TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

"Piccole virtù" di Ginsburg è un grande saggio artistico

“Piccole virtù” di Ginsburg è un grande saggio artistico

cultura

“C’è stata una guerra e le persone hanno visto così tante case crollare che non si sentono più al sicuro nelle proprie case, come facevano quando erano sempre tranquille e al sicuro”. Questo è ciò che ha scritto Natalie Ginsberg nella nuova collezione di articoli svedesi Piccole virtù Dal 1963. Caratterizzata dalla consapevolezza che nulla le è stato dato nell’Italia fascista del dopoguerra, prende il punto di partenza delle cose quotidiane – scarpe rotte, caffè inglesi, piccole banche, silenzio – per scrivere e riflettere sulla condizione umana.

lingua dentro Piccole virtù Si distinguono per grande chiarezza e leggerezza, anche quando i bersagli sono vaghi e pesanti. Nei saggi sono rappresentati eventi quotidiani della vita dell’autore, ma sono sollevati al di sopra del banale consentendo alle storie di riflettere su questioni di vita e morte, felicità e infelicità, amore e perdita. In uno dei testi più belli e tristi “L’inverno in Abruzzo”, l’episodio è stato girato con il marito ei figli che vanno in esilio per evitare persecuzioni. Suo marito, ebreo e antifascista, fu assassinato pochi mesi dopo in un carcere di Roma. Scrive: “Ma è stato il periodo più bello della mia vita e solo ora, quando lui è andato via da me per sempre, solo ora lo so”. Paragrafi come questo lo fanno Piccole virtù Una grande vetrina nell’arte dell’essenza personale.

Ginzburg, senza perdere in complessità, riesce a bilanciare il privato e il pubblico. Attraverso il set, il lettore si confronta, mentre il titolo balbetta, domande sulla virtù e sulla moralità. In uno dei suoi saggi più efficaci, “Piccole virtù”, Ginsburg scrive con compassione riguardo all’educazione dei figli. Dici che l’educazione consiste nell’insegnare ai tuoi figli le grandi virtù rispetto a quelle piccole. Le grandi virtù «sgorgano da un istinto in cui la ragione non parla» e il meglio di noi «si trova in questo stupido istinto e non nella nostra pulsione all’autoconservazione che chiama, fa causa e studia la ragione». In senso concreto, questo significa che i genitori dovrebbero insegnare ai figli la generosità e l’indifferenza per il denaro, il coraggio e il disprezzo del pericolo, l’onestà e l’amore della verità, l’amore verso il prossimo, l’abbandono e il desiderio di conoscenza. Porto con me le parole di Ginzburg nella speranza di farle suonare per i miei futuri figli.

READ  L'Inter ha vinto il campionato italiano per la diciannovesima volta - la Juventus è riuscita a ritirarsi in Champions League l'anno prossimo - Sport - svenska.yle.fi

Natalia Ginsburg scrive dalla sua posizione di donna sotto il regime di Mussolini. Un regime la cui ideologia era centrale per la supremazia degli uomini e si opponeva attivamente alla liberazione delle donne. Nell’articolo “La mia professione” descrive la sua professione, la paternità e il suo complesso rapporto con la paternità. Ginzburg si muove liberamente tra diverse situazioni sociali – madre, fidanzata, moglie e non ultimo l’autore – e non tradisce mai la propria visione del mondo. Sottolineando il suo lavoro di pensatrice anche sotto i regimi più oppressivi, crea per sé uno spazio di libertà, che di per sé può essere visto come un atto di resistenza.

Oggi, a più di 60 anni di distanza, viviamo in Svezia all’ombra di un Paese diverso dall’Italia dittatoriale. Le circostanze della maggior parte degli svedesi sono fondamentalmente diverse da quelle di Ginzburg, sebbene molti di noi abbiano avuto recenti esperienze di guerra e oppressione. Domande sollevate in Piccole virtù Sembra, tuttavia, che le differenze siano in gran parte superficiali. Abbiamo ancora bisogno di coltivare le nostre relazioni, prenderci cura dei nostri figli, occuparci di denaro, lavoro, felicità e infelicità. Piccole virtù È un libro utile durante la vita. Non è altro che spiritoso.