TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pontus Jansson del Malmö FF rende omaggio all'inno dell'IFK Göteborg dopo la sconfitta

Aggiornato il 00.09 | Pubblicato il 2024-05-13 23.14

Gutenberg. Blu e Bianco sono di nuovo bloccati in fondo.

Ma aveva il sostegno di Pontus Jansson. che ha reso omaggio alla canzone in marcia “Snart Shiner Poseidon”.

-Stavo per iniziare a cantare, ma ho dovuto fermarmi. Ma devo dire che è incredibile.

Giornata impegnativa per il Malmö FF, che ha vinto 3-0 sull'IFK Göteborg senza fare scalpore. Manca ancora una stagione alla grande battaglia per Göteborg, ma Pontus Jansson vede ancora il classico incontro come un incontro importante.

– Lo penso ancora. È un posto bellissimo, quasi cantavo insieme alla loro marcia. Ho dovuto trattenermi, altrimenti le immagini televisive sarebbero state bellissime. Ma qui hanno sempre gli spalti pieni e il pubblico li sostiene. Presto le cose cambieranno.

L'IFK Göteborg ha avuto molto possesso palla, ma non ha tirato in porta.

– Ma penso ancora che mostrino la tendenza a essere sulla strada giusta. Si spera che non lo perdano ora e prendano alcune decisioni a breve termine, ma continuino a costruire su ciò che hanno iniziato. Penso che salgano continuamente. “Sono molto più avanti ora rispetto a quando li abbiamo incontrati sul campo lo scorso autunno”, afferma Jansson.

Immerso nel blu e nel bianco

Poca consolazione per i giocatori dell'IFK Göteborg, che hanno segnato sette gol in otto partite, dietro solo al Västerås in campionato in termini di gol.

READ  Patrick Sjöberg parla della sua esperienza di pre-morte: "Ha scelto di vivere"

-Non creiamo alcuna occasione. Arriviamo all'ultimo passaggio e poi di solito muore. Evidentemente non è stato approvato, afferma il caposquadra Gustav Svensson.

Rispetto all'anno scorso in questo periodo Blavet ha segnato due gol in meno, ma ha guadagnato un punto in più.

Inizi a riconoscere la sensazione?

– La differenza tra allora e adesso è che almeno giochiamo a calcio come vogliamo. Lì facciamo progressi nel giocare a modo nostro, avendo più possesso palla e controllando il gioco di nostra iniziativa. Ma no, non importa se non ne ricaviamo nulla. L’anno scorso mancava molto e abbiamo dovuto lottare per i punti ottenuti.

“Vale per iniziare a vincere”

Poi è arrivato il calcio d'inizio contro il Varberg per evitare i playoff.

– Ora abbiamo un altro arsenale nella borsa. Ma dobbiamo, dobbiamo arrivare al terzo finale.

I prossimi per Gutenberg sono Sirius (trasferta) e Magalbi (casa).

– Tutte le partite sono importanti, ma di sicuro. Adesso non possiamo alzarci e dire che si tratta di una proiezione e che abbiamo bisogno di più tempo. Ora abbiamo tempo, ora è il momento di iniziare a vincere le partite.