TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Presentatore: La nicotina non è il colpevole

Presentatore: La nicotina non è il colpevole

Hufvudstadsbladets sottolinea nella sua pagina editoriale (3.5) che la Finlandia rischia uno sviluppo simile a quello della Svezia con l'uso dello snus bianco. L'editoriale sembrava pensare che questo sarebbe stato un grosso problema. Ma sarebbe un peccato se, con l’aiuto dello snus bianco, la Finlandia raggiungesse la stessa bassa percentuale di fumatori della Svezia? E se anche la Finlandia riuscisse a creare due generazioni completamente senza fumo, con meno del 5% degli uomini e delle donne sotto i 45 anni che fumano quotidianamente, ciò rappresenterebbe una minaccia per la salute pubblica?

Naturalmente, non è così facile sedersi a Helsinki e scrivere sulle zone umide svedesi, quanto sedersi a Stoccolma ed esprimere un'opinione sulle saune. Venire dalla Svezia e spiegare ai lettori finlandesi come funzionano le cose con il tabacco, il fumo e la nicotina non è facile neanche; Le nostre esperienze, sfortunatamente, non sono così comuni come dovrebbero essere.

Sì, la nicotina crea dipendenza. Ma dalla ricerca emerge chiaramente che è la combustione del tabacco a produrre sostanze nocive che possono portare al cancro ai polmoni, alla malattia polmonare ostruttiva cronica e ad altre malattie. La nicotina non è il colpevole. Per quanto riguarda in particolare la ricerca della nicotina, il consenso scientifico sembra essere che essa rafforzi le capacità cognitive (Google nicotine cognitive optimization) e gli studi clinici condotti sui biomarcatori non mostrano segni convincenti di danni significativi alla salute negli adulti. Da un punto di vista puramente scientifico, si può affermare con certezza che le quantità di tabacco umido e di nicotina rappresentano una minaccia molto minore per la salute umana rispetto al fumo.

READ  Un numero straordinario di bambini con l'influenza in questo momento

Attualmente è tuttavia in corso una campagna internazionale contro la nicotina. Ma se è così dannoso, come mai gli uomini svedesi hanno un rischio minore di cancro ai polmoni nell’UE? Meno della metà della percentuale di uomini svedesi con questa diagnosi rispetto alla media UE.

Gli uomini svedesi fumavano più delle donne nel 1980, quando i pezzetti di tabacco umido divennero popolari. Successivamente, il fumo degli uomini è diminuito più rapidamente di quello delle donne fino a qualche anno fa, quando i livelli di nicotina sono arrivati ​​e anche le donne svedesi hanno iniziato a fumare sigarette.

La negazione della realtà e l’intolleranza costituiscono una base inadeguata per la formulazione di linee guida politiche. La verità è che prodotti diversi dalle sigarette portano a fumare meno. È fanatismo intraprendere una crociata contro la nicotina. Se non ti piace il tabacco da fiuto, non sniffare. Se non ti piacciono i tatuaggi, non farti tatuare. Se non ti piacciono le saune, non fare la sauna. Non dovrebbe essere più difficile di così.