TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quest'anno Junior ha osato parlare

Quest'anno Junior ha osato parlare

Stine Kristoffersen ha rischiato il lavoro e ha mostrato grande coraggio lanciando l’allarme sulla cattiva gestione delle infezioni da coronavirus nell’alloggio in cui lavorava durante la pandemia. Per questo i lettori di Signorin l'hanno votata Ragazza dell'anno.

Ulrica Palmkrantz

pubblicato 13-05-2024

Stine Kristoffersen aveva lavorato per molti anni presso la casa di cura Sabatsbergsbyn a Stoccolma quando scoppiò la pandemia. Adesso era nel sistema Atendo.
Quando nel febbraio 2020 è emerso il coronavirus, la situazione è diventata rapidamente molto seria. Le persone si sono ammalate, molte sono morte e non c’è stata alcuna preparazione o strategia da parte dell’amministrazione su come gestire tutto.
– Una settimana dopo ho informato i gestori della situazione. “Le persone si infettavano e morivano, e non avevamo dispositivi di protezione, e dovevamo andare dai sani e dai malati allo stesso tempo”, dice Stein.

Non avendo ricevuto una risposta immediata, ha sentito di dover fare qualcosa di più. Ha chiamato Expressen e ha testimoniato quanto fosse disastrosa la situazione nella residenza.
-Sapevo come mi sarei sentito dopo se non avessi fatto nulla. Era molto pericoloso e qui era in gioco la vita delle persone.
Aveva il sostegno dei suoi colleghi, ma molti di loro erano in una posizione in cui non osavano rischiare nulla.
– Molti sono nati all'estero ed erano felici di avere un lavoro e non volevano rischiare nulla. La vecchia banda di ferro, vicina all'età pensionabile, non osava rischiare di essere licenziata, perché a questa età non era facile trovare un nuovo lavoro.
Poco dopo che Expressen ha scritto di questo, Stine è stato convocato dai vertici. L'ha contattata anche un giornalista di Radio Sveriges che ha voluto sapere di più sull'accaduto. Il risultato finale sarà il documentario radiofonico The Unloyal Care Assistant (disponibile su SR Play).

READ  Nuovi record nel mercato immobiliare - DN.SE

Stein viene rimproverato, chiamato infedele e gli viene ricordato. Registra segretamente la conversazione e poi ti assicuri che ci sia un processo legale. Due manager sono stati condannati per aver violato la libertà di comunicazione. Idealmente, Stein avrebbe ritenuto responsabile l’intero gruppo di assistenza Attendo, non solo questi manager.
-Ma sono così felice di averlo fatto. È stata dura, ma ne è valsa decisamente la pena. Ho avuto anche molte ottime risposte da parte delle persone. In una grande cassettiera raccoglievo lettere e buoni regalo che le persone mi avevano inviato.
In precedenza ha anche ricevuto tutta una serie di premi per il suo coraggio, come il premio Fischio dell'anno, il premio per il coraggio civile dei sindacalisti e il premio Giraffa. La regista Ella Lemhagen sta anche realizzando un film biografico sul caso che, sebbene immaginario, è basato sulla storia di Stine.
– A volte dico quello che penso senza pensare. Ma in questo caso, sono felice di averlo fatto. Altrimenti avrei dovuto vivere il resto della mia vita sentendomi come se non avessi fatto del mio meglio.

Ulrica Palmkrantz

pubblicato 13-05-2024