TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Papa ai giovani italiani: “Condividi le tue paure, scompariranno”

Lunedì sera Papa Francesco ha tenuto una veglia di preghiera con migliaia di giovani pellegrini dall’Italia, esortando i giovani a mettere da parte ogni paura e cercare Gesù con tutto il cuore.

Charlotte Smeats – Città del Vaticano

Un folto gruppo di giovani pellegrini italiani ha tenuto una veglia di preghiera con Papa Francesco lunedì sera, lunedì di Pasqua, con il tema “Seguimi”.

L’evento ha segnato il primo grande evento dell’eruzione del Govt-19 in Piazza San Pietro 2 anni fa. La Settimana di preghiera è stata organizzata dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI), e molti giovani hanno condiviso la loro fede e l’esperienza della prova, e poi il Papa li ha ascoltati parlare e ricevere la sua benedizione.

Circa 100.000 adolescenti italiani hanno sentito una donna di nome Alice parlare della sofferenza vissuta alla morte della nonna e ha capito come poteva trasformare il suo dolore in un dono per gli altri.

Un’altra donna, Sofia, ha raccontato della sua solitudine durante le epidemie del Govt-19 e di come un nuovo amico le abbia insegnato a guardare la vita con occhi diversi, con speranza e gioia.

I giovani pagano il prezzo della guerra

Papa Francesco ha parlato ai giovani pellegrini italiani della sua gioia di poter finalmente ricevere un gruppo così numeroso in Piazza San Pietro dopo una lunga giornata.

Ha ricordato la sua sfera in studio in Piazza San Pietro il 27 marzo 2020, quando ha chiesto la fine dell’epidemia quando le persone erano in agguato nelle loro case per paura delle forti piogge e del virus.

Ora, a distanza di due anni, il papa ha espresso la sua gioia che la gioia pasquale abbia finalmente riempito la piazza.

READ  Milan "rapina" allo stop - Bioli: "L'arbitro non è il migliore in campo"

Allo stesso tempo, ha notato che dense nubi stanno ancora coprendo il nostro mondo poiché la peste è ancora con noi e una terribile guerra è scoppiata nell’Europa orientale.

– Spesso i tuoi ragazzi pagano di più. Le loro vite sono in pericolo e i sogni futuri sono calpestati. Molti fratelli e sorelle aspettano ancora la luce di Pasqua.

Mai perdere la speranza

Dopo la risurrezione di Gesù, il Papa ha ricordato la buona novella di quanto apparve ai suoi discepoli sulle rive del Mar di Galilea (Gv 21,1-19).

Ha fatto notare che dopo la morte di Gesù il Venerdì Santo i discepoli si sentivano depressi ei loro sogni erano andati in frantumi.

Ma mentre erano seduti sul peschereccio, quando sorse il sole, i discepoli videro apparire sulla riva un uomo. Giovanni – “discepolo prediletto di Gesù” – ha riconosciuto il Signore risorto.

Papa Francesco ha sottolineato che i giovani non dovrebbero mai perdere la speranza, anche se i loro sogni sono infranti e tutto sembra essere perduto.

“Ci sono momenti in cui la vita ci mette alla prova, ci sono momenti in cui sentiamo il peso della nostra debolezza… Non dobbiamo aver paura di dire ‘Ho paura del buio’!

Condividi le nostre paure

Papa Francesco ha detto che tutti a volte hanno paura e che dovremmo condividere le nostre paure con coloro in cui crediamo.

“Quando la nostra paura – vivere nell’oscurità – viene alla luce, la verità si infrange”, ha detto. “Non temere: se hai paura, porta alla luce la paura, e ti farà bene”.

Coraggio per cercare Gesù

Il Papa ha concluso il suo intervento ai giovani italiani ricordando loro la loro capacità di scoprire Dio e la verità. Supera la paura con il coraggio di avere qualcuno che ti tenga per mano. “

READ  La storia d'amore di Kareena Bergfeldt con il marito di Jasper, Jasper Sol

Durante i tempi difficili, Papa Francesco è finito e siamo tornati da nostra Madre Maria. Con una sicurezza come la sua, il tuo ‘Eccomi!’ Al Signore».