TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questo è quello che è successo quando i robot hanno preso il controllo del mio lavoro: lavoro

Questo è quello che è successo quando i robot hanno preso il controllo del mio lavoro: lavoro

ricognizione. So cosa si prova ad automatizzare il tuo lavoro prima ancora che tu abbia il tempo di iniziarlo.

All’inizio degli anni 2000, si è trasferita a Hultsfred per studiare distribuzione dei media digitali. Il nostro insegnante ha detto che la radiodiffusione era il futuro. l’insegnante ama Star Trek Inoltre, verrà congelato in una cella frigorifera dopo la sua morte. In altre parole, l’uomo del futuro. A chi ti opporresti?

Nessuno di noi ha detto cosa stava succedendo. Non volevamo sembrare stupidi. Invece, leggiamo libri spessi su come l’immagine e il suono possono essere compressi in modo che possano essere “trasmessi in streaming” su Internet.

Immagina l’equivalente quasi moderno di un operatore telefonico in bianco e nero che collega le chiamate cablate, appoggiandosi duramente a una tastiera bianca e sporca con un computer spesso e la piccola pizza di Billy.

Quasi subito dopo il mio tutorial, Youtube è stato lanciato. Un servizio che comprime e trasmette automaticamente i video. Quindi non sono entrato nel mercato del lavoro come distributore di media digitali fino a quando la mia carriera non è scomparsa.

Ci penso quando leggo un articolo su una scuola superiore sul quotidiano locale Nora Haaland. Ho letto “Urla del settore per studenti istruiti”. Che tipo di studenti studenti richiede l’industria? Coloro che possono “installare e gestire sistemi di produzione automatizzati”.

La storia si conclude con una rivoluzione operaia. Non perché abbiano perso il lavoro, ma perché hanno perso la testa. Quanti di noi non attribuiscono un significato al proprio lavoro? Chi siamo se non lavoriamo?

Jimmy Hackanson

Ovvero: una persona che installa sistemi che automatizzano il lavoro di un’altra persona.

READ  Linus Olmark sul famoso gesto di vittoria di Boston

Durante la pandemia, il processo di automazione è stato accelerato. Le restrizioni e il distanziamento sociale hanno fornito a produttori e appaltatori una scusa per eliminare tutte le sciocchezze dal lavoro.

La domanda è se continuerà in questo modo. E se fosse automaticamente una cosa negativa?

Se chiedi all’autore Aaron Boustany, sicuramente risponderà che questa è una buona notizia. Pulizia superiore. Gardener è un grande fan del movimento e delle idee Comunista di lusso completamente automatizzato. Immagina un’utopia socialista nel futuro in cui i robot non lo fanno catrame I nostri lavori sono Fare I nostri lavori sono nostri, quindi abbiamo tempo per altre cose.

Coinvolgimi!

Anche se è chiaro. Se invece chiedi ai magazzinieri di Amazon, la prospettiva potrebbe apparire diversa. Il piano dell’azienda prevedeva che tutto il lavoro di magazzino nei loro “centri di esecuzione” (sì, chiamano i loro magazzini a tale scopo) fosse gestito da robot durante questo decennio.

Ma si scopre che i robot possono fare solo parti del lavoro, non tutto. La fase di prelevare merci di dimensioni diverse dallo scaffale e confezionarle in scatole si è rivelata una sensazione difficile da automatizzare.

Invece di sostituirli, alle persone sono stati assegnati compiti meno e più monotoni.

Immagina l’equivalente quasi moderno di un operatore telefonico in bianco e nero che collega le chiamate cablate, appoggiandosi duramente a una tastiera bianca e sporca con un computer spesso e la piccola pizza di Billy.

Jimmy Hackanson

In un articolo nella lingua di cablato Ho letto che non è l’automazione di cui gli operai dovrebbero preoccuparsi. La Germania ha installato più robot nelle sue fabbriche rispetto agli Stati Uniti, ma negli Stati Uniti i lavoratori stanno perdendo il lavoro.

READ  6 fatti su Virgil Abloh - Lo stilista che...

L’economista David Autor spiega in un’intervista al New York Times che abbiamo tutto sulle zampe posteriori:

“La paura della tecnologia della maggior parte delle persone è davvero una paura del capitalismo e di cosa farà il mercato con la tecnologia”.

Penserò al primo romanzo di Kurt Vonnegut pianista.

Descrive un mondo futuristico in cui tutte le professioni lavorative sono state automatizzate. La classe operaia esausta ottiene un sussidio, ma non c’è dubbio che qui c’è un comunismo di lusso completamente automatizzato.

La storia si conclude con una rivoluzione operaia. Non perché abbiano perso il lavoro, ma perché hanno perso la testa. Quanti di noi non attribuiscono un significato al proprio lavoro? Chi siamo se non lavoriamo?

Oggi mi sono imbattuto in YouTube che ha assunto il mio lavoro. ne ho trovato un altro. Ma nonostante tutto l’entusiasmo per l’automazione, dubito che il comunismo assistenziale completamente automatizzato possa mai accadere. Tuttavia, il capitalismo completamente automatizzato è già entrato nell’ingresso.