TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più morti dopo le inondazioni in Canada

Le forti piogge all’inizio della settimana, con frane e inondazioni, hanno colpito duramente la Columbia Britannica nel Canada occidentale.

Mike Farnworth, il ministro responsabile della sicurezza per la contea, ha dichiarato venerdì in una conferenza stampa che le autorità stanno spingendo per restrizioni su dove i residenti possono guidare e sulla quantità di carburante che possono acquistare.

Le inondazioni rendono difficile il rifornimento delle aree colpite e serve carburante per i veicoli di soccorso e assistenza.

30 litri massimo

– Chiediamo alle persone di non viaggiare nelle aree più colpite, per la propria sicurezza ma anche per garantire che il carburante disponibile sia destinato ai servizi di cui le persone hanno bisogno, afferma.

I residenti potranno rifornire le proprie auto solo con 30 litri di carburante.

Queste misure manterranno la continuità dei trasporti, stabilizzeranno le catene di approvvigionamento e garantiranno che tutti possano tornare a casa in sicurezza, afferma.

Tutte le strade principali da e per l’area intorno a Vancouver, la terza città più grande della nazione, sono state interrotte durante la settimana. La difesa è stata chiamata da mercoledì per ripulire le strade dai detriti e nella città di Abbotsford sono state costruite barriere per proteggere la città da altre piogge previste per la prossima settimana.

Più vittime

Una donna è stata trovata morta all’inizio di questa settimana nella città di Pemberton e sabato i resti di tre uomini sono stati trovati nella zona. Una persona è ancora dispersa.

Nel corso di pochi mesi, il Canada è stato esposto a diversi eventi meteorologici estremi. La prima ondata di caldo è stata a giugno con temperature di 49 gradi. Seguirono incendi boschivi.

READ  Si crede che Trump avesse una malattia mentale: si chiamava China

La terra bruciata non è ora in grado di assorbire la pioggia, il che significa che masse d’acqua si riversano rapidamente in laghi e torrenti allagati e causano gravi problemi nelle aree edificate e nel traffico.

Il clima estremo è collegato e può essere attribuito al cambiamento climatico, ha detto giovedì all’agenzia di stampa AP John Clagg, professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra della Simon Fraser University.