da oltre 20 anni. Allo stesso modo il suo collega, il capo ufficiale medico Estelle Triesberg.

Dicono che le indagini e il contatto con i pazienti a lungo termine siano particolarmente utili. Molte malattie reumatiche sono croniche e richiedono un trattamento permanente.

– Abbiamo avuto pazienti che abbiamo seguito da quando abbiamo iniziato qui, dice Estelle Trysberg.

Da allora, sono stati sviluppati numerosi farmaci efficaci. Il trattamento per le malattie consiste spesso in corticosteroidi e farmaci immunosoppressori, come i farmaci biologici che vengono utilizzati per “calmare” il sistema immunitario. Durante la pandemia, lo stesso tipo di farmaco è stato somministrato ai pazienti Covid che hanno sviluppato un’iperinfiammazione causata dal sistema immunitario dell’organismo.

Quando abbiamo letto di medicina negli anni ’80, non c’era quasi nulla che si potesse fare per le malattie reumatiche. Eva Klingberg afferma che i pazienti con artrite reumatoide oggi hanno una prognosi migliore e molti possono condurre una vita completamente normale.

relazionato Le malattie reumatiche infiammatorie diventano più complesse. Soprattutto se l’infiammazione si è depositata sugli organi interni.

Sfortunatamente, abbiamo pazienti che hanno avuto trapianti di polmone, rene e cuore. Così come il trapianto di cellule staminali. Questi sono trattamenti potenti, afferma Estelle Triesberg.

Eva Klingberg completa:

La malattia reumatica sistemica, se non trattata, può essere fatale, come il cancro.

Foto: Thomas Olson

Ma anche qui c’è un rimedio efficace. Pertanto, è importante che la malattia venga rilevata in modo tempestivo e che il trattamento sia iniziato prima che gli organi diventino così compromessi da dover essere sostituiti. Tuttavia, poiché i sintomi sono spesso diffusi – febbre e dolore possono significare molte cose diverse – può essere difficile stabilire una diagnosi appropriata per un medico di medicina generale.

Il motivo più comune per il contatto in un centro sanitario è il dolore muscolare o articolare e la maggior parte delle persone che ne fanno richiesta non ha reumatismi. Lì, è importante per il centro sanitario selezionare coloro che già li hanno al largo di questo grande fiume per tutte le persone che incontrano, afferma Eva Klingberg.

Reumatologo a Sahlgrenska I pazienti provengono dall’intera regione di Västra Götaland e North Halland per indagini e cure. Ci sono cure ambulatoriali, cure ospedaliere e un’unità di ricerca.

– Siamo unici in Svezia in quanto la nostra clinica di reumatologia ha medici specializzati in reumatologia 24 ore su 24. Pertanto, possiamo prenderci cura dei pazienti critici nel nostro reparto, afferma Estelle Triesberg.

Uno dei pazienti di Sahlgrenska è Julia Sjoquist, 24 anni di Brålanda nel comune di Vänersborg, che DN ha incontrato. Le è stata recentemente diagnosticata una malattia estremamente rara del sistema infiammatorio, essendo stata registrata da un reumatologo da poco più di due mesi.

Due mesi dopo, Julia Sjoquest è stata finalmente in grado di riabbracciare sua madre.

Due mesi dopo, Julia Sjoquest è stata finalmente in grado di riabbracciare sua madre.

Foto: Thomas Olson

Affinché i pazienti possano ricevere cure da un medico anche nel loro luogo di residenza, Sahlgrenska sta anche formando potenziali reumatologi in diverse località della regione di Västra Götaland.

Non ci sono reumatologi in molti posti, specialmente quelli più piccoli. In alcune zone c’è una carenza significativa. Quindi abbiamo bisogno di più reumatologi, più infermieri con conoscenze di reumatologia e anche fisioterapisti e terapisti occupazionali con conoscenze specifiche sulla cura dei pazienti reumatologici, afferma Eva Klingberg.

Sebbene la ricerca Abbiamo fatto grandi progressi nei prodotti farmaceutici e nelle attrezzature tecniche dall’inizio del millennio e sono ancora poche le malattie reumatiche che possono essere curate. Quindi la sfida è trovare rapidamente il farmaco giusto.

Vorremmo poter adattare il trattamento fin dall’inizio. Ora spesso dobbiamo metterci alla prova. E poi la tua vita cambia, quando hai 85 anni, hai requisiti diversi quando ne hai 25, e poi dobbiamo adattare anche il trattamento di conseguenza, dice Eva Kleinberg.

Qui troverai altri testi della redazione DN di Göteborg

READ  La stimolazione cognitiva sul lavoro influisce sul rischio di demenza negli anziani