TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché ti senti come se fossimo tutti derubati?

Perché ti senti come se fossimo tutti derubati?

Saltiamo fino a mezz’ora dopo aver finito. Ebba Andersson rilascia intervista dopo intervista in end zone dopo aver conquistato il secondo posto al Tour de Ski.

In lontananza, dietro una staccionata blu, padre Orso Ulla e madre Åsa aspettano pazientemente di incontrare la loro figlia.

– Ha fatto tutto quello che poteva oggi. Se sei orgoglioso? Certo, dice Bear Ola Anderson.

Certo, dev’essere padre Anderson. Mostrando ancora una volta come sua figlia sia una pattinatrice completa, è salita ancora una volta sul podio a tutto tondo nella competizione più dura dell’inverno.

E i genitori di Anderson vogliono davvero essere coinvolti.

– Sono andato a Davos già il 16 dicembre. Da allora siamo qui, dice Per-Ola Andersson.

Scusa, è passato circa un mese.

Hmmm, ma è ora di partecipare. Quando vedi Ebba in competizione. In dieci anni tutto questo potrebbe finire.

Questo è ovviamente vero

Ma vorrei che mamma e papà Anderson si fossero divertiti un po’ meglio dopo il loro lungo viaggio.


Per una cosa è chiara: era molto meglio di prima.


Tempo fa, Charlotte Calla ed io abbiamo parlato di vecchi ricordi. Quel giorno, quasi esattamente 14 anni fa, quando eravamo entrambi sulla stessa montagna.

Cala è salito per primo sulla collina, ha vinto la pensione completa e ha aspettato in cima due ospiti inaspettati. In parte padre Per-Eric che si è recato segretamente in Italia, in parte il consigliere comunale di Pagala, Bengt Niska, che ha accompagnato padre Cala.

Fu allora che il consigliere Niska fece un commento classico:

– Niska ha detto che questo era più grande per Pajala rispetto a quando era pronto per essere estratto nel comune, e si è rovesciato su un pezzo di carne di renna al 20enne Kala nell’area bersaglio.

READ  Si dice che Lyubomir Frangis sia stato licenziato dopo il fallimento

– Haha, sì, me lo ricordo! Charlotte Calla dice che ha portato della carne da casa con lui, e lei ride ad alta voce.

All’epoca – e molti anni dopo – la fine del Tour de ski era tanto semplice quanto guidata in modo aggressivo.

Il primo a raggiungere il traguardo è stato il vincitore finale. Lei – o lui – doveva stare lì da sola. Indisturbato, devi goderti il ​​momento come numero uno al mondo prima che il resto del campo sconfitto si faccia strada.

Poi è stato accolto con un milione di dollari in premi in denaro – e forse un pezzo di carne secca.


Natalia Nebrazheva non ha avuto quel momento, o il milionesimo, o nessun pezzo di carne.


Quando il russo ha tagliato il traguardo come vincitore assoluto, c’erano già altri tre pattinatori dall’altra parte del traguardo.

Quindi Neprajaeva è stato permesso di guardare il grande schermo per vedere il suo tempo prima di essere completamente sicura della sua vittoria.

È un pessimo gioco.

La Federazione Internazionale di Pattinaggio (Fis) ha cambiato la fase finale da una partenza di caccia a una partenza di massa perché pensavano che rendesse la salita più emozionante.

Se ci riescono? mai. Inoltre, tutto è diventato davvero confuso sia per i pattinatori che per i telespettatori.

Inoltre, c’è un altro aspetto: il cambiamento rende anche più difficile inseguire piloti come Ebba Andersson oggi.

È stato difficile per Nebrajiva iniziare a salire da solo in testa, pieno di incertezza su come avvicinarsi a quelli dietro di lei e alle prese con i fantasmi del loro cervello e del nervosismo.

READ  "È divertente da mostrare alla maggior parte delle persone."

Ora potrebbe invece lasciare andare Ebba Andersson e Heidi Weng, guidare un po’ più dolcemente lì dentro – e avere sempre il controllo che non hanno fatto molti progressi.

Stranamente, questo deve continuare. La maggior parte dei piloti sembrava essere completamente d’accordo sul fatto che volevano ricominciare a cercare e che tutto era molto più eccitante di prima.

Hanno ovviamente ragione.


È un mistero che Fis non si renda conto della stessa cosa.

* * *

finalmente. Ho iniziato il mio intero tour sciistico del Tour de Ski con uno storico record angolato su Charlotte Cala e Calle Halvarson.

Più precisamente: che i due veterani fossero sull’orlo, che un round fallito potesse essere la fine della loro lunga carriera in campionato.

Com’è andata?

Fortunatamente, entrambi indietreggiarono da quella sporgenza. Fortunatamente, entrambi hanno trovato qualcosa che sembrava l’alba all’ultimo momento.

Calle Halfvarsson è ovviamente pronta per le Olimpiadi di Pechino. Anticipo freddamente che anche Charlotte Calla possa iniziare a prepararsi per la sua quarta Olimpiade.


Questa è stata per molti versi la cosa migliore dell’intero Tour de ski 2022.

Guarda l’ultimo episodio di Skidsnack