TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Presentatore: Muoviti e aiuta la Palestina adesso!

Il mondo intero, compreso il Segretario Generale delle Nazioni Unite, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’UNICEF, Amnesty International e Medici Senza Frontiere, solo per citarne alcuni, condannano la violenza indiscriminata di Israele contro il popolo palestinese.

L’eccezione qui sono gli Stati Uniti, che stanno sempre dalla parte di Israele, non importa quanto cattivo sia il suo comportamento, e che hanno posto il veto al voto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su un cessate il fuoco immediato a Gaza. Tutti gli altri paesi hanno votato a favore della risoluzione, tranne la Gran Bretagna che si è astenuta. Quando il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez e il primo ministro belga Alexander De Croo hanno visitato il valico di frontiera di Rava, hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

Ha aggiunto: “L’uccisione indiscriminata di civili innocenti nei territori palestinesi è assolutamente inaccettabile e chiediamo un cessate il fuoco permanente”.

In risposta, il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha convocato gli ambasciatori dei paesi per rimproverarlo duramente. Che terribile arroganza da parte dei leader israeliani. Ma perché questa calma da parte dei nostri politici svedesi?

Neppure da S, MP o V – quelli che solitamente sono i difensori della libertà – si sente nulla. Chiunque rimanga in silenzio e si limiti a guardare diventa automaticamente un sostenitore dello stato terrorista di Israele e indirettamente complice del genocidio dei palestinesi. Invitiamo tutti a contattare i politici per telefono o e-mail e chiedere loro di agire ora per fermare il genocidio a Gaza. Ogni ora, ogni minuto, uomini, donne e bambini innocenti vengono uccisi. Semplicemente non possiamo permettere che ciò continui, ma dobbiamo fare tutto il possibile per influenzare Israele affinché rispetti le leggi di guerra.

READ  Donna britannica identificata 31 anni dopo l'omicidio

Amico della giustizia