TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quando Arnie si è svegliato, gli erano state amputate le dita dei piedi

Quando Arnie si è svegliato, gli erano state amputate le dita dei piedi

immagine:

Titolo:

Arne Persson Foto: Peter Cohen

Testo: Annika Lund, Scienze mediche n. 1, 2023 | Soggetto: sepsi

– Dopo alcuni giorni, non riuscivo ad alzarmi dal letto. Mia moglie ha chiamato il 112 che a malincuore ha inviato un’ambulanza. Poi ho avuto valori di pressione e respirazione buoni e solo febbre bassa. Ma al pronto soccorso sono stati prelevati una serie di campioni e il rapido calo è stato elevato, oltre 500 in CRP, dice.

Non ricorda altro oltre a questo. Arne Pearson è stato portato all’unità di terapia intensiva, sedato, messo su un ventilatore e ha ricevuto la dialisi. La diagnosi era shock settico. Fondamentalmente ogni organo e molti grandi muscoli sono stati colpiti e sono state eseguite molte operazioni per rimuovere il tessuto morto. Quando si è svegliato, le sue dita dei piedi erano state amputate e soffriva di un attacco di cuore. C’era una tracheotomia alla gola. Per un po’ rimase paralizzato su tutto il corpo dal collo in giù.

– Ci sono volute diverse settimane prima che capissi cosa stavi passando. Mi ha colpito la gola e ho dovuto esercitarmi a parlare e mangiare, dice Arne Pearson.

Ma dopo cinque settimane e mezzo è stato in grado di lasciare il reparto di terapia intensiva. Ha poi trascorso due settimane in una clinica per le infezioni e tre mesi in riabilitazione.

Quando ero al peggio, ai miei parenti è stato detto che probabilmente non sarei sopravvissuto. Sono ancora miracolosamente vivo, ha detto un dottore, perché il mio corpo era in ottima forma fin dall’inizio – ho fatto 38 gare e 30 maratone, dice.

READ  Migliorare la forma fisica riduce il rischio di cancro alla prostata

Arne Pearson non ha mai ricevuto una spiegazione su cosa abbia causato la sua putrefazione.

– Ci è voluto quasi un anno prima che riuscissi a camminare senza le dita dei piedi, ma ora ho trovato l’equilibrio. Posso camminare nei boschi con il cane e il mio cuore si sente a suo agio. Il mio obiettivo è tornare a fare cross country, dice.