TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Philip Ter: Ecco perché la decisione della NATO della Finlandia è diversa da quella della Svezia

Se ti siedi al Café Engel nella Piazza del Senato di Helsinki, avrai una vista della grande scalinata della cattedrale, ma anche della statua di Alessandro II al centro della piazza. Alessandro II fu Granduca di Finlandia fino al 1881. Spostandosi nel centro di Helsinki, la presenza della Russia è inevitabile. Lo si può vedere nelle architetture, nei monumenti e nella rete delle strade della città stessa.

Il fatto che Helsinki sia la capitale del paese è stata un’invenzione russa fin dall’inizio.

All’Engel Café ho conosciuto Johann Strang, che Ricercatore in politica e storia scandinava. Apparteniamo all’incirca alla stessa generazione e siamo d’accordo sul fatto che c’era una certa nostalgia per la guerra in Finlandia a cui siamo diventati sensibili, specialmente nella nostra adolescenza, e si riferisce al nazionalismo fuorviato e alle storie di eroi. Ma questo potrebbe migliorare.

Se dai un’occhiata agli adattamenti successivi de Il milite ignoto, scoprirai che sono più critici nei confronti della guerra, e quindi più vicini al romanzo originale di Vaino Lina, dice Johann Strang.

Lo stesso Vaino Lina sosteneva che il suo libro fosse un pacifista. Ci sono anche alcuni veterani finlandesi, da quando sono rimasti, che hanno meno nostalgia delle guerre. Ma gli sforzi sono ancora freschi nella memoria delle persone. Gli autori – anche i giovani novizi – ci offrono continuamente nuove prospettive sullo stesso argomento.

È in questo contesto che bisogna comprendere la decisione della NATO finlandese.

In Svezia, il dibattito sulla NATO sarà di parte, politico e ideologico. In Finlandia, ci sono alcune questioni che mettiamo nei nostri compartimenti privati ​​al di fuori della politica dei partiti, che per noi sono quasi esistenziali. Johann Strang dice che il caso della difesa è uno di questi.

Da almeno vent’anni la questione dell’adesione si ripete, fino a quando la parola “Opzione NATO” è diventata una frase quasi vuota.

La discussione in corso su La NATO è iniziata di recente in Finlandia quando gli stati baltici si sono uniti all’alleanza nel 2004.

READ  Un grave disastro petrolifero minaccia il Mar Rosso

Stava tenendo la Finlandia fuori dalla strategia della politica di difesa. La linea Kekkonen-Paasikivi del dopoguerra era basata sulla neutralità rispetto all’Unione Sovietica. Negli ultimi decenni, l’enfasi è stata invece posta sulla cooperazione in materia di difesa con la Svezia, la cui politica di difesa potrebbe aver avuto più a che fare con la Finlandia di quanto si possa ammettere. La Svezia avrebbe potuto aderire alla NATO con Danimarca e Norvegia già nel 1949, ma ha scelto la stessa strada della Finlandia. Oggi entrambi i paesi sono il più vicino possibile alla NATO senza esserne membri.

Da almeno vent’anni la questione dell’adesione si ripete, fino a quando la parola “Opzione NATO” è diventata una frase quasi vuota. Forse i problemi di difesa saranno alla fine risolti da altri problemi del destino, come la crisi climatica?

Ma questo avveniva prima che la Russia lanciasse un’invasione su larga scala dell’Ucraina e l’opinione pubblica venisse ribaltata dall’oggi al domani. Johann Strang sottolinea che è sorprendente che ciò sia accaduto, perché è successo il contrario quando la Russia ha invaso la Crimea otto anni fa. Poi i finlandesi vollero restare all’estero Nato.

Forse decisivo è stato il discorso del presidente Niinisto. Tutti possono vedere che il presidente si prepara ad entrare nella NATO. E i finlandesi tendono a fidarsi dei loro politici, almeno quando si tratta di un presidente popolare come Niinistö. Probabilmente ha anche molto a che fare con il tempismo: ti senti come se fosse ora o mai più. Di recente è diventato chiaro a tutti i finlandesi che la Russia non ha frontiere nella sua guerra. E 1300 chilometri è un limite molto lungo.

Generazioni di finlandesi si sono sinceramente interessate alla cultura, alla letteratura, alla lingua e alla storia russa

Ma la decisione della NATO significa la fine di un’era. Nelle ultime settimane, ad alcuni politici più anziani è stato detto che erano ingenui quando si sono avvicinati alla Russia. Come il presidente Tarja Halonen, che ha invitato Putin quando i due Paesi insieme hanno inaugurato il treno ad alta velocità tra Helsinki e San Pietroburgo poco più di dieci anni fa.

READ  Il figlio di Muammar Gheddafi arrestato alle elezioni presidenziali in Libia

Poi va ricordato che ci sono generazioni di finlandesi con un vero interesse per la cultura, la letteratura, la lingua e la storia russa. Come nel film di Juho Kuosman dell’anno scorso “Coupe No. 6”, un giovane studente finlandese (Sidi Harla) viaggia attraverso la Russia per vedere le incisioni rupestri. Harla interpreta un umanista finlandese abbastanza classico di cui conosco molto bene, che voleva vedere la Russia come qualcosa di diverso dal paese con cui le generazioni precedenti erano in guerra. L’autore Tommy Kininen ha scritto qualche giorno fa su Twitter di aver tentato per tutta la vita di sbarazzarsi dell’orrore russo che ha vissuto nella Finlandia orientale da bambino.

E non si tratta solo di esseri umani. Come sottolinea Johann Strang: Di recente, la Russia è stata vista come un paese di opportunità per la Finlandia. Ci sono grandi aziende come Fazer, Stockmann e Nokia che si sono stabilite lì.

La guerra di Putin riporta questo sviluppo indietro di decenni. Per ora, sembra improbabile che il danno possa essere riparato nel prossimo futuro. La decisione della NATO è principalmente una conseguenza dello sviluppo in Russia che comporta una grande perdita, sia per il popolo finlandese che per quello russo.