TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Qualificazione per le Olimpiadi – non appena suo padre è morto



Björn Seeliger.  Foto d'archivio.


© Johan Jebson / D.T.
Björn Seeliger. Foto d’archivio.

È orgoglioso del suo posto olimpico e vuole godersi questo momento e sfidare i migliori.

Il dolore per la morte di suo padre è sempre presente.

Certo che mi dispiace, ma mio padre voleva che facessi lo stesso, dice il nuotatore e debuttante olimpico Jன்rn Sieler, 21 anni.

Per il talento del nuoto Bj Sern Seeliger è stata un’estate di tempeste emotive.

Tristezza e shock per la morte di padre Frank.

La gioia e l’orgoglio di ottenere all’ultimo minuto un biglietto olimpico per i 50 metri stile libero.

Sodertalje, un nuotatore che gareggiava allo Stockholm Racing Club, ha avuto la sua ultima possibilità una settimana dopo la morte del padre.

– È come un film, dice quando ricorda di essere tornato a Roma nel weekend di mezza estate.

Nove nel mondo

Ha lasciato la capitale italiana, dove la squadra nazionale era in ritiro, quando è arrivata la campana a morto. Il padre di Celiger aveva il cancro, ma lavorava e si sentiva meglio quando tutto prendeva una brutta piega durante la notte.

Tornava ancora a Roma per il torneo, perdendo l’ultima occasione, ma sognava 21.71 run nei 50m in una gara sui 100m stile libero. Nel nuoto, ti è permesso segnare una breve distanza di tempo fino a quando non hai completato l’intera gara.

Il risultato è stato un record personale del 35 percento e un decimo in meno rispetto al limite di qualificazione olimpica svedese.

E quest’anno è il nono tempo più veloce al mondo.

– Quando sono tornato a casa ho riflettuto, ho scritto molto ed è stato così bello per me. Ho scritto le pagine 12-13 per tirarmi fuori tutto, quindi dice che me lo ricordo.

“Scopo zero”

I pensieri fluttuano ancora tra tristezza e felicità, dice.

– È stata dura, ma ho ricevuto molto supporto da casa. Non è che vogliono che io sia a casa in questo momento, sanno che voglio farlo anche io, e sanno che vogliono che anche papà lo faccia.

– Voglio andare alle Olimpiadi e godermelo. Sono così orgoglioso di te per essere venuto qui e per aver voluto godermelo. Quando torno a casa sono libero e posso respirare molto di più. Certo che mi dispiace, ma non ha senso restare a letto a casa, dice.

Siliger, che ha trascorso il suo primo anno di college negli Stati Uniti presso l’Università della California a San Francisco, è uno dei cinque debuttanti olimpici nella squadra di nuoto e ama Tokyo più che imparare a guardare.

– Ho fatto un mega passo, è stato bello, voglio dimostrare che posso esserci. Voglio venire alle Olimpiadi perché mi merito quel posto, non solo per sentire l’acqua e tornare a casa. Quelli davanti a me dovranno lottare per battermi. Voglio prendere le cose nelle mie mani e fare quello che posso, dice.

READ  L'opera inesistente è stata venduta per 150.000